BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scandalo Volkswagen L’azienda chiede scusa sui giornali agli italiani

L'azienda tedesca ha acquistato una pagina sui principali quotidiani italiani per scusarsi dell'errore che ha dato il via allo scandalo sulle emissioni truccate di alcuni motori Diesel: “Faremo di tutto per riconquistare la vostra fiducia”.

Più informazioni su

“Faremo di tutto per riconquistare la vostra fiducia”: Volkswagen, travolta dallo scandalo sulle emissioni truccate di alcuni suoi motori Diesel, corre ai ripari con gli italiani e chiede scusa dalle pagine dei principali quotidiani nazionali.

L’azienda tedesca ha infatti acquistato alcuni spazi pubblicitari per far sentire la propria voce, ammettendo senza mezzi termini l’errore fatto e dichiarando di voler fare di tutto per rimediare.

“Cari clienti Volkswagen – si legge nel comunicato – recentemente abbiamo commesso un grave errore: abbiamo compromesso il rapporto di fiducia che da sempre ci lega. Chiediamo scusa a tutti, in primo luogo a voi. I nostri reparti Ricerca e Sviluppo stanno lavorando a pieno ritmo in collaborazione con le autorità competenti per fare chiarezza sui valori di emissione di ossido di azoto (Nox) di alcuni nostri motori Diesel della famiglia EA 189. In questa circostanza più che mai sappiamo che le azioni pesano molto più delle parole. E una prima azione nei vostri confronti è già stata attuata: sul sito volkswagen.it è attiva una sezione, dove potrete verificare se la vostra auto è interessata”.

Poi il colosso di Wolfsburg puntualizza su una delle questioni più dibattute: “Vi confermiamo che tutti i veicoli sono comunque tecnicamente sicuri e adatti alla circolazione su strada e possono continuare a essere usati normalmente, senza alcuna limitazione. Quando la soluzione tecnica sarà disponibile, provvederemo a contattare tutti i proprietari delle auto interessate, invitandoli a portare il loro veicolo presso le Concessionarie o i Service Partner per eseguire l’intervento necessario. Ovviamente in forma totalmente gratuita. Vi ricordiamo che le nuove vetture della gamma Volkswagen equipaggiate con motori Euro 6 attualmente in vendita non sono coinvolte nella problematica e soddisfano pienamente i requisiti di legge e gli standard ambientali. Sappiate che non ci fermeremo fino a quando non avremo riconquistato pienamente la vostra fiducia”.

Un modo per salvare quantomeno la faccia nelle stesse ore in cui i grandi azionisti studiano la maxi causa miliardaria e le associazioni dei consumatori premono per un’imponente class action.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CHESTER

    Lo scandalo VW è gravissimo e gli effetti si faranno sentire anche in Italia. La differenza, rispetto a noi italiani, è che per loro, i tedeschi, è un’eccezione mentre per noi è la regola. Altra differenza sta nel fatto che VW rinfonderà il danno e ammetterà i suoi errori.I tedeschi non sono esenti dalla corruzione ma sono decisamente più efficienti. Il sistema tedesco rinascerà più forte di prima in quanto è in grado di fare autocritica.

  2. Scritto da Mario

    Gentile redazione
    Non è un errore ma una truffa!!! non è recente ma è durata parecchi anni!
    Inoltre il possibile danno per l’ambiente è una questione che riguarda tutti e non solo i clienti del gruppo VW e per finire c’è la concorrenza sleale nei confronti degli altri costruttori.
    È possibile che non riusciate a commentare un po’ seriamente queste cose limitandovi a generiche frasi di circostanza?

  3. Scritto da il polemico

    errore?errore è credere nell’efficenza tedesca.dopo questo scandalo,saltano fuori altri scandali con le loro poste,le loro banche negli anni passati,messi in fretta tutti a tacere,perchè per un tedesco è più grave fare i bunga-bunga piuttosto che rifilare a milioni di clienti automobili taroccate nelle prestazioni.io spero che colpiscano duro,ache se credo che interverrà il governo per sanare la situazione,la wv è pur sempre il fiore all’occhiello dell’industria tedesca