BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, col Carpi c’è da difendere il Comunale che è tornato “fortino”

I nerazzurri non perdono a Bergamo dal maggio scorso e in questo avvio di stagione hanno toppato solo il debutto con l'Inter e l'ultima a Firenze. Gli emiliani, invece, in trasferta hanno raccimolato solo un punto, a Palermo, e due scoppole con Samp e Roma.

Più informazioni su

Dopo la settimana di sosta per gli impegni della Nazionale che si è qualificata per gli Europei di Francia del prossimo giugno, riprende il massimo campionato italiano di calcio.

La sfida-salvezza che attende domenica 18 ottobre gli uomini di Reja è un assoluto inedito. Atalanta e Carpi infatti non si sono mai affrontate in campionato e, a quel che risulta, neppure in altre manifestazioni ufficiali. Le due squadre avrebbero potuto incontrarsi in Coppa Italia lo scorso anno se il Carpi non fosse malamente caduto al secondo turno perdendo 2-1 a Pisa.

I bergamaschi, reduci dalla sconfitta di Firenze, dovranno dimostrare che si è trattato semplicemente di un passo falso, peraltro prevedibile visto che è maturato (seppur con qualche recriminazione) in casa della prima della classe. Gli emiliani dal canto loro saranno certamente galvanizzati dalla prima storica vittoria in serie A ottenuta nell’ultima giornata ai danni del lanciatissimo Torino. Tutto frutto della notoria sferzata dovuta al cambio della panchina (l’ex Siena e Palermo Sannino per Castori) oppure inversione di rotta? Vedremo.

Sta di fatto che l’Atalanta ha perso solo il primo (Inter al 93° minuto) e l’ultimo (Fiorentina) impegno in calendario, inanellando nel mezzo un filotto di ben cinque risultati positivi con 11 punti guadagnati. Sempre i nerazzurri durante questo avvio di stagione vantano in casa due vittorie (con Frosinone e Sampdoria) ed un pareggio (quello rocambolesco contro l’Hellas Verona): lo stadio di Bergamo sta tornando ad essere il “fortino” che è sempre stato, se è vero che la più recente sconfitta casalinga coincide con l’ultimo turno del campionato scorso (30 maggio, 1-3 contro il Milan).

Da notare che Denis, Pinilla e compagni vanno in gol da 9 turni casalinghi di fila (l’ultima volta a secco è stata il 15 marzo scorso contro l’Udinese). Ma, al tempo stesso, nelle ultime dieci uscite all’Atleti Azzurri d’Italia gli uomini di Reja sono rimasti con la porta inviolata solo in due occasioni.

A parte queste statistiche, quello che conta in questo momento è che la squadra sta giocando bene e sembra aver ben assimilato il modulo voluto da Reja ossia il 4-3-3.

I carpigiani invece hanno subito due ko nelle prime due giornate, alternando successivamente risultati utili a sconfitte, con l’exploit del suddetto primo storico successo nella massima serie. Il Carpi da trasferta quest’anno ha raccolto solo il pareggio di Palermo, mentre nelle uscite al Ferraris (contro la Sampdoria) e all’Olimpico (contro la Roma), gli sono piovuti addosso ben 10 gol (equamente suddivisi). E così l’ultimo successo corsaro risale al campionato scorso quando, in serie B, la squadra allora allenata da Castori fece suo il derby col Modena del 3 maggio.

La notizia più importante in casa atalantina è che Pinigol, dopo aver lavorato duramente per riprendersi dall’infortunio patito contro la Sampdoria, si è allenato regolarmente con i compagni e domani sarà a disposizione dell’allenatore. Chi invece certamente non sarà del match è ovviamente Paletta che ha rimediato il cartellino rosso nell’ultima uscita in casa viola. E così, con un posto da sicuro titolare per Toloi, che ben si sta comportando in queste ultime uscite, quello lasciato vacante dall’italo argentino sarà coperto o da Stendardo o da Cherubin (con il primo a mio avviso al momento leggermente favorito).

Fortunatamente l’infermeria conta al momento solo i lungodegenti Estigarribia e Suagher, mentre tutti gli altri uomini risultano abili e arruolabili. Quindi il resto della formazione appare scontata con i giocatori che mister Reja ha utilizzato fino a questo momento.

Lancio una provocazione riguardante la fascia destra: con i limiti che attualmente (e non solo) ha Bellini, con un Masiello che non è ancora ai livelli che conosciamo, perché non provare il giovane Conti? Il lecchese classe 1994, che ben aveva impressionato durante il pre campionato, non ha purtroppo ancora avuto modo di esordire nella massima serie, ma ha giocato titolare (e bene) le ultime due vittoriose gare della nazionale Under 21 di Di Biagio contro la Slovenia e l’Irlanda. E attenti anche allo scalpitante Monachello, anch’egli reduce dalle due suddette partite in maglia azzurra, nella prima delle quali (partendo dalla panchina) ha segnato anche una bellissima doppietta. In caso di necessità potrebbe essere pronto a subentrare per cercare di scardinare la retroguardia carpigiana.

Vista così potrebbe apparire una gara scontata, con l’Atalanta pronta a far suo in un solo boccone il malcapitato avversario. Facile dire: contro il Carpi in casa? Non si può non vincere. Ma gare come queste nascondono sempre molte insidie: la classifica da mantenere e, se possibile, migliorare, il dover aumentare il gap di punti dalla zona retrocessione, insomma l’ansia del “dover” vincere, sono tutte componenti che possono giocare brutti scherzi. E poi si sa, la palla è rotonda, le partite possono cambiare in un attimo per qualche episodio (come sarebbe finita a Firenze senza l’espulsione di Paletta dopo 5 minuti?) per cui occorre massima attenzione.

Un aspetto su cui l’Atalanta dovrà, anzi, deve certamente migliorare, poi, è quello comportamentale: i giocatori nerazzurri hanno beccato sinora ben 21 cartellini gialli (contro i 17 del Carpi) e 2 rossi (Pinilla e Paletta) e questo non va per nulla bene. D’accordo che l’Atalanta fa del pressing e dell’agonismo le sue armi migliori, ma con il passare delle giornate e le conseguenti diffide si rischia di perdere giocatori fondamentali. Soprattutto perché dopo la sfida con gli emiliani si dovranno affrontare match ben più difficili, visto che nelle prossime 4 gare l’Atalanta dovrà vedersela con tre big come Juve, Lazio e Milan (e il Bologna in casa).

Tornando alla gara di domani, il Carpi è una squadra che cerca di fare del collettivo la sua arma migliore. In difesa oltre ai ben conosciuti Zaccardo e Spolli (1 sola gara disputata però finora dall’ex catanese), c’è il giovane Letizia (al Carpi sin dai tempi della Lega Pro) che finora si è ben comportato (anche se domani potrebbe partire dalla panchina). A centrocampo non vi sono uomini di “primo piano” e così il più conosciuto è uno dei due ex della partita, ossia il bergamasco Andrea Lazzari, che giocò nelle file nerazzurre nel campionato 2004-’05 (l’altro è il nostro portierone Marco Sportiello che con la maglia bianco rossa ha conquistato la promozione in serie B nel 2012-’13). All’epoca giocatore di buone prospettive che però con il passare degli anni non ha a mio avviso mantenuto le aspettative che molti riponevano in lui. Il reparto offensivo di Sannino oltre all’ex viola Matos, può contare su un bomber pericoloso come Borriello che dopo aver girovagato per l’Italia (e anche in Inghilterra nella sfortunata esperienza al West Ham in Premier League) sembra aver ritrovato in terra emiliana lo spirito giusto e soprattutto la via della porta. Speriamo che la sua voglia di continuare a segnare trovi domani una battuta d’arresto.

A proposito di battute: visto che dopo alcune gare giocate in anticipo e posticipo (anche in giorni feriali), si torna finalmente al consueto orario pomeridiano domenicale e che l’arbitro della gara sarà il signor Fabrizio Pasqua di Nocera Inferiore, auguriamoci, dopo il tonfo di Firenze, la resurrezione della Dea.

Il Bore

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.