BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Che sia la volta buona? Maroni e la Giunta a Zogno per rifinanziare la variante

Nei corridoi di Palazzo Lombardia si fanno sempre più insistenti le voci di una convocazione della Giunta regionale a Zogno, in Valbrembana. Potrebbe essere venerdì prossimo oppure tra due settimane.

Non una semplice conferenza stampa, ma un segnale inequivocabile della vicinanza della Regione al territorio. Nei corridoi di Palazzo Lombardia si fanno sempre più insistenti le voci di una convocazione della Giunta regionale a Zogno, in Valbrembana. Potrebbe essere venerdì prossimo oppure tra due settimane. La trasferta bergamasca dovrebbe ufficializzare il rifinanziamento della variante di Zogno, strada ferma da un anno a causa degli extracosti da quasi 24 milioni di euro emersi nella fase di realizzazione.

La Provincia, bersagliata dai tagli del governo, non è più in grado di gestire il complesso progetto di riapertura del cantiere e così la Regione ha deciso di prendersi in carico la pratica per portare a termine l’infrastruttura. Un paio di settimane fa la questione è stata già affrontata dalla Giunta che ha dato un primo via libera allo stanziamento complessivo di 31 milioni di euro. “In considerazione del perdurare delle criticità legate alla conclusione di un’opera prioritaria – si legge nell’informativa – Regione Lombardia sta valutando di finanziare la totalità degli extracosti della variante di Zogno per l’importo complessivo di 31,5 milioni di euro con un incremento dello stanziamento di ulteriori 15,5 milioni previo accordo con la Provincia”.

I tecnici di via Tasso venerdì 16 ottobre si sono confrontati con i colleghi di Palazzo Lombardia per affinare la convenzione tecnica. Il documento non è ancora pronto, ma non pregiudica l’impegno formale finanziario della Regione. Nonostante l’ultima accelerata i tempi non sono brevi: tra gara d’appalto, assegnazione e inizio lavori, secondo le previsioni il cantiere dovrebbe riaprire solo dall’estate prossima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Festival

    Altro buffet per festeggiare la concessione dei contributi?

  2. Scritto da luca

    Beh, lodevole il grande sforzo di Maroni con i NOSTRI soldi

  3. Scritto da giuseppe

    Non ho dubbi che l’oper verrá finita. Ci sono in ballo troppi interessi. Sarà interessante alla fine dei lavori (qualcuno si ricorda quanto tempi ci hanno messo per la galleria di S. Pellegrino?) verificare la differenza fra costo preventivato iniziale e quello finale…