BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La maggioranza sta a casa, salta la mozione di sfiducia contro il sindaco Pezzoni

Pur di non discutere la mozione di sfiducia la maggioranza di Treviglio ha deciso di disertare una convocazione ufficiale del Consiglio comunale. Anche il sindaco Beppe Pezzoni, travolto dallo scandalo della laurea mai avuta, non si è presentato in aula.

Pur di non discutere la mozione di sfiducia la maggioranza di Treviglio ha deciso di disertare una convocazione ufficiale del Consiglio comunale. Anche il sindaco Beppe Pezzoni, travolto dallo scandalo della laurea mai avuta, non si è presentato in aula. Il primo cittadino ha annunciato che si dimetterà il prossimo 25 novembre, dopo l’approvazione degli assestamenti di bilancio. Mercoledì sera in Comune i banchi sono stati occupati solo dagli esponenti dell’opposizione, mentre nelle sedie del pubblico sono stati posizionati dei consiglieri “cartonati”.

Gli esponenti del Movimento 5 Stelle, tra cui il candidato sindaco Emanuele Calvi, hanno deciso di puntare sull’ironia: “tocco” il copricapo dei laureati) in testa e lo striscione: «L’onestà andrà di moda»: “Il Consiglio Comunale è andato deserto – spiegano i pentastellati -. Il sindaco Beppe "non-sono-un-coniglio" Pezzoni non si è presentato insieme a tutta la sua maggioranza per sottrarsi alla discussione della mozione di sfiducia. Noi invece eravamo presenti. Orgogliosi di esserci, non dobbiamo scappare perché non abbiamo niente da nascondere. Laureati in onestà”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Pezzoni ha perfettamente ragione : un uomo che si comporta da coniglio in mezzo a tanti altri uomini che si comportano da conigli, può anche dire di non essere affatto un coniglio.
    Infatti, nessun nazista si sentiva un mostro ad usare i forni mentre il suo gruppo di appartenenza era ben saldo al potere. Anche gli uomini più ordinari o, come ben sappiamo dopo Auschwitz, anche i più banali posso grandi gesti efferati quando si nascondono dietro l’ideale.

  2. Scritto da andrea

    Purtroppo, di fronte all’aiutoreferenzialità della giunta e della maggioranza che la sosstiene, non c’è nulla da ridere, ma occorre chiedersi fino a che punto deve giungere la politica perchè un elettore di cdx si indigni dei rappresentantio che ha eletto

  3. Scritto da tugni

    capisco che in certe situazioni ci si vergogni a presentarsi in pubblico, ma allora si dimettano tutti quelli della maggioranza! non si tiene un posto pubblico per fare dell’assenteismo programmato

  4. Scritto da nino cortesi

    Non c’erano argomenti economici di rilievo.
    Quelli dei paisècc che ridere dj Treviglio.

  5. Scritto da ridicoli

    per me ,che non sono di treviglio, questa situazione sfiora il ridicolo.. quelli che per anni sono stati amministrati dal dott. (ahahaha) Pezzoni, che l’hanno votato e sostenuto, nelle ultime settimane dovrebbero aver avuto prove inconfutabili di NON aver fatto la scelta giusta… anche perchè sono stati, in qualche modo, vittime della truffa… sbagliare è umano, perseverare è diabolico.

  6. Scritto da responsabili

    spero che chi ha eletto questa giunta chieda conto ai propri eletti del perche’ “sfuggono” alla loro responsabilita’ come dei ragazzini che bigiano la scuola quanto c’e’ una verifica. Davvero un bell’esempio di rappresentanza politica ha dato la maggioranza in questa occasione… come se di figuracce non ne avessero gia’ fatte abbastanza in quel comune…