BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uso del contante, soglia a 3mila euro: plauso Ascom Adiconsum storce il naso

La proposta di Matteo Renzi piace all'associazione dei commercianti bergamasca, meno a quella dei consumatori che attacca: “La chiave per combattere l'evasione è ridurre il contante in circolazione, non aumentarlo”.

La proposta di Matteo Renzi di portare la soglia dell’uso del contante da mille a tremila euro ha scatenato ovviamente una valanga di reazioni, divise quasi perfettamente tra favorevoli e contrari e se Ascom Bergamo applaude all’iniziativa, Adiconsum Lombardia storce invece il naso.

Secondo l’associazione dei commercianti cittadina, il provvedimento permetterebbe al sistema imprenditoriale di competere alla pari con i soggetti che operano in altri Paesi dell’Unione Europea, che ha posta a 10mila euro la soglia limite per l’uso del contante: "Farà bene a tutte le nostre attività imprenditoriali – sottolinea il direttore di Ascom Bergamo Oscar Fusini – I nostri settori chiedono da tempo che la soglia sia in linea con i principali competitor europei. Per gli imprenditori del terziario la notizia contribuisce a dare qualche segnale di fiducia e mostra attenzione verso il commercio. È anche un primo passo per soddisfare la domanda di turisti, soprattutto internazionali e di fascia alta, in particolari orientali e russi, che sono abituati ad utilizzare denaro contante nei loro pagamenti e che ormai hanno tra le loro mete anche Bergamo. Il fatto che le carte di credito e i bancomat siano soggetti a plafond giornalieri e mensili predeterminati ha spesso scoraggiato i consumatori dall’affrontare spese dall’importo elevato". Un’accoglienza diametralmente opposta, invece, è stata riservata da Adiconsum Lombardia.

L’allarme lo lancia in prima persona il presidente Carlo Piarulli: “Assurdo che sul provvedimento vi siano espressioni di taumaturgico rilancio dei consumi o di grande conquista di libertà. Non ci risulta che oggi in Italia vi sia gente comune che si sente frustrata perchè ha una limitazione fino a mille euro per acquistare un bene anziché pagarlo con carta di credito o bancomat. Viceversa ai nostri sportelli la gente arriva perchè non riesce a fare la spesa, perchè non ha capacità di reddito, perchè non c’è il lavoro, perchè ha la pensione al minimo”.

La tesi di Adiconsum poggia sul fatto che il contante, in quanto mezzo anonimo e non tracciabile, alimenterebbe la possibilità di sviluppare l’economia sommersa: “Ridurne la quantità in circolazione, e non aumentarla, è una delle chiavi per la lotta all’evasione – continua Piarulli – Sono maturi i tempi per l’utilizzo diffuso della moneta elettronica: incrementarla ha un impatto positivo sulla riduzione del sommerso e sull’evasione fiscale, oltre che sul costo della gestione del contante che è di 4 miliardi l’anno per il settore bancario e 8 miliardi l’anno per il sistema paese. Utilizziamo quanto si spende per la gestione del contante – conclude il presidente di Adiconsum Lombardia – nella direzione dell’alfabetizzazione digitale dei consumatori, nell’incentivare l’utilizzo della moneta elettronica (bancomat e carta di credito) che va sostenuto abbattendo i costi ai mini termini sia per il consumatore che per l’esercente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da La verità fa male

    Quante stupidaggini che leggo! Conosco personalmente persone che accettano pagamenti in contanti e non sono spacciatori oppure riciclatori di denaro ma semplicemente baristi, barbieri, commercianti, piccoli artigiani, fioristi. Queste persone non vogliono avere un PIN, non gli interessa niente di avere un conto corrente “on line”, e vogliono poter disporre del LORO denaro (che è LORO e non dello Stato, e nemmeno delle banche e di certi commentatori invidiosi) in modo libero. Chiaro?

  2. Scritto da Alberto

    Contenti voi di non disporre fisicamente del vostro denaro, ma di affidarlo in toto alle banche… Se ne vedranno le conseguenze al prossimo blocco dei capitali…

  3. Scritto da Eolo

    Immaginavo che il PD diventando renziano ed essendo costretto ad un’alleanza con NCD sarebbe anche stato costretto anche a fare alcune cose schifose , questa è una delle cose schifose , senza alcuna giustificazione . I 1000 euro non creavano problema alcuno se non ad evasori e delinquenti. Forse anche a chi , da sposato, ha un’amante o è un grande frequentatore di signorine/i ma non mi pare una priorità rispetto ai temi di prima .

  4. Scritto da La verità fa male

    Io sono relativamente giovane, non ho problemi (anzi mi è molto comodo) a svolgere le mie operazioni quotidiane con carte di credito, conti correnti on line e remote banking. Una persona anziana oppure poco pratica con i computers si tira matto tra codici PIN da ricordare, programmi remote banking e conti correnti on line. Il contante per loro resta ancora l’unico strumento di pagamento: è meglio privilegiare la comodità operativa di molti (rischiando qualche piccola evasione fiscale)

    1. Scritto da andrea

      Infatti la norma in vigore consente pagamenti UNITARI in contanti fino a 1000 euro, cioè vai in un negozio e spendi in contanti fino a 999 euro, poi vai in un altro e puoi spendere ancora fino a 999 ecc. Solo se si superano i 1000 euro il pagamento NON può avvenire in contanti. Che problemi potrannno mai avere i nostri vecchietti, se non quello di avere delle basse pensioni (ma questo è unaltro discorso)?

    2. Scritto da Rintintin

      E te pareva ! Quante volte una persona anziana manipola più di 1000 euro ? Per altro esistono ancora gli assegni , dov’era il problema nel lasciare l’importo a 1000 euro ? Mi piacerebbe che qualcuno mi presentasse una persona anziana andata in difficoltà ! Una barzelletta.

    3. Scritto da mavalah

      certo, è pieno di vecchietti, sdentati e claudicanti, che non sanno digitare un PIN e che girano con 2-3 mila euro in contanti per i loro bisogni quotidiani. mavalah. secondo me sono le droghe che (ti) fanno male, non la verità.

      1. Scritto da villano

        Non so quanti anni abbia lei e che droghi usi (lei).Spero per lei che un giorno non si ritrovi nelle condizioni su cui ironizza (sdendato claudicante,incapace di digitare un PIN),altrimenti avrebbe ben poco da ridere.

        1. Scritto da mavalah

          non ho capito perchè non mi augura anche di avere 2-3 mila euro da spendere per i miei bisogni quotidiani… visto che era parte integrante del mio commento! per il resto, non le sto a spiegare il senso del mio commento precedente, e la ringrazio per l’augurio… lei si che è un signore.

          1. Scritto da villano

            Infatti io ho scritto :”Spero per lei che un giorno non si ritrovi ….” Non mi sembra affatto un augurio. Ma che glielo dico a fare..

      2. Scritto da La verità fa male

        Molte persone giovani e anziane non si fidano di carte di credito, codici PIN, banche e conti correnti on line (evidentemente perchè le banche sono poco credibili, ma questo è un problema delle banche, non mio). Quando avrò 70 – 80 anni questo discorso sarà ormai superato perchè le giovani generazioni utilizzeranno sempre più gli strumenti elettronici, ma sarà per comodità personale e per praticità e non perchè qualche burocrate e qualche politico vuole imporre loro queste scelte

  5. Scritto da leo cat

    Questo governo fa solo cose di destra, libertà di licenziamento, privatizzazione della scuola pubblica, immunità parlamentare a consiglieri regionali e sindaci, innalzamento soglia pagamento in contanti. Fosse x me abolirei del tutto il contante, tutto tracciabile significa niente nero, niente evasione fiscale, niente mazzette a politici e funzionari pubblici, a meno che non si accontentino di pagamenti in natura. Un mondo perfetto. PS Se non volete far guadagnare le banche, nazionalizziamole.

  6. Scritto da NON COL COL VENTO

    Una lisciatina di pelo a parassiti e disonesti, in puro stile populista. Complimenti, la campagna elettorale continua…

    1. Scritto da Ranger

      Sono un elettore PD e probabilmente continuerò ad esserlo ( non so fino a quando) perchè ciò che ha intorno è letteralmente inguardabile , ma in questo caso hai perfettamente ragione. Provo una gran rabbia nei confronti di M5S che per fatti partitici (si, partitici) propri ha costretto il PD ad allearsi con NCD per dare uno straccio di governo alla nazione e queste sono le conseguenze . M5s indecorosi e molto più che inutili, fortemente dannosi.

  7. Scritto da vadovia

    Un contentino per un popolo di pecore.

  8. Scritto da La verità fa male

    Solo nelle dittature e nelle menti bacate come quelle di Bersani e Visco un governo impone ai cittadini con quali strumenti devono eseguire i pagamenti (magari favorendo le banche che ci lucrano con le loro commissioni) e quanti soldi in contanti possono prelevare. I contanti sui conti correnti sono dei cittadini, non di Bersani e Visco. Io abolirei anche il limite dei 3.000 euro e lascerei il contante libero per qualsiasi importo

    1. Scritto da CHESTER

      La MAFIA ringrazia !

    2. Scritto da andrea

      Ecco un fulgido esempio (secondo l’italica destra) del concetto di legalità: da un lato i cittadini onesti che pagano le tasse e mantengono i servizi pubblici anche per quelli che liberamente evadono e riciclano: è questa l’idea dell’Italia secondo una certa destra e chi prova a contastarlo è un dittatore o una mente bacata!
      PS: nei democratici e liberi Stati Uniti provate a fare pagamenti in contanti e vedrete

      1. Scritto da La verità fa male

        In “quelli del mio giro” conosco solo persone che scelgono lo strumento di pagamento in base alla comodità: io per ragioni di praticità e di comodità mi trovo bene anche con gli strumenti elettronici (carta di credito e remote banking) quindi li utilizzo per me personalmente, ma non voglio imporre al mondo intero di fare come me e di ricordarsi a memoria numeri PIN e codici vari. Chi pensa sempre “io sono onesto e gli altri sono evasori” spesso è lui per primo un potenziale evasore

        1. Scritto da finalmente!

          hai fatto outing! un po’ come quelli che dicono di avere la verità (dolorosa) in tasca, invece raccontano un sacco di balle!

    3. Scritto da paolo

      il lavoratore dipendente che NON PUO’ evadere le tasse, ha uno stipendio medio tra i 1000 e i 1500 euro (quando va bene)… con questi soldi deve mantenere se stesso, una casa, una famiglia, ecc.. mi spieghi quando avrà la necessità di pagare in contanti una spesa di 2400 euro? chi ha la possibilità di evadere, diversamente, potrà far girare il suo denaro sporco con maggiore facilità. se non è così, mi spieghi meglio il meccanismo virtuoso del “libero contante” che lei sostiene…

      1. Scritto da La verità fa male

        La metà dei dipendenti sono impiegati e operai di buon livello, funzionari, dirigenti con stipendi superiori ai 2.000,00 euro, gli artigiani e i commercianti quando depositavano in banca i loro incassi settimanali facevano girare somme superiori ai 1.000,00 euro: con il vecchio sistema compilavano moduli e scartoffie inutilmente (con segnalazioni che alimentavano solo la burocrazia e non servivano a prendere un solo evasore). Meno cartaccia inutile = più libertà e sviluppo

        1. Scritto da gio

          1) la metà dei dipendenti sono impiegati, dirigenti e capi? ma sei mai stato in una fabbrica?
          2) i 1.000 euro che venivano depositati sono quelli regolari, quelli “meno regolari” erano depositati sotto la mattonella.

        2. Scritto da paolo

          quindi tu ci credi alle denunce dei redditi per cui il datore di lavoro guadagna meno dell’operaio? (poi non fa niente se va in giro con automobili che costano 2 anni di stipendio dei propri dipendenti). non capisco se ci credi davvero o se sei in malafede. comunque non mi hai convinto. grazie lo stesso per la risposta. (non so che dipendenti conosci tu, tra le mie conoscenze la stragrande maggioranza non raggiunge i 1.500, comunque non c’entra con la questione)

    4. Scritto da gio

      e così sia… via libera al “nero”!

  9. Scritto da Paolo

    Ricordiamo ai lettori che la maggioranza di governo sta votando il finanziamento pubblico ai partiti anche a chi NON ha bilanci certificati e pubblicati. Ricordiamo ai lettori che la maggioranza di governo sta votando per avere l’immunità parlamentare dei politici. Di che parliamo?????? Dei nostri quattro soldi da controllare??? Polizia, GDF, Corte dei Conti, perché non intervenite a difesa dei contribuenti?

    1. Scritto da Jeremy

      Ricordiamo a Paolo che quando Bersani presentava proposte di statuto obbligatorio per i partiti con certificazioni di bilancio e pubblicità degli stessi altrettanto obbligatorie , limiti precisi e contenuti sui versamenti anche privati, veniva sfottuto e deriso da Paolo e dai suoi amici .

    2. Scritto da ovvio

      Perché noi siamo la casta e voi non siete un c…o!

  10. Scritto da Alberto

    E’ un provvedimento intelligente. Solo i soloni che credono che l’evasione fiscale si combatta con un’imposizione stupida (e che favorisce solo le banche) come quella della riduzione del tetto al contante, può non essere felice per questa decisione.

    1. Scritto da Riccardo

      Il problema sono le nostre banche che sono libere di applicare balzelli a loro piacimento. In Francia una ventina di anni fa si potevano comperare un paio di cartoline con i relativi francobolli con la carta di credito e il tabaccaio non faceva una piega.

    2. Scritto da andrea

      Ti svelo un segreto: la norma ha soprattutto lo scopo di contrastare il riciclaggio ( droga, usura ecc.) e in seconda battuta anche l’evasione. Ti sembra un provvedimento intelligente?

      1. Scritto da Alberto

        Hai proprio ragione, lo spacciatore qui dietro l’angolo e l’usuraio del piano di sotto da domani riprenderanno ad accettare contanti, dopo che avevano obbligato tutti i “clienti” al pagamento con moneta elettronica da quando è stato introdotto il limite dei 1000 euro!

        1. Scritto da Gino

          Urka , la vendita al dettagli viaggia a più di 1000 euro per persona/transazione ? Al limite è lo spacciatore che adesso ha qualche problema in meno nel godersi i guadagni . O no ?

    3. Scritto da Solone

      Chissà perché noi abbiamo una quota di utilizzo della moneta elettronica che fa ridere rispetto all’Europa e agli stati uniti . Chissà perché nei paesi avanzati un albergo lo prenoti solo con carta di credito e da noi no. Anche in Grecia no , chissà perché …… chissà perche

  11. Scritto da Mauro

    Ahahahahah, ad averli tremila euro da manovrare così,fruscianti in tasca. Dai Renzi, tèela fò dè tö per ol cül!!!

  12. Scritto da lobbysulobby

    dimostra quanto questo governo ci tenga alla lotta all’evasione…. non mi sembra sia morto nessuno con la stretta a mille euro.. anzi per la prima volta in vita mia ho sentito persino qualcuno non “uso” a fare fatture sentirsi obbligato a farle perche’ poi “i contanti sono diventati un problema”….. a dimostrazione che ci avevano visto giusto

  13. Scritto da andrea

    Un regalo al riciclaggio che non aiuta certo i consumi e svilisce i cittadini onesti