BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Unibg, Morzenti Pellegrini rivoluziona la governance Spinge su ricerca e studenti

Presentata la nuova governance dell'Università degli Studi di Bergamo: al fianco del nuovo rettore Remo Morzenti Pellegrini ci sarà l'ex candidato Maccarini, come vice, e 8 prorettori, tre donne e 5 uomini.

Più informazioni su

Una squadra anagraficamente giovane ma già di grande esperienza, nella quale spiccano l’attezione alla ricerca, all’innovazione, all’internazionalizzazione e agli studenti: esattamente a sei anni di distanza dal giorno in cui a scoprire le carte fu Stefano Paleari, Remo Morzenti Pellegrini ha completamente rivoluzionato la governance dell’Università degli Studi di Bergamo, della quale è diventato rettore lo scorso 11 settembre.

La parola d’ordine in fase di campagna elettorale è sempre stata "continuità" con l’operato del suo predecessore, al quale ha sempre riconosciuto il merito di aver dato lustro e portato nelle zone alte delle classifiche degli Atenei l’Università di Bergamo, ma Morzenti Pellegrini ha confermato solamente un nome della precedente squadra di governo: è quello di Giancarlo Maccarini, già prorettore con delega ai rapporti con il personale amministrativo, e ora "promosso" a prorettore vicario dopo che si era proposto in prima persona per raccogliere l’eredità di Stefano Paleari ed era stato il primo a ritirarsi dalla corsa alla vigilia dell’elezione. 

Poi spazio a otto volti nuovi, con la delega ai rapporti col personale amministrativo che per ora rimane nelle mani del rettore Morzenti Pellegrini: Fulvio Adobati è prorettore ai Rapporti con Enti e Istituzioni pubbliche del territorio, Mara Bergamaschi al Fund Raising e alla Finanza di Ateneo, Paolo Buonanno alla Ricerca Scientifica, Sergio Cavalleri al Trasferimento Tecnologico, all’innovazione e alla Valorizzazione della Ricerca, Matteo Kalchschmidt all’Internazionalizzazione e alle Relazioni Internazionali, Marco Lazzari all’Orientamento in entrata e in uscita, tutorato e alle politiche di raccordo col mondo del lavoro, Stefania Maci alla Didattica e ai Servizi agli studenti, Barbara Pezzini alle Politiche di equità e diversità.

A spiccare è senza dubbio la nuova delega al fund raising e finanza di ateneo affidata alla professoressa Bergamaschi, docente Associato di Economia e gestione delle imprese e Presidente del Corso di Laurea Specialistica Management, Finanza e International Business: a lei il compito della promozione e coordinamento delle iniative di ricerca fondi, territoriali e non, per il potenziamento della ricerca, della didattica e dell’internazionalizzazione dell’Ateneo ma anche quello di monitorare il bilancio economico-patrimoniale e di gestire le politiche per il sostegno al diritto allo studio. 

Se internazionalizzazione e ricerca, oltre che nelle deleghe di tre prorettori, compaiono in bella mostra in ogni curriculum della squadra scelta da Morzenti Pellegrini, a Marco Lazzari e Stefania Maci è stato affidato, in modo diverso, il compito di occuparsi degli studenti: il primo per tutte le attività di orientamento, in entrata e in uscita con particolare attenzione ai rapporti col mondo del lavoro, la seconda per i servizi e per la programmazione, integrazione e armonizzazione delle offerte formative. 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.