BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Divieti e foto-shock: vita sempre più dura per i fumatori italiani

Il Consiglio dei Ministri ha infatti recepito la direttiva Ue, che sarà legge entro Natale e che porterà agli italiani amanti del tabacco diverse novità tra le quali spiccano il divieto di fumo in auto se presenti bambini o donne in gravidanza, lo stop ai pacchetti da 10 e alle mini-confezioni di tabacco e la regolamentazione delle sigarette elettroniche con divieto di vendita a tutti i minorenni.

Il Governo apre la guerra a fumo e fumatori. Il Consiglio dei Ministri ha infatti recepito la direttiva Ue, che sarà legge entro Natale e che porterà agli italiani amanti del tabacco diverse novità tra le quali spiccano il divieto di fumo in auto se presenti bambini o donne in gravidanza, lo stop ai pacchetti da 10 e alle mini-confezioni di tabacco e la regolamentazione delle sigarette elettroniche con divieto di vendita a tutti i minorenni.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha sponsorizzato il provvedimento che cambierà la vita dei fumatori. In primis, i pacchetti di sigarette dovranno riportare avvertenze combinate (immagini e testo) relative alla salute e che devono coprire il 65% della superficie. In particolare, all’articolo 10, si informa il consumatore sui rischi per la salute con la seguente avvertenza: “Il fumo uccide – smetti subito”. Per le sigarette elettroniche comparirà invece l’avvertenza “Prodotto contenente nicotina, sostanza che crea un’elevata dipendenza. Uso sconsigliato ai non fumatori”. Quindi le fotografie sui danni da fumo e il seguente messaggio: “Il fumo del tabacco contiene oltre 70 sostanze cancerogene”. Tra le frasi che compariranno sui pacchetti, ci sarà anche questa: “Il fumo può uccidere il bimbo nel grembo materno”.

Scattano pure diversi divieti: divieto di vendita ai minori di sigarette elettroniche e contenitori di liquido di ricarica con presenza di nicotina e prodotti di nuova generazione; divieto di fumo in autoveicoli in presenza di minori e donne in gravidanza; divieto di fumo nelle pertinenze esterne degli ospedali e degli Irccs pediatrici, nonchè nelle pertinenze esterne dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Ben vengano i divieti per il fumo.
    Chi capisce smetta.
    Chi non vuole pagare gli aumenti smetta.
    Chi si sente un perseguitato smetta.
    Le spese per il veleno le puoi dare ai bisognosi se vuoi, meglio per loro e per Te.
    C’è un motivo sensato per non smettere?

  2. Scritto da TT

    Preparatevi sfumacchiatori,é in arrivo un nuovo aumento per far cassa. Questi sono i segnali.

  3. Scritto da ipocriti

    Che razza di ipocriti. Per il Dio denaro vendono morte: e lo chiamano governo.
    Sembrano gli stati uniti, che criticano le guerre (Obama nobel per la pace) e sono i primi esportatori di armi per le guerre. Criticano chi inquina l’ambiente (vedi caso Wolsvaghen), e sno i secondi inquinatori dell’atmosfera monddiale, rifiutandosi di aderire al documento di Kioto

  4. Scritto da LINFORD

    premetto che non sono un fumatore e che il fumo fa male, ma in questi anni c’è stato un accanimento verso il fumo, considerato che esistono prodotto ben peggiori per la salute: alcool, merendine, dolci e latticini che provocano piu’ tumori del fumo e che vengono tranquillamente consumati anche dai bambini!