BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche a Mozzo nascono i gruppi WhatsApp per prevenire i furti

Il sistema è semplice e funzionale: è diviso per aree e ogni via ha un suo responsabile. Chi nota una macchina sospetta aggirarsi nella zona oppure un'allarme suonare senza sosta lo scrive immediatamente su WhatsApp, nel gruppo di competenza. I responsabili, a quel punto, non faranno altro che lanciare l'alert con tempestività ai carabinieri.

Più informazioni su

Con l’arrivo del buio già dalle prime ore della sera la paura per i furti nelle abitazioni cresce a dismisura. Anche a Mozzo, dove decine di cittadini hanno scelto di creare dei gruppi WhatsApp per tenere controllato il territorio. Lo comunica MozzoNews, che racconta di come l’iniziativa sia nata in maniera del tutto spontanea: "Da tempo in paese stanno sorgendo gruppi spontanei di cittadini che aggregano le singole vie del paese per un alert più immediato (rispetto a quelli più scomodi di Facebook, che non può raggiungere tutti), anche in collegamento con i referenti di zona della Commissione Sicurezza comunale".

Il sistema è semplice e funzionale: è diviso per aree e ogni via ha un suo responsabile. Questo per evitare di creare gruppi con troppe persone. Chi nota una macchina sospetta aggirarsi nella zona oppure un’allarme suonare senza sosta lo scrive immediatamente su WhatsApp, nel gruppo di competenza. I responsabili, a quel punto, non faranno altro che lanciare l’alert con tempestività ai carabinieri. "La ‘netiquette’ – si legge ancora – invita gli aderenti ad evitare di chattare con argomenti non di emergenza per evitare di scoraggiare l’adesione da parte di chi non è abituato a ricevere tanti messaggi. Pochi messaggi ma buoni, quindi. I promotori si sono resi disponibili a dare supporto ad altre vie del paese che volessero replicare l’idea".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da planets

    interessante sapere che siamo un popolo di onesti e che tutte le ruberie e gli scandali finanziari siano colpa di zingarelli, immigrati e derelitti. Io pensavo fossero italianissimi, integrati e benestanti quelli che imperversano nelle cronache giornalistiche e che ci hanno regalato 2200 miliardi di debito pubblico, pensa te che ingenuo che sono…

  2. Scritto da Numeri

    Aggiungo:
    Al al Nord gli stranieri rappresentano oltre il 50% dell’intera popolazione carceraria, al Centro circa il 45%, al Sud solo il 13,5% e nelle Isole il 20%.Meditate gente…meditate!

  3. Scritto da Ridicolo

    Basta leggere la notizia del napoletano truffatore preso piu’ volte e ancora libero per rendersi conto di come i cittadini onesti siano tutelati da questo stato.

  4. Scritto da Vittorio

    Sarebbe bello se anche lo stato facesse la sua parte. Tanto per cominciare si potrebbero rispedire al proprio paese, dopo aver scontato la giusta pena, tutti gli stranieri che commettono reati in Italia. In Italia, infatti, non ci dovrebbero essere pregiudicati stranieri, ma neppure nullafacenti o “senza fissa dimora” stranieri.
    Troppo spesso ci si dimentica che, per chi paga le tasse, la sicurezza è un diritto, esattamente come la sanità, l’istruzione, la giustizia e il lavoro.

    1. Scritto da gigi

      Ma che commento è? Si parte dal presupposto che rubano solo gli stranieri, vero Vittorio?

      1. Scritto da Numeri

        No si parte dai dati:
        Gli stranieri costituiscono il 51% dei denunciati per rapina e furto in abitazione, il 45% dei denunciati per rapina in pubblica via, il 19% per le estorsioni, il 29% per le truffe e le frodi informatiche.Il 39% dei denunciati per violenze sessuali,il 36% per gli omicidi consumati e al 31% per quelli tentati, il 27% dei denunciati per il reato di lesioni dolose.

    2. Scritto da peter

      e gli stranieri che pagano le tasse?

      1. Scritto da Vittorio

        Gli stranieri che pagano le tasse hanno gli stessi diritti degli italiani. Sicurezza compresa.

        1. Scritto da grande

          Certe cose non sarebbero nemmeno da spiegare..ma soprattutto da chiedere.

          1. Scritto da peter

            la mia domanda era ironica. ed il primo commento del dott. commento razzista. non sarebbe nemmeno da spiegare, in teoria.