BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bomba esplode durante manifestazione per la pace, 95 morti ad Ankara

Un boato nel mezzo dei canti di pace. Due esplosioni hanno squarciato il corteo di fronte alla stazione di Ankara organizzato per chiedere la fine delle violenze tra esercito turco e separatisti curdi del Pkk nel Sud-Est del Paese.

Più informazioni su

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    Questa strage, che segue le altre di poco tempo fa, non stupisce. Tra poco in Turchia ci saranno le elezioni e si sta creando un clima di terrore affinché Erdogan possa continuare al potere. E in tutto questo la NATO è d’accordo!

  2. Scritto da giovanna

    Un’altra strage di stato. Il governo turco, “nostro” alleato e mebro NATO, appoggia in Siria contro il legittimo governo formazioni terroristiche affiliate alla famiglia di Biladen. Questi ricambiano sterminando gli oppositori democratici e di sinistra in Turchia, l’Europa fa melina e gli USA nicchiano. Troppe schifezze in Turchia e intanto la gente viene uccisa…… la polizia fa il suo solito sporco lavoro e pesta i dimostranti e gli impedisce di portare i soccorsi.Sarebbe ora di dire basta!

    1. Scritto da Destabilizzatori

      Gli USA nicchiano? AhAhAhAh.
      Gli USA non nicchiano ma finanziano di sottobanco le destabilizzazioni dei governi che non stanno al loro gioco.
      Destabilizzano l’Ucraina, finanziando gli oppositori al legittimo governo eletto. Destabilizzano Assad finanziando ed armando i suoi oppositori. Hanno destabilizzato Saddam con la storiella dei depositi nucleari e lo hanno fatto ghigliottinare. Non parliamo poi della Libia, dell’Egitto e della Tunisia con la barzelletta di esportare la democrazia.

      1. Scritto da giuseppe

        Sono d’accordissimo. Se solo si tenta di uscire dalle sfere di influenza delle superpotenze, voilà stragi a gogo. Così è stato nel nostro caso durante gli anni delle B.R. Purtroppo sarà sempre così. Soluzione? Si cerchi la superpotenza meno peggio e amen!