BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mercatanti, Alta Quota, mattoncini Lego, BgScienza … il weekend in città

È ricco di eventi il fine-settimana a Bergamo, in città: in calendario ci sono proposte che possono soddisfare ogni preferenza, in Città Alta e in Città Bassa: la panoramica delle iniziative promosse sabato 10 e domenica 11 ottobre.

È ricco di eventi il fine-settimana a Bergamo, in città: in calendario ci sono proposte che possono soddisfare ogni preferenza, in Città Alta e in Città Bassa. Partendo dal cuore della città, sul Sentierone, i protagonisti sono i "Mercatanti in fiera", uno degli appuntamenti più attesi dai bergamaschi. Aperti dalle 9 a mezzanotte, in totale sono circa 125 espositori, 55 italiani e 70 stranieri, provenienti da 16 paesi, 15 europei più l’eccezionale partecipazione del Brasile con la tipica "picanha".

Rimanendo in Città Bassa, spostandosi al polo fieristico, in via Lunga, viene proposto un doppio appuntamento: la fiera del turismo rurale e slow, agricoltura, ambiente e cultura "Agri Travel & Slow travel" e la fiera della montagna "Alta quota" dove, tra le numerose attrattive, è allestito il villaggio della polenta taragna. Una novità all’insegna di gusto, storia e tradizioni del territorio.

Salendo in Città Alta, invece, proseguono le attività promosse nell’ambito di "BergamoScienza". Numerosi incontri si tengono al teatro Sociale, con un ricco carnet di eventi che si estendono in diversi spazi e luoghi di città e provincia. È possibile visualizzare il calendario completo e dettagliato di tutti gli eventi, con le indicazioni su come prenotarsi al link www.bergamoscienza.it/ita/Default.aspx?SEZ=5&PAG=18&MOD=CAL2012.

Voltando pagina, in piazzetta Santo Spirito, in via Pignolo e in via Tasso si tiene la prima edizione di "Mattoncini a Bergamo", esposizione di opere realizzate con mattoncini Lego.

Per gli amanti della musica, sabato 10 ottobre alle 19 alla chiesa di santa Maria Immacolata delle Grazie si tiene il concerto "Romanino a sei corde. Arte in musica" con il maestro della chitarra Giulio Tampalini, vincitore di alcuni dei maggiori concorsi internazionali di chitarra, a cominciare dal primo premio al Concorso “Narciso Yepes” di Sanremo fino al prestigioso “Andrès Segovia” di Granada.

Sabato e domenica, per concludere, non mancano percorsi e itinerari alla scoperta del territorio, visite guidate, esposizioni e mostre, come quella che la fondazione Credito Bergamasco organizza alla propria sede storica, dedicata a Giovanni Frangi “Lotteria Farnese”, che propone il miglior repertorio pittorico dell’artista.

Ecco la panoramica delle iniziative promosse in città sabato 10 e domenica 11 ottobre.

BERGAMO SABATO 10 OTTOBRE

– Sino a domenica 11 ottobre sul viale del Sentierone: "Mercatanti". Il centro cittadino si colora di lingue e sapori provenienti da decine di paesi diversi e sarà animato da numerose bancarelle, fra cui camminando sarà possibile gustare sapori di cibi tradizionali di tutte le regioni italiane o stranieri, mediterranei e nordici, oppure dedicarsi allo shopping di prodotti artigianali tipici.

– Sabato 10 e domenica 11 ottobre si rinnova l’appuntamento con "La Mela di Aism", iniziativa promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla per sensibilizzare, informare e raccogliere fondi per la ricerca su questa malattia. Testimonial della campagna, che in città e provincia coinvolge 50 piazze, lo chef Alessandro Borghese. Per avere ulteriori informazioni è possibile consultare il link http://www.aism.it/index.aspx?codpage=2015_09_rf_mela_news

– Sino a venerdì 16 ottobre, dalle 8 alle 20 al Quadriportico del Sentierone è possibile visitare la mostra interattiva "Forme e movimento. Il corpo umano: ricostruire le sue funzioni". Il nostro corpo costituisce uno degli esempi più complessi del perfetto rapporto tra forma e funzione: unico per ognuno, adattabile, capace di stupire nelle sue capacità di recupero e di ripristino. L’esposizione pone in risalto come gli studi sulle forme, la conoscenza della biomeccanica, le nuove tecnologie siano fondamentali nella conservazione delle funzioni, nel ripristino dei difetti strutturali, nella correzione di alterazioni legate al movimento. I visitatori potranno sperimentare le caratteristiche dei materiali e le tecnologie ortopediche, avvalendosi di strumenti che permettono di simulare le attività chirurgiche e ricostruttive. Il corpo umano è, inoltre, espressione di bellezza e di armonia: ha ispirato gli artisti nei secoli, quale spunto per opere d’arte e progettualità architettoniche ambiziose. Il lavoro confronta questi due aspetti, attraverso un insolito percorso interattivo e coinvolgente. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Sabato 10, 17 e 24 ottobre alle 8 alla chiesa del patronato san Vincenzo in via Gavazzeni,3 si tiene la lectio di don Davide Rota, superiore del Patronato San Vincenzo. Sabato 10 ottobre viene proposta una rilettura biblico-sapienziale del libro di Tobia, dal titolo "Tobia: vivere significa mettersi in cammino", per scorgere la plurale ricchezza del testo biblico e la sua capacità di interrogare l’uomo contemporaneo. L’ingresso è libero. Al termine è possibile effettuare la colazione insieme. L’iniziativa rientra tra le proposte di "Molte fedi sotto lo stesso cielo"; la rassegna culturale promossa dalle Acli provinciali di Bergamo. Per avere ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet www.moltefedi.it.

– Sino a domenica 18 ottobre al museo di scienze naturali in piazza Cittadella in Città Alta viene allestita la mostra con visita libera per le scuole e per i privati da lunedì a venerdì, e visita guidata per privati sabato e domenica "La didattica scientifica dell’Ottocento: un patrimonio ritrovato". Come si è formata la cultura scientifica nelle menti di coloro che ci hanno preceduto? In che modo le Scienze sono entrate a fare parte del bagaglio culturale dei nostri antenati? La presenza di una ricca collezione di strumenti didattici di fisica provenienti dalla più antica scuola della città e oggetto di un recente lavoro di approfondimento e restauro, fornisce risposte alle domande formulate. Già nel Settecento si era diffusa la convinzione che la comprensione dei fenomeni naturali dovesse passare attraverso l’esperienza diretta, cioè attraverso i sensi: la vista soprattutto, ma anche il tatto e l’udito. Gli allievi delle scuole ottocentesche non dovevano soltanto studiare sui libri i concetti teorici ma dovevano imparare attraverso l’esperienza. Furono così costruiti per la didattica, da valenti artigiani e con materiali pregiati, strumenti che, riproducendo i fenomeni naturali, ne rendevano evidenti le leggi. L’iniziativa rientra tra le proposte che il museo di scienze naturali organizza in occasione di BergamoScienza. Il museo durante BergamoScienza avrà ingresso gratuito e sarà aperto tutti i giorni compresi i lunedì 5 e 12 ottobre 2015. Gi orari di apertura sono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30; sabato e domenica dalle 9 alle 18. Tutte le proposte sono gratuite e richiedono una prenotazione obbligatoria on line utilizzando le procedure “Prenotazioni privati” e Prenotazioni scuole” direttamente dal sito di BergamoScienza al link http://www.bergamoscienza.it/ITA/Homepage.aspx

– Dalle 9.30 alle 11 al teatro Sociale si tiene la conferenza "Riduzione della vita animale sul nostro pianeta: conseguenze della defaunazione". Interviene Rodolfo Dirzo, professore di biologia alla Stanford University in California; l’introduzione è affidata a Telmo Pievani, docente dell’Università degli studi di Padova e membro del comitato scientifico dell’associazione BergamoScienza. Mentre la perdita di vita vegetale – deforestazione – è ampiamente riconosciuta, l’estinzione globale e la riduzione in abbondanza locale di vita animale – defaunazione – sono sottovalutate. Nell’incontro, verrà illustrato come la defaunazione attuale sia onnipresente e considerevole (milioni di animali persi ogni anno) e come non succede omogeneamente tra le specie: ci sono i perdenti (cioè, gli animali dal corpo grande) e i vincitori (gli animali dal corpo piccolo); e ha profonde conseguenze per il funzionamento degli ecosistemi, che a loro volta incidono su importanti servizi che gli ecositemi fanno agli umani come la regolazione delle malattie. Dunque, l’attuale riduzione di vita animale sul Pianeta ha conseguenze che vanno oltre la perdita della vita animale che decora la Terra. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Sino a domenica 18 ottobre, dalle 9.30 alle 17.30 al Red Temporary Lab – Ex Ciao è allestito il percorso "Quanto fa cibo + cuore", dedicato a salute e alimentazione. È possibile consultare il programma completo al link www.bergamoscienza.it/ita/Default.aspx?SEZ=5&PAG=18&MOD=CAL2012&FILTER=tpo,M&ANN =2015&CURDATE=20151003&TODATE=20151004&EVE=1477 – Sino a domenica 18 ottobre, dalle 10 alle 19 all’accademia Carrara di belle arti di Bergamo: "Cinque restauri guida in accademia Carrara". Cinque filmati sui restauri più significativi realizzati in Accademia Carrara per la riapertura. Sono stati scelti i dipinti di: Carlo Crivelli, Raffaello, Altobello Melone, un ignoto Maestro caraveggesco veronese, Gian Battista Tiepolo. Ciascun filmato segue le fasi principali del lavoro, dalle analisi preliminari, ai saggi di pulitura, alla soluzione dei principali problemi, fino alla conclusione del lavoro. Le spiegazioni sono affidate alle restauratrici che hanno eseguito gli interventi. Una occasione per vedere il racconto nei particolari di come si svolge il complicato e delicatissimo lavoro che poi offre il risultato dei capolavori che si vedono nelle sale. L’iniziativa, promossa dall’accademia Carrara in collaborazione con Fabio Fassini, rientra tra le proposte della nuova edizione di BergamoScienza.

– Sino a domenica 11 ottobre al polo fieristico di Bergamo si tiene la 12esima edizione della fiera della montagna "Alta quota". La manifestazione offre a ciascun visitatore la propria sfaccettatura del mondo della montagna, dalla proposta più tradizionale a quella più estrema e originale. Su 11.500 metri quadri totali, tra area interna espositiva e outdoor dedicata in particolare alle attività sportive, i visitatori possono scoprire le offerte di aziende turistiche (Tour Operator, Agenzie di Viaggio, Enti Turistici, Consorzi di Promozione Turistica) italiane e d’oltralpe. All’ampliamento del settore destinato al turismo invernale, si registra inoltre, una particolare attenzione ai settori hotel/benessere e strutture wellness dell’arco alpino. Grande spazio al mondo dell’outdoor e dell’attrezzatura tecnica riferita a: escursionismo, arrampicata, trekking, alpinismo, nordic-walking e mountain bike. Tra le novità spicca l’allestimento del “Villaggio della polenta taragna”: alla reginetta delle tavole orobiche sono dedicati circa mille mq nell’area esterna, quale spazio di convivialità. Altra particolarità vede protagonista Canon, partner di "Alta quota", che nell’occasione presenta la “giga-foto”, una fotografia di 365 gigapixel frutto di 70mila scatti con soggetto il Monte Bianco. Questa foto viene riprodotta su 15×4 metri nell’area esterna. Da annotare, infine, che all’interno della fiera della montagna è allestito uno stand dell’associazione Roberto Piantoni onlus con volontari impegnati nella raccolta fondi in aiuto alla popolazione nepalese, colpita dal forte terremoto lo scorso 25 aprile. L’ingresso è libero e gratuito, mentre il ticket del parcheggio è di 3 euro. Sabato 10 e domenica 11 ottobre l’area espositiva è aperta dalle 10 alle 20, mentre l’area esterna sabato dalle 10 alle 22.30 e domenica dalle 10 alle 20.

– Sino a domenica 11 ottobre al polo fieristico di Bergamo prosegue la seconda edizione della fiera del turismo rurale e slow, agricoltura, ambiente e cultura "Agri Travel & Slow travel Expo". L’iniziativa ha l’obiettivo di posizionarsi quale evento di profilo internazionale con focus sulla promozione del turismo rurale e slow, teso a una riqualificazione della proposta turistica del settore. La prima edizione ha operato anche nell’ottica di Expo 2015, lavoro che è proseguito nel solco di sviluppo a medio/lungo termine. Tra i temi più significativi della manifestazione troviamo quello del cibo inteso quale forte elemento di identità culturale e l’orientamento alla eco- sostenibilità delle forme di turismo che prediligono le aree rurali, un approccio “slow” del viaggio e la cura dell’ambiente come priorità per la salvaguardia della salute e degli eco-sistemi. Tra le finalità più importanti anche quella di trovare forme di promozione e valorizzazione dei territori partendo dalla loro radice agro-alimentare, in un ottica di turismo sostenibile che leghi virtuosamente il cibo ai luoghi di produzioni, per raccontare e mettere in dialogo tra loro arte, cultura, scienza, salute, paesaggio, storia e tradizioni. L’ingresso è libero e gratuito, mentre il ticket del parcheggio è di 3 euro. L’orario di apertura è sabato 10 e domenica 11 ottobre dalle 10 alle 20. La manifestazione è promossa da Ente Fiera Promoberg, in via Lunga. Per avere ulteriori informazioni è possibile chiamare il numero di telefono 035.3230918, inviare un fax allo 0353230996, inviare un’email all’indirizzo di posta elettronica agri-slow-travel@promoberg.it oppure consultare il sito internet www.agritravelexpo.it.

– Alle 10 alla Domus Bergamo di piazza Dante per la rassegna "Un goccio di cultura", l’associazione Guide "Carrara" ci propone una goccia dal titolo “Figlia degenere! (Maledizione di una madre – Ponziano Loverini – 1886)”. La relatrice è Antonia Abbattista Finocchiaro.

– Sabato 10 e domenica 11 ottobre in piazzetta Santo Spirito, in via Pignolo e in via Tasso si tiene la prima edizione di "Mattoncini a Bergamo", esposizione di opere realizzate con mattoncini Lego con Aree creative e attività coinvolgenti. Un fine-settimana in cui un intero borgo sarà animato dai mattoncini colorati più amati al mondo. L’iniziativa, promossa da "La Città del mattoncino" con il patrocinio del Comune di Bergamo, si svolge sabato 10 ottobre dalle 11 alle 19 e domenica 11 ottobre dalle 10 alle 18.30. L’ingresso è gratuito.

– Alle 11 e alle 17.30 alla Domus Bergamo di piazza Dante si rinnova l’appuntamento con gli show cooking promossi da Kenwood, che questa volta vedranno protagonista l’aspirante docente Aici – Associazione Insegnanti di Cucina, Luigia Barberis, da sempre appassionata di cucina, soprattutto per bambini e da tempo collabora con la scuola "L’Arte del Cucinare" di Manila Foresti. Alla Domus preparerà gustosissimi Muffin salati alla zucca & semi di girasole, perfetti per l’avvicinarsi di Halloween, una Piccola fondue al taleggio, calda e rilassante come l’arrivo dell’autunno e Fiori di pane con mousse al tonno, per accontentare anche i palati più raffinati.

– Dalle 11.30 alle 13 al teatro Sociale si tiene la conferenza "Printing 3D e additive manifacturing: prospettive attuali e future". Intervengono Jouni Partanen (Aalto University) e Caterina Rizzi (Università degli Studi di Bergamo). La stampa 3D e la produzione additiva stanno attirando sempre più l’attenzione da parte del mondo industriale e non, quale per esempio quello biomedicale. Le aspettative sono molte, tuttavia spesso non sono chiare le potenzialità e i limiti di tali tecnologie, sia per quanto riguarda i materiali utilizzati sia perché spesso il loro utilizzo richiede un ripensamento delle modalità di realizzazione dei prodotti e loro parti. Un settore dove può contribuire in modo significativo è sicuramente quello biomedicale, dove molto spesso i dispositivi (per esempio protesi artificiali e dispositivi per la riabilitazione) richiedono un livello di personalizzazione molto alto e devono essere realizzati su misura per il paziente. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Sino all’11 ottobre, dalle 14 alle 24, alla sala espositiva dello spazio Polaresco è possibile visitare la mostra "Fenoglio e le Langhe", una rassegna fotografica sulla vita di Beppe Fenoglio e sulla sua terra: le langhe piemontesi. L’iniziativa rientra tra le proposte del festival culturale "Abboccaperta", promosso da Teatro Caverna. La partecipazione è gratuita.

– Dalle 14 alle 15 e dalle 15 alle 16 a Porta sant’Agostino ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Enigma. Esploriamo l’impensabile". Ogni giorno nuovi consumatori sempre più esigenti mettono alla prova i grandi designer nei diversi ambiti dei processi creativi. Solo chi è in grado di scrutare al di là del semplice oggetto può donargli una nuova luce che lo renda appetibile al grande pubblico. Il percorso si propone come un’opportunità per scoprire le proprie potenzialità creative nascoste. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata ai ragazzi dai 17 ai 18 anni.

– Dalle 14 alle 15.30 al liceo scientifico statale "Filippo Lussana" è possibile visitare la mostra- laboratorio "Dritti o curvi? Come viaggiano i raggi di luce". L’esposizione si propone come un’opportunità per scoprire come viaggiano i raggi di luce. Nella maggior parte dei casi, più comuni e familiari, sembra che si propaghino in linea retta ma, a ben guardare, le cose non sono sempre così semplici. Per saperne di più, basta visitare la mostra: all’inizio, il percorso prevede l’osservazione, poi i visitatori potranno sperimentare in prima persona, ma ci saranno delle guide ad accompagnarli. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 10 ai 15 anni.

– Dalle 14 alle 15.30 alla scuola d’arte applicata "Fantoni" si tiene "Archilab 2.0". Il laboratorio indaga come si può comprendere lo sforzo delle civiltà passate nel costruire edifici, templi, cattedrali sempre più imponenti e complesse e perché si sono scelte alcune geometrie invece che altre per realizzare aperture sempre più grandi. Per la loro resistenza, alcune forme sono usate più spesso in architettura rispetto ad altre. Può un uovo sostenere il peso di 10 mattoni? L’obiettivo è quello di avvicinarsi alla statica delle costruzioni realizzando vari tipi di costruzioni con l’ausilio di plastici preparati appositamente. Verranno prese in considerazione strutture quali l’arco, l’architrave e la cupola, per svelare il funzionamento della capriata e del travetto precompresso. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dagli 11 ai 14 anni.

– Dalle 14 alle 15.30 alla scuola d’arte applicata "Fantoni" ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Il caleidoscopio: la visione del bello nelle simmetrie". Quando ammiriamo un fiore, una stella marina, un quadrifoglio, ne apprezziamo la bellezza senza renderci conto della loro perfezione. Gli artisti si sono ispirati alla natura e alle regole geometriche per realizzare i loro progetti. In aula, oltre alla presentazione di esempi naturali ed artificiali, verranno illustrati alcuni sistemi interattivi per indagare questi schemi e divertirsi con le immagini riflesse. Si costruirà un caleidoscopio, con il quale creare sempre nuove forme simmetriche e colorate. Una volta costruito il Caleidoscopio, si passera alla costruzione del magico taumascopio, attraverso il quale si potrà guardare il mondo con un “occhio diverso”, scoprendone tutte le sfaccettature. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dagli 11 ai 14 anni.

– Dalle 14 alle 15.30 e dalle 15.30 alle 17 all’istituto Imiberg si tiene il laboratorio "Suoni tutti da vedere". In quanti modi diversi si producono suoni e rumori? Come si propagano e sovrappongono? Come fa la nostra voce a cantare? Si può riconoscere il timbro di uno strumento sullo schermo di un computer? Si può imparare a riconoscere un tono? E un semitono? Questi rapporti tra i suoni si possono anche vedere oltre che sentire? Accompagnati dagli studenti della secondaria è possibile mettersi in ascolto. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Dalle 14 alle 15.30 al convento San Francesco ci sono ancora posti disponibili per partecipare a "Mangia che ti mangio". Una “caccia al bruco”, all’interno di diversi ecosistemi, per riflettere sul delicato equilibrio tra preda e predatore. Attraverso giochi e immagini vedrete, da una lato, gli adattamenti per la caccia che si sono evoluti nei predatori e, dall’altro, i sistemi difensivi delle prede: il camaleonte, la cavalletta e l’insetto stecco ci aiuteranno a capire i vari tipi di mimetismo, meccanismo per cui gli organismi assumono un aspetto che li aiuta a nascondersi nell’ambiente circostante, non solo attraverso i colori, ma anche nella forma in cui si presentano. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata ai bambini dai 5 ai 9 anni.

– "Dalle 14 alle 15.30 e dalle 16 alle 17.30 all’ex chiesa "La Maddalena" sono ancora disponibili posti per partecipare al laboratorio "E-ludere". Illusioni ottiche, percettive e cognitive caratterizzano la quotidianità per i nostri sensi e le nostre convinzioni. Guardare… poi osservare e giocare con la prospettiva, con i colori e gli specchi, con proiezioni di immagini. Dall’illusione geometrica a quella simmetrica, dall’uguale che è diverso e dal diverso che è uguale, dal mimetismo al simbolismo nell’arte e nella storia. Un viaggio nella natura della percezione, soprattutto visiva, alla scoperta di ciò che i nostri sensi percepiscono, di quello che pensiamo di vedere e di quello che scopriamo rivedendolo. Le illusioni mettono in gioco, provocano e sollecitano tutti i sensi e con essi tutte le diverse intelligenze che utilizziamo per provare a catturare la “realtà”. E-ludere come "educare" gli occhi a vedere oltre, anche quello che non si vede: vengono proposti laboratori elusivi ed allusivi per "stuzzicare gli occhi della mente" e imparare divertendosi. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 6 ai 14 anni.

– Dalle 14 alle 15.30 all’istituto "Paleocapa" ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "La chimica sotto il naso – Ridotti in fumo". Incubo ricorrente per studenti di chimica alle prime armi, le reazioni di ossidoriduzione sono ovunque intorno a noi; qui un processo di riduzione, ispirato alle tecniche giapponesi della ceramica “raku”, permetterà ai partecipanti di realizzare fantasmagoriche decorazioni su piccoli oggetti, che alla fine dell’attività potranno portare a casa. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 6 anni in su.

– Dalle 14 alle 16 e dalle 16 alle 18, all’istituto "Leonardo da Vinci si tiene il laboratorio "DNAtura". Osservare, toccare e annusare la Natura, per capire analogie e differenze del mondo che ci circonda: il percorso accompagna i partecipanti nell’osservazione e nella “manipolazione” dei fenomeni legati alla genetica. Gli studenti dell’istituto accompagneranno nell’orto, raccontandovi le tecniche e le cure che hanno adottato. Alla visita faranno seguito alcune esperienze laboratoriali dove, attraverso l’estrazione di pigmenti e del Dna, cercheremo di capire cosa sta alla base della peculiarità di ogni specie. Effettueremo inoltre analisi chimico-fisiche del terreno per comprendere gli aspetti legati alla territorialità, con particolare riferimento alla coltivazione del mais spinato di Gandino. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata a un pubblico dai 12 anni in su.

– Dalle 14 alle 16 e dalle 16 alle 18, all’istituto Leonardo da Vinci si tiene "Ottica-mente". I ragazzi del corso di ottica hanno allestito, con la supervisione dei loro insegnanti, un laboratorio interattivo sull’ottica e i suoi principali fenomeni. Dopo una spiegazione sul percorso della mostra e i vari esperimenti, si procederà alla visita della mostra e delle varie esperienze. Al centro dell’attenzione ci sono i principali fenomeni di ottica geometrica come la riflessione, la rifrazione, la riflessione totale e le leggi sulle lenti sottili e di colorimetria, interferenza, diffrazione della luce fino ad arrivare alle più moderne fibre ottiche. Infine i ragazzi di quarta e quinta con la supervisione dei docenti di optometria eseguiranno ai visitatori un visita optometrica e mostreranno come si realizza un occhiale da vista. L’iniziativa si tiene tra le proposte di BergamoScienza ed è dedicata a un pubblico dai 12 anni in su.

– Dalle 14 alle 16 all’istituto Leonardo da Vinci ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Robot-land". Un’opportunità per cimentarsi nella programmazione di un robot sfruttando il software Lego Education. Osservate robot assemblati secondo differenti configurazioni che si muovono e compiono azioni nell’ambiente in cui si trovano, in base agli stimoli ricevuti dai sensori di cui sono provvisti. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata al pubblico dai 12 anni in su.

– Sino a venerdì 30 ottobre la fondazione Credito Bergamasco organizza alla propria sede storica, la mostra dedicata a Giovanni Frangi “Lotteria Farnese”. L’esposizione propone il migliore repertorio pittorico dell’artista – l’alfabeto dei boschi, le visioni acquatiche, la terra vista dal cielo – in formato extra size. La mostra è aperta da lunedì a venerdì, durante l’apertura della filiale, ossia dalle 8.20 alle 13.20 e dalle 14.50 alle 15.50; sabato 10, 17 e 24 ottobre dalle 14.30 alle 20.30 e per chi lo desidera, è possibile effettuare visite guidate gratuite dedicate con inizio alle 14.30, 15.30, 16.30, 17.30, 18.30 e 19.30; domenica 11, 18 e 25 ottobre dalle 10.30 alle 19.30 e per chi lo desidera è possibile effettuare visite guidate gratuite dedicate con inizio alle 10.30, 11.30, 14.30, 15.30, 16.30, 17.30 e 18.30. L’ingresso è libero. Per avere ulteriori informazioni visualizzare il sito internet www.fondazionecreberg.it. – Dalle 14.30 alle 15.30 e dalle 16 alle 17 al liceo scientifico statale "Filippo Lussana" è possibile visitare la mostra "A che ora passa il mio autobus?". La probabilità e la statistica sono ambiti della matematica con i quali, anche senza rendercene conto, veniamo a contatto ogni giorno. Questa mostra è l’occasione per capire quanto, in realtà, essi ci siano quotidianamente d’aiuto. Quanto tempo occorre per trovare un determinato posto, in una città sconosciuta, muovendosi a caso? A che ora passa il mio autobus? Queste domande fanno capo sostanzialmente a due argomenti studiati trasversalmente in diversi campi: i tempi di attesa e gli eventi rari. Modelli di traffico, previsione degli eventi naturali (come le frane), teoria delle code (siano esse al casello autostradale o alla cassa di un supermercato), moti browniani, titoli azionari, estrazioni del lotto… In questa esposizione sarà possibile trovare questo e molto altro, passando dalla costruzione dei modelli alla loro applicazione alla realtà, un’opportunità di scoprire che la matematica è presente là dove non si immaginerebbe. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dagli 11 anni in su.

– Dalle 14.30 alle 16 al convento San Francesco – Museo Storico si tiene il laboratorio "A tutto gas! Scopriamo l’universo dei gas tecnici". Cosa sono e come si formano il “ghiaccio secco” e l’aria liquida? Si può congelare all’istante un oggetto? In una sala appositamente attrezzata con bombole, cappa, termocamere e diversi exhibit, aiutati dai tecnici Siad e da divulgatori scientifici, il pubblico potrà scoprire le proprietà dei gas e le loro applicazioni nella vita quotidiana: alimentazione, salute, trasporto e tante altre curiosità per i visitatori di tutte le età. Fumi e galleggiamenti “invisibili”, giochi e palloncini avvicineranno gli studenti delle primarie ad una divertente sperimentazione; mentre i più grandi, con esperienze e strumenti professionali, sempre spiegati con un linguaggio semplice, avranno un’opportunità in più per osservare e comprendere le principali proprietà chimico-fisiche dei gas. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è indirizzata al pubblico dagli 8 anni in su.

– Dalle 14.30 alle 16 e dalle 16 alle 17.30 al convento di San Francesco – Museo Storico ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Click… e luce fu!". Tre ambienti allestiti con exhibit permettono un approccio interdisciplinare al tema della luce: storico (fotocamere da campagna, stereoscopie, carte-de-visite, alcune tra le più celebri macchine del Novecento- Leica, Contax), fisiologico (messa a fuoco, dilatazione della pupilla, permanenza immaginI sulla retina, …), psicologico (gli inganni dell’occhio e del cervello), fisico (ombre, colori, energia, rifrazione). La ricostruzione di una camera oscura di grandi dimensioni dà la possibilità agli utenti di entrare per capire il funzionamento della macchina fotografica. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 9 anni in su.

– Dalle 14.30 alle 16.30 all’istituto "Fantoni" si tiene il laboratorio "Calore – Il caldo, che fa?". Perché un tappeto sembra più caldo del pavimento? Cos’ha di magico il liquido nel termometro? È utile mettere in acqua calda il coperchio di un barattolo che non riusciamo a svitare? Perché ci strofiniamo le mani per scaldarle? Un filo metallico può diventare incandescente al passaggio della corrente? Quali effetti ha un cambiamento di temperatura sulle reazioni chimiche? Il laboratorio si propone di rispondere a queste domande, alla scoperta dei fenomeni legati agli scambi di calore. Per chi lo desiderasse poi, scolaresche o gruppi, le guide dell’istituto terranno visite attraverso le bellezze di Clusone, con la sua famosa ‘Danza macabra’ e l’orologio planetario del Fanzago, previo accordo telefonico al numero 0346/21033. L’iniziativa rientra tra le proposte di BergamoScienza ed è dedicata a un pubblico dai 10 anni in su.

– Dalle 14.30 alle 17.30 all’istituto "Mario Rigoni Stern" a Bergamo in via Borgo Palazzo, 128 ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Coltivare, trasformare, produrre – Nutrire il mondo con le biotecnologie tradizionali". Il progetto, connesso con la storia e la cultura del territorio bergamasco, si relaziona direttamente con la sua realtà produttiva agro-alimentare ed è nel cuore delle tematiche Expo 2015; esso si pone l’obiettivo di indagare, con semplici esperienze di laboratorio, i principi nutritivi presenti negli alimenti e l’uso che, da migliaia di anni, l’uomo ne fa. L’intento è di far acquisire conoscenze nel “Coltivare, Trasformare, Produrre” come condizioni imprescindibili per “nutrire il mondo”, consapevoli che una corretta informazione porta a stili di vita sani e sostenibili nel rispetto del delicato equilibrio dell’ambiente. L’attenzione si concentrerà sulla preparazione del pane, del formaggio e del vino. Gli esperimenti vengono proposti ed eseguiti dai partecipanti in modo interattivo, con il contributo degli studenti dell’istituto. Al termine del percorso si gusteranno il pane, il vino ed il formaggio preparati durante il laboratorio. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 12 ai 13 anni.

– Dalle 15 alle 15.50 e dalle 16.30 alle 17.20 al Green Temporary Lab – Ex Pagano, a Bergamo in via Monte Sabotino 2/a ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Illusionarium presenta: …eppure si muove! Quando la mente vede più degli occhi". Il cervello, molte volte, non è in grado di interpretare in modo corretto quanto gli occhi gli trasmettono e, proprio per questo, viene tratto in inganno. Come risultato riceviamo sensazioni assolutamente inverosimili, incredibili ed in grado di creare stupore e divertimento. Quest’anno "Illusionarium", proprio rifacendosi a questi principi sulla percezione visiva, propone una mostra interattiva e laboratorio particolarmente indirizzati alle immagini che creano nella nostra mente l’illusione del movimento mostrando ai partecipanti statue che si voltano per guardarli, disegni che sembrano prendere vita, quadri dipinti che si comportano come se fossero reali e tanti altri esperimenti che, seppur strettamente legati al mondo della scienza, sembrano un po’ magici. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dagli 8 anni in su.

– Dalle 15 alle 16 allo spazio Viterbi della Provincia di Bergamo ci sono ancora posti disponibili per "X al quadrato". Un percorso dedicato alla parabola, senza numeri, formule, calcoli, problemi o difficili dimostrazioni, ma con una serie di dispositivi interattivi, che illustrano le idee e i concetti in modo semplice, piano, intuitivo ed efficace, ovvero tanti divertenti “giocattoli matematici”. Il percorso si snoda fra concetti geometrici, algebrici e fisici, mescolati in modo funzionale, per osservare la stessa realtà da una varietà di punti di vista differenti, per avere una migliore e più estesa comprensione dell’argomento. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata al pubblico dagli 11 anni in su.

– Dalle 15 alle 16.30 al teatro Sociale si tiene la conferenza "Da grande anch’io – Apri gli occhi!". Intervengono: Maurizia Cacciatori (Campionessa olimpionica di pallavolo), Claudio De’ Sperati (Università Vita-Salute San Raffaele), Carlo Faggi (illusionista), Francesco Jodice (fotografo) e Paolo Nucci (Università degli Studi Milano). In occasione della 13esima edizione di BergamoScienza viene presentato per la prima volta al pubblico "Da grande anch’io", innovativo progetto educativo ideato e realizzato dall’associazione culturale e di promozione sociale Mercurio, già promotrice di Pinksie the Whale ospite del festival lo scorso anno. "Da grande anch’io" è un progetto educativo dedicato agli studenti della scuola secondaria di primo grado che, attraverso lezioni-spettacolo, giochi interattivi, laboratori, workshop e quiz, si confronteranno con una nuova idea di scienza e affronteranno un viaggio entusiasmante di conoscenza ed esplorazione della vita e del mondo. Il progetto accompagnerà i ragazzi alla scoperta di se stessi in un periodo di importanti cambiamenti psico-fisici, grazie alla maggiore conoscenza del funzionamento del corpo umano e del suo dialogo con la scienza e le sue nuove frontiere, e li metterà a diretto contatto con i grandi protagonisti della scienza e della cultura contemporanea (scienziati, medici, artisti, fotografi, musicisti, sportivi ecc). L’iniziativa è dedicata a un pubblico dai 10 anni in su e rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Dalle 15 alle 16.30 alla sala Manzù di Bergamo si tiene "L’ordine del caos". Un percorso alla scoperta dell’"effetto farfalla", per il quale si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo. Ma di cosa si tratta? È davvero impossibile prevedere il comportamento di alcuni sistemi che sembrano imprevedibili come condizioni meteorologiche e i terremoti? Queste e altre domande troveranno risposta attraverso la matematica del caos. In un percorso fatto di pendoli multipli, attrattori strani, oggetti frattali, verranno definiti alcuni sistemi dinamici caotici. Ci si addentrerà in modelli matematici che, seppur semplici, sono in grado di generare andamenti estremamente complessi, tanto da risultare quasi indistinguibili da processi aleatori. Dall’altra parte, come è possibile ottenere strutture ordinate a partire da condizioni aleatorie? Nel laboratorio si forniranno, attraverso simulazioni al computer, i primi strumenti per affrontare una nuova matematica. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata al pubblico dai 14 anni in su.

– Dalle 15 alle 17 alla chiesa di San Bartolomeo è possibile partecipare alla visita "La macchina delle meraviglie – L’organo della chiesa di San Bartolomeo". La lezione, a cura del maestro Vito Rumi, consiste nella proiezione di diapositive e filmati, intervallati da ascolti dal vivo dello strumento affidato al maestro Fabrizio Vanoncini, che permettono di fare approfondita conoscenza della struttura e del funzionamento generale di un organo, della sua evoluzione nei vari periodi storici e nelle varie aree geografiche europee. Un largo spazio viene dedicato alla storia ed alle caratteristiche dell’organo presente nel luogo della lezione. Quest’anno, per la prima volta, verrà illustrato l’organo costruito nel 1883 da Giacomo Locatelli nella Chiesa di San Bartolomeo (Sentierone), un raro esemplare di organo d’ispirazione francese, a 3 tastiere, pur nel solco della miglior scuola organaria bergamasca, quella dei Serassi. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Dalle 15 alle 18 alla sala viscontea: "Seduzione e repulsione: quello che le piante non dicono". Spine, peli, odori, aromi, rotondità, sinuosità, polposità, dolcezza, veleni, scosse, calore, inganno, cooperazione: le piante hanno evoluto sistemi affascinanti per sedurre coloro di cui hanno bisogno o per respingere i potenziali nemici. Tutto in silenzio, ai fini della sopravvivenza e della riproduzione. La mostra intende indagare e raccontare alcune particolari strategie elaborate in natura, quelle meno eclatanti o meno visibili ma fondamentali per mantenere gli equilibri della vita sul pianeta – che si traducono in chiari messaggi legati alla conservazione della biodiversità e all’ottimizzazione delle risorse. L’iniziativa rientra in "BergamoScienza".

– Dalle 16 alle 16.45 all’ateneo di scienze lettere e arti di Bergamo in via Tasso 4 ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Pietre e pietanze". Il laboratorio è un viaggio alla scoperta delle molteplici declinazioni con cui pietre e cibo si relazionano: dal percorso dedicato ai processi di realizzazione dei contenitori di pietanze, all’importanza della materia prima (minerale) determinante per le proprietà e i tipi di impiego del manufatto, che infatti è strettamente legato alle culture, alle civiltà e al territorio. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 18 anni in su.

– Alle 16, alla Casa natale di Gaetano Donizetti si rinnova l’appuntamento con "A casa di Gaetano", rassegna di musica da camera pensata ed eseguita dagli allievi del Conservatorio “Gaetano Donizetti” di Bergamo. – Dalle 16, al Café la Paix del Polaresco prende il via "Street art conspiracy", pomeriggio dedicato alle più svariate forme dell’arte di strada, per i più piccoli e non, con esibizioni circensi, truccabimbi, freepark. A seguire workout, graffiti e dJ set, video proiezioni, body painting, spettacoli col fuoco e musica live.

– Alle 16 alla biblioteca "Tiraboschi" a Bergamo in via San Bernardino, 74, in occasione del Premio Narrativa Bergamo Oltre 2015 si tiene la presentazione del romanzo "Ultima favola" di Francesco Permunian, finalista del premio 2014. Con l’autore dialogano Salvatore Silvano Nigro, filologo e critico letterario, italianista e francesista, e Alberto Bergamanini, filosofo e appassionato di letteratura.

– Dalle 16 alle 18.30 alla Domus Bergamo di piazza Dante si rinnova l’appuntamento con "La gioiosa", spazio interamente dedicato ai bambini (0-6 anni), giochi e laboratori ispirati a Expo 2015.

– Dalle 17.30 alle 18.30 al teatro Sociale si tiene la conferenza "Il mio percorso nella scienza: il fascino e i benefici della risonanza magnetica nucleare". Interviene Richard Ernst (Premio Nobel per la Chimica nel 1991). Nel 1955, quando ha iniziato il suo avventuroso viaggio nella Risonanza Magnetica Nucleare (RMN), non aveva idea di dove questo ci avrebbe condotto. RMN era uno strumento scientifico che, fiduciosamente, forniva conoscenze dei segreti chimici della natura. All’inizio, si dovette ridurre drasticamente il tempo di misurazione. Fu possibile usando un’acquisizione dati parallela con spettroscopia in trasformata di Fourier. Quindi, vennero separate le caratteristiche spettrali che si sovrapponevano. La spettroscopia multidimensionale aiutò notevolmente. Infine, serviva la risoluzione spaziale per ritrarre oggetti tridimensionali. L’introduzione di gradienti di campo magnetico alternati stava conducendo allo strumento più potente della Risonanza Magnetica per Imaging (MRI). Questo è oggi uno dei più importanti strumenti della medicina clinica. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Dalle 17.30 alle 19 al Palamonti ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Agricoltura di montagna: ricerche e visioni innovative". Il territorio montano ed alcuni aspetti legati all’economia agricola e forestale che qui si sviluppa. Al centro dell’attenzione ambiente e suolo, foresta ed ecoservizi, agricoltura in ambiente montano, colture da reddito particolari. Per questo ultimo tema, porremo un accento speciale sulle piante officinali e sul settore erboristico. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 14 anni in su.

– Alle 19 alla chiesa di santa Maria Immacolata delle Grazie, in largo Porta Nuova si tiene un appuntamento con la musica di "Armonie per Romanino". Il concerto si intitola "Romanino a sei corde. Arte in musica" con il maestro della chitarra Giulio Tampalini, vincitore di alcuni dei maggiori concorsi internazionali di chitarra, a cominciare dal primo premio al Concorso “Narciso Yepes” di Sanremo fino al prestigioso “Andrès Segovia” di Granada. L’esibizione è promossa a latere della mostra “Girolamo Romanino, il testimone inquieto”,

– Alle 20.30 al centro sociale autogestito "Paci Paciana" Paola Staccoli, autrice del libro “Sebben che siamo donne – Storie di rivoluzionarie”, presenterà con Silvia Baraldini la raccolta di storie di donne rivoluzionarie, delle loro scelte e della loro volontà di lotta e autodeterminazione. Prima dell’incontro, dalle 19.30 è possibile prendere parte all’aperitivo.

– Alle 22.30 all’Edoné: "Bergamo Sottosuolo presenta Labile / Council of rats / Tongues", serata musicale con tre concerti live: dopo quattro anni di distanza dall’album di debutto all’insegna del punk cantautorale dall’attitudine combat, tornano a esibirsi i "Labile" con una formazione in parte rinnovata; i "Council of rats", che propongono un blend punk e hardcore ad alta densità, al netto di due album alle spalle e un tour europeo alle porte; e i "Tongues", quartetto composto da elementi di lungo corso della scena milanese e bergamasca, autori di un album d’esordio appena stampato. A tracciare i loro contorni c’è del post-punk, dell’hardcore e del noise.

DOMENICA 11 OTTOBRE

– Dalle 8.30 alle 9.05 al Club Ricreativo Pignolo Onlus ci sono ancora posti disponibili per partecipare a "Il viaggio del globulo rosso in 4D". L’iniziativa, che rientra tra le proposte di "BergamoScienza", offre la possibilità di avvicinarsi al mondo della medicina e, in particolare, ad uno dei suoi temi più "caldi": la circolazione e la sua stretta relazione con la nutrizione. Si potrà seguire il tragitto compiuto, in ogni momento, dal globulo rosso, un tragitto che verrà presentato in 4D, conducendo i partecipanti nel cuore di una gigante arteria tridimensionale che potranno, così, visualizzare il sistema del vaso arterioso in tutte le sue forme e manifestazioni. L’attività è dedicata a un pubblico dai 6 ai 14 anni.

– Dalle 8.30 alle 9.30, dalle 9.30 alle 10.30, dalle 10.30 alle 11.30, dalle 12.30 e dalle 13.30 e dalle 16 alle 17 allo spazio Viterbi della Provincia di Bergamo ci sono ancora posti disponibili per "X al quadrato". Un percorso dedicato alla parabola, senza numeri, formule, calcoli, problemi o difficili dimostrazioni, ma con una serie di dispositivi interattivi, che illustrano le idee e i concetti in modo semplice, piano, intuitivo ed efficace, ovvero tanti divertenti “giocattoli matematici”. Il percorso si snoda fra concetti geometrici, algebrici e fisici, mescolati in modo funzionale, per osservare la stessa realtà da una varietà di punti di vista differenti, per avere una migliore e più estesa comprensione dell’argomento. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata al pubblico dagli 11 anni in su.

– Alle 9, al palazzo della Provincia di Bergamo, si inaugura il nuovo "Ufficio Europa”, realtà pensata quale supporto concreto e operativo per i comuni e gli enti del territorio che vogliano avviarsi nella ricerca di finanziamenti europei. La nuova struttura, situata al piano terra della sede di via Tasso, è frutto della collaborazione con il Comune di Bergamo; Provincia e capoluogo lavoreranno a stretto contatto nella ricerca di fondi europei da destinare al territorio. Al taglio del nastro interverranno Matteo Rossi, presidente della Provincia di Bergamo, Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, Fabrizio Spada, direttore dell’ufficio di Milano della commissione europea, e Giampietro Benigni, consigliere di amministrazione di Sacbo e presidente dell’associazione Giovani Idee. Per avere ulteriori informazioni è consultare il link www.provincia.bergamo.it/Provpor/provBgViewEditorialNewsProcessWAI.jsp?editorialID=169656& nocache=1540723490 – Dalle 9 alle 9.30 all’Urban Center Bergamo ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "A piedi nudi su Marte: realtà virtuale e planetologia". Un viaggio unico sul pianeta Marte attraverso un’esperienza 3D con immagini planetarie in alta definizione, per sperimentare contemporaneamente le tante possibilità della realtà virtuale e la conoscenza geomorfologica di un pianeta. I visitatori saranno accompagnati prima, attraverso una mappa globale dell’area sorvolata, alla conoscenza del sistema planetario di riferimento e poi, dopo aver indossato gli occhiali/casco, si potrà volare virtualmente su un percorso predefinito ma con la possibilità di variare il proprio volo, fermandosi su un punto, scendendo o alzandosi liberamente. Un viaggio unico per neofiti astronauti. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dagli 8 anni in su.

– Dalle 9 alle 10, dalle 12 alle 13, dalle 16 alle 17, dalle 17.30 alle 18.30 al liceo scientifico statale "Filippo Lussana" è possibile visitare la mostra "A che ora passa il mio autobus?". La probabilità e la statistica sono ambiti della matematica con i quali, anche senza rendercene conto, veniamo a contatto ogni giorno. Questa mostra è l’occasione per capire quanto, in realtà, essi ci siano quotidianamente d’aiuto. Quanto tempo occorre per trovare un determinato posto, in una città sconosciuta, muovendosi a caso? A che ora passa il mio autobus? Queste domande fanno capo sostanzialmente a due argomenti studiati trasversalmente in diversi campi: i tempi di attesa e gli eventi rari. Modelli di traffico, previsione degli eventi naturali (come le frane), teoria delle code (siano esse al casello autostradale o alla cassa di un supermercato), moti browniani, titoli azionari, estrazioni del lotto… In questa esposizione sarà possibile trovare questo e molto altro, passando dalla costruzione dei modelli alla loro applicazione alla realtà, un’opportunità di scoprire che la matematica è presente là dove non si immaginerebbe. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata a un pubblico dagli 11 anni in su.

– Dalle 9 alle 10.30 e dalle 16.30 alle 18 ci sono ancora posti liberi alla sala Manzù di Bergamo si tiene "L’ordine del caos". Un percorso alla scoperta dell’"effetto farfalla", per il quale si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo. Ma di cosa si tratta? È davvero impossibile prevedere il comportamento di alcuni sistemi che sembrano imprevedibili come condizioni meteorologiche e i terremoti? Queste e altre domande troveranno risposta attraverso la matematica del caos. In un percorso fatto di pendoli multipli, attrattori strani, oggetti frattali, verranno definiti alcuni sistemi dinamici caotici. Ci si addentrerà in modelli matematici che, seppur semplici, sono in grado di generare andamenti estremamente complessi, tanto da risultare quasi indistinguibili da processi aleatori. Dall’altra parte, come è possibile ottenere strutture ordinate a partire da condizioni aleatorie? Nel laboratorio si forniranno, attraverso simulazioni al computer, i primi strumenti per affrontare una nuova matematica. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata al pubblico dai 14 anni in su.

– Dalle 9 alle 10.30 e dalle 10.30 alle 12 all’istituto "Natta ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Luci sul Natta – La luce fu e si trasformò". Esempi di trasformazione della luce: la luce dalle stelle e le domande dell’uomo; la luce della mente che produce proposte; dal fuoco primitivo al led; la luce protagonista di spettacoli; la luce e l’effetto sui farmaci; la luce e l’effetto fotoelettrico; la luce e l’effetto fotovoltaico. La luce dalle stelle e le risposte dell’uomo. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 13 anni in su.

– Dalle 9.30 alle 10.30, dalle 10.30 alle 11.30 e dalle 11.30 alle 12.30 ci sono ancora posti disponibili per partecipare all’incontro "La scienza che conta – Check-up della banconota" alla sede della Banca d’Italia di Bergamo. I dipendenti della filiale di Bergamo mostreranno con quali strumenti di alta tecnologia vengono selezionate le banconote ancora spendibili, e come invece vengono distrutte quelle troppo logore per essere idonee alla circolazione. Contestualmente, spiegheranno anche perché la tecnologia non sempre basta a riconoscere i biglietti falsi ed è qui che, per riconoscere i presidi di sicurezza, intervengono gli esperti. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 18 anni in su.

– Dalle 9.30 alle 11 al teatro Sociale si tiene la conferenza "Verso una mano ‘bionica’: risultati recenti e prospettive future". Interviene Silvestro Micera (Scuola Politecnica Federale di Losanna) e introduce Andrea Remuzzi (Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo). La sostituzione di una mano mancante con una artificiale funzionale è un antico bisogno e desiderio. La mano è uno strumento potente e la sua perdita provoca gravi problemi dal punto di visita fisico e psicologico. La necessità di un arto protesico versatile con controllo motore intuitivo e feedback sensoriale realistico è enorme e il suo sviluppo è assolutamente necessario per il prossimo futuro. In occasione dell’incontro, saranno mostrati recenti risultati circa la possibilità di registrare le informazioni motore da nervi efferenti e per stimolare i nervi afferenti utilizzando impianti intraneurali. Utilizzando questo approccio è possibile ripristinare la connessione bidirezionale tra una protesi di mano ed il sistema nervoso. Questa scoperta può aprire interessanti opportunità per lo sviluppo di protesi di mano più efficaci e utili. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30 all’istituto "Mario Rigoni Stern", a Bergamo in via Borgo Palazzo, 128 ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Coltivare, trasformare, produrre – Nutrire il mondo con le biotecnologie tradizionali". Il progetto, connesso con la storia e la cultura del territorio bergamasco, si relaziona direttamente con la sua realtà produttiva agro-alimentare ed è nel cuore delle tematiche Expo 2015; esso si pone l’obiettivo di indagare, con semplici esperienze di laboratorio, i principi nutritivi presenti negli alimenti e l’uso che, da migliaia di anni, l’uomo ne fa. L’intento è di far acquisire conoscenze nel “Coltivare, Trasformare, Produrre” come condizioni imprescindibili per “nutrire il mondo”, consapevoli che una corretta informazione porta a stili di vita sani e sostenibili nel rispetto del delicato equilibrio dell’ambiente. L’attenzione si concentrerà sulla preparazione del pane, del formaggio e del vino. Gli esperimenti vengono proposti ed eseguiti dai partecipanti in modo interattivo, con il contributo degli studenti dell’istituto. Al termine del percorso si gusteranno il pane, il vino ed il formaggio preparati durante il laboratorio. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 12 ai 13 anni.

– Dalle 10 alle 11, dalle 11 alle 12 e dalle 12 alle 13 a Porta sant’Agostino ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Enigma. Esploriamo l’impensabile". Ogni giorno nuovi consumatori sempre più esigenti mettono alla prova i grandi designer nei diversi ambiti dei processi creativi. Solo chi è in grado di scrutare al di là del semplice oggetto può donargli una nuova luce che lo renda appetibile al grande pubblico. Il percorso si propone come un’opportunità per scoprire le proprie potenzialità creative nascoste. L’iniziativa, che rientra tra le proposte di BergamoScienza, è dedicata ai ragazzi dai 17 ai 18 anni.

– Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16, all’istituto Leonardo da Vinci si tiene "Ottica-mente". I ragazzi del corso di ottica hanno allestito, con la supervisione dei loro insegnanti, un laboratorio interattivo sull’ottica e i suoi principali fenomeni. Dopo una spiegazione sul percorso della mostra e i vari esperimenti, si procederà alla visita della mostra e delle varie esperienze. Al centro dell’attenzione ci sono i principali fenomeni di ottica geometrica come la riflessione, la rifrazione, la riflessione totale e le leggi sulle lenti sottili e di colorimetria, interferenza, diffrazione della luce fino ad arrivare alle più moderne fibre ottiche. Infine i ragazzi di quarta e quinta con la supervisione dei docenti di optometria eseguiranno ai visitatori un visita optometrica e mostreranno come si realizza un occhiale da vista. L’iniziativa si tiene tra le proposte di BergamoScienza ed è dedicata a un pubblico dai 12 anni in su.

– Dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 alla sala viscontea: "Seduzione e repulsione: quello che le piante non dicono". Spine, peli, odori, aromi, rotondità, sinuosità, polposità, dolcezza, veleni, scosse, calore, inganno, cooperazione: le piante hanno evoluto sistemi affascinanti per sedurre coloro di cui hanno bisogno o per respingere i potenziali nemici. Tutto in silenzio, ai fini della sopravvivenza e della riproduzione. La mostra intende indagare e raccontare alcune particolari strategie elaborate in natura, quelle meno eclatanti o meno visibili ma fondamentali per mantenere gli equilibri della vita sul pianeta – che si traducono in chiari messaggi legati alla conservazione della biodiversità e all’ottimizzazione delle risorse. L’iniziativa rientra in "BergamoScienza".

– Alle 11.30 alla fiera di Bergamo: "Contaminazioni culinarie. La zebra & lo spinato". Bergamo e Zimbabwe si incontrano ad "Agritravel" con il mais spinato di Gandino, il mais di Chinhoyi e la carne di Zebra. – Dalle 14.30 alle 16 al teatro Sociale si tiene la conferenza "Luce sul disordine". Interviene Diederik Sybolt Wiersma (Lens – European Laboratory for Non-Linear Spectroscopy e Università di Firenze), mentre l’introduzione è affidata a Giovanni Caprara (presidente Ugis, Comitato Scientifico Associazione BergamoScienza). "Se mi avessero chiesto di inventare nuove stampanti o scanner per supermercati, figurarsi tecnologie che avrebbero messo i film su dischi o rivoluzionare la chirurgia oculare, non avrei mai inventato il laser" ha detto Charles Townes, vincitore del premio Nobel per la Fisica per aver inventato il laser. La curiosità orientata alla ricerca conduce alle inaspettate meravigliose applicazioni nella vita quotidiana, e questo è particolarmente vero nel campo dell’ottica e della fotonica. In questo incontro si discuterà dell’ottica del disordine e si indagherà su ciò che semplici esperimenti ottici possono insegnarci su fenomeni fisici complessi. Inoltre, si parlerà di applicazioni che vanno dalle immagini di parti del corpo umano, al miglioramento delle celle solari, rivestimenti, e nuove sorgenti luminose. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Dalle 16 alle 17 al Civico Museo Archeologico, in piazza Cittadella, è possibile visitare la mostra "Food. Archeologia del cibo dalla preistoria all’antichità". Il percorso espositivo è dedicato al tema dell’alimentazione. Il cibo afferisce sia alla sfera biologica sia a quella culturale, essendo parte integrante dell’universo simbolico che ci distingue, non solo da tutti gli altri animali ma anche all’interno della nostra specie. I cibi definiscono l’identità dei gruppi, in senso sia geografico sia sociale, e segnano il ritmo del vivere quotidiano e della ritualità. La mostra affronta la storia dei singoli alimenti (la carne, le risorse marine, i cereali e i legumi, il vino, l’olio, il sale, il miele, il latte e la frutta), mettendo in rilievo la loro importanza per la vita dell’uomo. Alla fine del percorso, un approfondimento sull’importante sito archeologico dell’abitato etrusco del Forcello (Mantova), mostrerà come l’archeologia, con l’apporto delle scienze naturali, sia in grado di ricostruire quadri dettagliati del mondo antico. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza".

– Alle 17 è possibile partecipare a una visita guidata ad Astino. Il ritrovo è al monastero 15 minuti prima (al bookshop); a seguire visita guidata organizzata in collaborazione con il gruppo “Guide Turistiche Città di Bergamo” che prevede: visita alla Chiesa del Santo Sepolcro, al complesso del Monastero di Astino e alle mostre in programma. La quota di partecipazione è di 8 euro. Per prenotarsi inviare un’email all’indirizzo di posta elettronica astinoexpo2015@gmail.com oppure chiamare il numero di telefono 3318806545. Le visite si effettueranno al raggiungimento di minimo 15 iscritti (massimo 30) – Dalle 17.30 alle 19 al Palamonti ci sono ancora posti disponibili per partecipare al laboratorio "Agricoltura di montagna: ricerche e visioni innovative". Il territorio montano ed alcuni aspetti legati all’economia agricola e forestale che qui si sviluppa. Al centro dell’attenzione ambiente e suolo, foresta ed ecoservizi, agricoltura in ambiente montano, colture da reddito particolari. Per questo ultimo tema, porremo un accento speciale sulle piante officinali e sul settore erboristico. L’iniziativa rientra tra le proposte di "BergamoScienza" ed è dedicata al pubblico dai 14 anni in su.

– Alle 20 alla Domus Bergamo di piazza Dante si tiene "Pink dinner", una cena in rosa dove si potranno conoscere alcune produttrici dell’Associazione Donne del Vino che porteranno in Ristolab i loro vini e prodotti all’insegna del fare femminile e dell’eccellenza italiana rigorosamente pink. Per il ciclo "Pink Dinner", sarà ospite della Domus Donatella Cinelli Colombini, presidente del Consorzio del vino Orcia e vice presidente nazionale dell’Associazione Donne del Vino, tra le espressioni più interessanti dell’imprenditoria femminile in tutte le categorie della filiera vitivinicola, dal vigneto alla cantina, dalla tavola alla comunicazione. Cinelli Colombini, nel corso della serata, racconterà di sé e dei suoi vini. Gli ospiti potranno affiancare alle proposte gastronomiche realizzate dal Ristolab di Domus Bergamo Wine, la degustazione di: Rosa di Tetto Igt Toscana Rosè 2014 per gli aperitivi; Leone Rosso Doc Orcia 2011 per gli antipasti; Cenerentola Doc Orcia 2010 per i primi; Brunello Prime Donne Docg 2008 per i secondi; e Vinsanto 2003 per i dolci. La quota di partecipazione è di 30 euro a persona, necessaria la prenotazione a info@alta-qualita.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.