BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zingonia, un boato dopo il volo di 40 metri: così è morto a 10 anni Mamadou

Mamadou Fall, che si trovava in casa con il papà e la sorellina, intorno alle 19.30 di mercoledì è caduto dal balcone della cucina, schiantandosi su un balcone al primo piano che sporge di più rispetto agli altri. Alla moschea di Zingonia è stata aperta una colletta per il trasporto della salma in Senegal

 Un boato nel bel mezzo della sera, i vicini che si affacciano, poi la drammatica scoperta: il piccolo Mamadou Fall steso a terra sul balcone del primo piano dopo un volo di 40 metri.

E’ morto così il bambino senegalese di 10 anni che abitava con i genitori e quattro fratelli in un appartamento all’ottavo piano della torre 4C, un "palazzone" di via Oleandri, nel quartiere di Zingonia popolato in prevalenza da persone straniere. 

La tragedia si è consumata intorno alle 19.30 di mercoledì 7 ottobre. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Mamadou, che si trovava in casa con il papà e la sorellina, è caduto dal balcone della cucina che si affaccia sul retro della palazzina, schiantandosi su un balcone al primo piano che sporge di più rispetto agli altri.

Una visione scioccante quella che si è presentata agli occhi dei residenti del condominio, con il piccolo Mamadou, che frequentava la quinta elementare, steso a terra, a pancia all’insù, che perdeva sangue dalla bocca. Indosso aveva ancora la maglia e i pantaloncini del Barcellona.

Proprio il calcio era la sua grande passione, tanto che passava ore a giocare con il pallone, anche in casa. Poco prima della tragedia, tra l’altro, il papà lo aveva rimproverato dicendogli di pensare meno alla palla e più a fare i compiti.

In via Oleandri è accorso il personale medico del 118, che dopo un lungo massaggio cardiaco non ha potuto far altro che constatare la morte del bambino, fra lo sgomento dei vicini e il dolore della mamma, arrivata poco dopo. 

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Treviglio guidati dal capitano Antonio Berardi e dal tenente Antonio Capone, oltre al sostituto procuratore Gianluigi Dettori per i rilievi del caso.

La salma di Mamadou, che era musulmano, è stata composta nella camera mortuaria del cimitero di Verdellino. La famiglia del piccolo è in un momento di difficoltà economica, con il papà rimasto senza lavoro, tanto che alla moschea di Zingonia è stata aperta una colletta per il trasporto della salma in Senegal. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.