BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Gaetano, vediamoci” all’Accademia Carrara lo speciale Donizetti Alive

Nuova ambientazione dell’opera su Donizetti fra le sale di Accademia Carrara. Venerdì 9 ottobre alle 21 "Gaetano, Vediamoci" la versione speciale di Donizetti Alive all'Accademia Carrara in vista dell'inaugurazione della stagione lirica.

Dopo l’enorme successo del debutto e delle recite estive alla Domus Magna in Città Alta (oltre 1.200 spettatori), venerdì 9 ottobre alle ore 21 “Donizetti Alive” torna in scena con in una versione creata in prossimità dell’inaugurazione della stagione lirica, “Gaetano, Vediamoci”, fra le sale di Accademia Carrara, nel segno di una sempre più stretta collaborazione fra le istituzioni culturali bergamasche.

L’opera originale, commissionata per i 750 anni della Fondazione Congregazione della Misericordia Maggiore di Bergamo, dopo un’introduzione del direttore artistico della Fondazione Francesco Micheli, si “diffonderà” così fra le sale della Pinacoteca da poco riaperta, dove tra l’altro è esposto il quadro di Le ultime ore di Gaetano Donizetti di Ponziano Loverini del 1891.

Il viaggio nella mente di Gaetano, firmato da Julio García-Clavijo, Luigi Di Gangi, Ugo Giacomazzi e con la musica di Pasquale Corrado, terzo lavoro della Compagnia operAlchemica, trova così nuova vita e ispirazione fra i capolavori della Carrara, dando ancora una volta la possibilità al pubblico di seguire un progetto innovativo capace di un singolare impatto emozionale sul pubblico.

“Donizetti Alive” è un viaggio nella mente del compositore, nei suoi ricordi, nelle allucinazioni degli ultimi istanti della sua vita, in cui realtà è ricordi si confondono; le scene convivono contemporaneamente in spazi diversi e sarà il pubblico a costruire il proprio percorso, muovendosi liberamente nelle sale di Accademia Carrara, alimentando quest’un’opera “destrutturata”, pensata senza l’intento di un percorso temporale ma semplicemente per raccontare speranze, successi e fallimenti, passioni e distorsioni della vita di Gaetano Donizetti.

“Con quest’opera immaginiamo di entrare nelle stanze della mente di Gaetano Donizetti in un momento preciso della sua esistenza: gli ultimi istanti di vita” – raccontano gli autori – dei quali in Carrara si conserva il celebre quadro di Loverini.

“Da un punto di vista scenico” – continuano – “abbiamo immaginato l’opera come un caleidoscopio di frammenti di realtà e immaginazione, in cui episodi storici si sovrappongono e mescolano al sogno e alle allucinazioni di una mente frenetica come quella di Donizetti”. Personaggi della sua vita come il maestro Mayr, la moglie Virginia, i medici, i cantanti isterici, i librettisti ritardatari e gli impresari senza scrupoli, si confondono con i protagonisti delle sue opere. Un’opera nuova e itinerante dunque, in cui anche la musica è sperimentazione.

“Punto di partenza del lavoro” – racconta il compositore Pasquale Corrado – “è stato interrogarmi sul tipo di grammatica musicale che Donizetti avrebbe utilizzato oggi per descrivere le stesse situazioni drammaturgiche. Da una parte ho cercato di isolare delle caratteristiche stilistiche donizettiane, riadattandole ad un linguaggio lirico contemporaneo, dall’altra mi sono lasciato contagiare dalle suggestioni che alcuni episodi della sua vita e delle sue opere mi hanno comunicato, esprimendole nel mio linguaggio compositivo”. Il pubblico viene coinvolto direttamente nelle azioni dello spettacolo, e lo vive in maniera esclusiva, scegliendo il percorso preferito, guidato da suoni, parole, immagini. Il cast di “Donizetti Alive” in questa versione pensata e ricostruita sugli spazi della Carrara comprende i cantanti Francesca Pacileo e Alessandro Ravasio, quindi gli attori Simone Baldassari e Barbara Esposito; gli strumentisti del Cantiere Donizetti e il beat boxer Roberto Bacova. Biglietto di ingresso (dalle 20.00 in poi): pinacoteca e spettacolo 5 €; in vendita presso la biglietteria Accademia Carrara.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.