BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Deutsche Bank annuncia: maxi-perdita da 6,2 miliardi A rischio il dividendo

Deutsche Bank prevede una perdita record ante imposte di oltre 6 miliardi di euro nel terzo trimestre che porterà a una riduzione o una cancellazione del dividendo per il 2015, atteso fino a ieri a 0,75 euro per azione.

Più informazioni su

Deutsche Bank prevede una perdita record ante imposte di oltre 6 miliardi di euro nel terzo trimestre che porterà a una riduzione o una cancellazione del dividendo per il 2015, atteso fino a ieri a 0,75 euro per azione. La principale banca tedesca chiuderà il terzo trimestre con un rosso da 6,2 miliardi di euro, ha annunciato l’istituto attraverso un messaggio ai dipendenti del nuovo co-ceo John Cryan in carica dal luglio scorso, che ipotizza anche la possibilità che non venga distribuito alcun dividendo.

Il gruppo è pronto a iscrivere a bilancio enormi svalutazioni sulla sua unità investment banking e sulle due attività destinate alla dismissione, la banca retail Postbank e la partecipazione nella cinese Hua Xia Bank: solo quest’ultima voce dovrebbe pesare per 600 milioni di svalutazioni. A ciò, si aggiungerebbero 1,2 miliardi di accantonamento per eventuali dispute giudiziarie, in particolare sulla manipolazione del Libor.

Sui conti pesano 5,8 miliardi di oneri straordinari a causa delle esigenze di adeguare i requisiti patrimoniali.

"La notizia non è buona, e mi aspetto che un certo numero di voi ne resterà molto deluso", ha affermato il ceo Cryan in una lettera aperta al personale. Il capo esecutivo aveva avvertito il personale, non appena entrato in carica, del fatto che la performance "da nessuna parte è abbastanza buona". Il nuovo numero uno dell’istituto tedesco, Cyran, vuole fare pulizia nei conti e cambiare rotta rispetto al suo predecessore. Dopo un pesante ribasso nel mercato after-hour di New York, il titolo a Francoforte ha retto bene all’annuncio.

Jon Peace, analista di Nomura, spiega infatti al Financial Times che, sebbene l’impatto dei costi e il taglio del dividendo siano peggiori delle attese, "il mercato sta prezzando una ricapitalizzazione; se Cryan convincerà gli investitori che non sarà necessaria, ci saranno possibilità di risalita delle azioni".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefania

    anche i ricchi piangono….speriamo d’uscire da questa Europa falsa e deludente

  2. Scritto da Maurizio

    Prima la WV ora la DB questi tedeschi stanno esagerando, non e’ che tra poco dovremo salvarli

  3. Scritto da Alberto

    Si ricomincia: Lehman2 con gli interessi, altro che crisi finita…