BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gorle, la casa di riposo Caprotti-Zavaritt spegne le prime 30 candeline

Porte aperte domenica 18 ottobre in via Arno 14 a Gorle per festeggiare i 30 anni della struttura: musica del complesso polisinfonico Legictimae Suspicionis, danze country e molto altro, per una domenica pomeriggio all’insegna dello stare insieme.

Inaugurata il 19 ottobre del 1985, la Casa di Riposo Caprotti-Zavaritt compie 30 anni e celebra l’importante traguardo con una grande festa, dedicata agli ospiti e a tutta la comunità bergamasca.

Il ritrovo è alle 15 di domenica 18 ottobre presso la struttura di Gorle, in via Arno 14, dove l’ingegner Eric Luchsinger, Presidente del Comitato di Gestione, darà il benvenuto ai partecipanti. Seguirà la visita della struttura, durante la quale sarà possibile conoscere da vicino come si svolge la giornata degli ospiti, le varie aree a loro disposizione, i servizi e le prestazioni alberghiere e socio-assistenziali disponibili, gestiti da Sodexo, azienda leader mondiale nei Servizi di Qualità della Vita.

La festa entrerà poi nel vivo con il concerto del complesso polisinfonico Legictimae Suspicionis, diretto dal maestro Donato Giupponi e con l’esibizione del gruppo Monster Country, che proporrà uno spettacolo coinvolgente di danze. La giornata si concluderà con un un rinfresco offerto ai presenti.

La Casa di Riposo Caprotti-Zavaritt

L’idea di realizzare una casa di riposo si concretizza nel 1980 quando la Chiesa Valdese riceve dalla Famiglia Caprotti, legata da amicizia alla Comunità Cristiana Evangelica di Bergamo, un lascito finalizzato a opere di assistenza agli anziani. Nello stesso anno Enrica Zavaritt dona la propria villa di Gorle, già adibita a Istituto di accoglienza per fanciulle bisognose di aiuto.

Inaugurata nel 1985, oggi la RSA, opera diaconale della Chiesa Valdese di Bergamo, è amministrata da un Comitato di Gestione nominato dal Consiglio di Chiesa e dispone di 62 posti per ospiti residenti, con 50 camere tra singole e doppie.

La Casa di Riposo, dal 2008, offre anche la possibilità di avvalersi dei servizi di ospitalità del Centro Diurno Integrato, per 30 posti accreditati, dedicati a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere in casa propria, desiderino trascorrere la giornata in una struttura che consenta loro di usufruire di vari servizi socio-assistenziali. Notevole importanza viene dedicata alle prestazioni riabilitative, effettuate da fisioterapisti che esercitano in una palestra attrezzata.

Oltre al benessere fisico, la Casa di Riposo pone particolare attenzione al benessere psicologico, organizzando attività che stimolino l’interesse e la partecipazione degli ospiti. Di recente sono stati implementati nuovi servizi, quali la “residenzialità leggera”, che offre interventi e prestazioni a persone fragili che necessitano di un ambiente protetto e la “RSA aperta”, che prevede interventi sociosanitari, sia presso la RSA sia a domicilio.

http://www.caprottizavaritt.it/

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.