BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo in Fiera progetta il dopo Expo puntando su sostenibilità e bellezza

Da venerdì 9 a domenica 11 ottobre al polo fieristico si tengono la fiera della montagna "Alta quota" e la fiera del turismo rurale e slow, agricoltura, ambiente e cultura "Agri Travel & Slow travel". Il segretario generale di Ente Fiera Promoberg, Luigi Trigona: "Con queste due manifestazioni Bergamo organizza il dopo Expo, puntando su sostenibilità e bellezza".

L’esposizione universale Milano 2015 si avvia al termine e Bergamo progetta il dopo Expo.

L’obiettivo è dare continuità al percorso intrapreso e gettare le basi per un rinnovato sviluppo economico e sociale. In questo solco s’inserisce l’organizzazione di un doppio appuntamento al polo fieristico, in via Lunga: la fiera della montagna "Alta quota" e la fiera del turismo rurale e slow, agricoltura, ambiente e cultura "Agri Travel & Slow travel", che si terranno da venerdì 9 a domenica 11 ottobre.

Il segretario generale di Ente Fiera Promoberg Luigi Trigona evidenzia: "In programma ci sono due manifestazioni di alto valore, che vedono quattro protagonisti ‘di sistema’: la Camera di commercio di Bergamo con il sistema camerale lombardo, Promoberg, Turismo Bergamo e Regione Lombardia. Entrambe sono accomunate dall’obiettivo di valorizzare la bellezza, l’ambiente, la cultura e le risorse che il territorio offre, raccogliendo il messaggio dell’esposizione universale. Seguendo questa direzione, Bergamo si sta preoccupando del dopo Expo, allo scopo di raccogliere i frutti di una buona semina. Anche questa volta vogliamo ‘giocare d’anticipo’, come un anno fa quando abbiamo invitato i paesi cluster a conoscere il nostro territorio. Alcuni di essi saranno presenti ad ‘Agri travel’, in cui il cibo diventa un modo per preziosi scambi: Cina, Colombia, Kazakistan, Israele, Marocco e Zimbabwe, con le rispettive rappresentanze che incontreranno le realtà orobiche, la Camera di commercio e le aziende".

A unire "Alta quota" e "Agri travel" sono due concetti-chiave: bellezza e sostenibilità. Trigona sottolinea: "Nel primo caso, al centro dell’esposizione c’è il contesto montano, con il suo paesaggio, che ha un significato strategico per la felicità delle persone. L’esposizione spazierà dall’Adamello alle Valli orobiche,dandone una completa rappresentazione. ‘Agri travel’, invece, offre la possibilità di scoprire e apprezzare luoghi dei quali spesso non riusciamo a godere a causa dei ritmi troppo veloci con cui siamo costretti a spostarci e a viaggiare".

Non mancheranno anche riferimenti al turismo sacro per un tema, quello del viaggio, capace di aggregare persone e culture, come evidenzia monsignor Giulio Dellavite, segretario generale della Curia di Bergamo: "Il viaggio è l’elemento che unisce religioni diverse: ne troviamo vari riferimenti sia nella Bibbia e in alcuni scritti di sant’Agostino sia nell’Islam. La strada è un luogo ricorrente nelle scritture e può offrire profondi e interessanti spunti di riflessione".

Ad "Agri travel" parteciperanno Paesi di tutto il mondo. Stefania Pendezza, responsabile del progetto sottolinea: "Ad ‘Agri travel’ ogni nazione coinvolta proporrà le proprie peculiarità: ad esempio, per lo Zimbabwe spiccano crocoburger e zebraburger, con show cooking; la Colombia porta le proprie tradizioni e la salsa; il Kazakistan, che si prepara per Expo 2017; il Marocco, che proporrà una riflessione sul ruolo della donna. Alle delegazioni straniere si aggiungono, poi, il Nepal e le rappresentanze di Eurogites, la federazione europea del turismo rurale, con la presenza di alcuni associati, tra cui Russia, Lituania e Germania rendendo ‘Agritravel’ una preziosa piattaforma di confronto, un ponte tra la nostra nazione, l’Europa e il mondo".

Aspetto centrale è la promozione del territorio, come dichiarato da Pietro Segalini, presidente regionale Unione nazionale Proloco, e l’"agricoltura, abbinata all’offerta turistica per guardare al futuro con tante potenzialità", come indicato dal presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio.

Numerose le attrattive anche per la fiera della montagna "Alta quota". Il responsabile del progetto Alessandro Pagnoni dichiara: "Tra area interna e outdoor dedicata in particolare alle attività sportive, quali escursionismo, arrampicata, trekking, alpinismo e mountain bike, i visitatori potranno scoprire le offerte delle strutture turistiche. Inoltre, verrà allestito il villaggio della polenta taragna, che non è solo un alimento ma una realtà culturale caratteristica".

L’ingresso è libero e gratuito e il ticket del parcheggio è di 3 euro.

L’area interna è aperta: venerdì dalle 15 alle 20 (inaugurazione alle 14.30); sabato e domenica dalle 10 alle 20, mentre l’area esterna venerdì dalle 15 alle 22.30; sabato dalle 10 alle 22.30; domenica dalle 10 alle 20.

Per informazioni chiamare lo 0353230911 o scrivere a info@promoberg.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.