BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I dipendenti della Provincia in sciopero contro i tagli “Salvati tutti i dirigenti”

I dipendenti della Provincia di Bergamo hanno scioperato durante le prime quattro ore di venerdì 2 ottobre per protestare contro la riorganizzazione dell'ente. Numerosi i funzionari presenti di fronte alla prefettura di Bergamo che si sono mobilitati contro la volontà dell'Amministrazione Provinciale di procedere a tagli.

Più informazioni su

“Noi spediti in altri enti, mentre ai dirigenti nessun taglio”. I dipendenti della Provincia di Bergamo hanno scioperato durante le prime quattro ore di venerdì 2 ottobre per protestare contro la riorganizzazione dell’ente. Numerosi i funzionari presenti di fronte alla prefettura di Bergamo che si sono mobilitati contro la volontà dell’Amministrazione Provinciale di procedere a tagli senza criteri e indicazioni certe rispetto al destino dei lavoratori e delle lavoratrici e con la dichiarata volontà di mantenere in servizio tutti i dirigenti. “Siamo arrivati ad un punto in cui le due parti non riescono a trovare una soluzione­ – commenta Eleonora Gherardi coordinatrice della RSU -. Secondo noi la Provincia vuole applicare dei criteri non trasparenti per l’individuazione del personale che dovrà essere collocato in altri Enti. Per questo non riteniamo giusto procedere alla riorganizzazione. Ma soprattutto pensare di mantenere tutta la dirigenza e costringere, invece, buona parte del personale a spostarsi in altri Enti, nella speranza che questo spostamento si concluda positivamente, per noi è inaccettabile. Insomma, se tagli ci devono essere che siano equi per tutti”. È questo il senso dei cartelloni che gli scioperanti hanno esibito per tutta la mattinata di protesta: “Perché procedere al taglio del personale e non dei dirigenti? ­ si chiede Domenico De Masio, sorvegliante della viabilità. Inoltre, il taglio del personale e dei mezzi ha conseguenze negative per la comunità. Significa non garantire determinati servizi alla cittadinanza.” “Servizi fondamentali quali l’assistenza ai disabili, la tutela dell’ambiente, la lotta contro il bracconaggio e il contenimento della fauna selvatica dovranno essere tagliati­ conferma Gherardi. Perché se taglio metà del personale, inevitabilmente taglio parte dei servizi rivolti ai cittadini e alla comunità.”

Tra i presenti anche il consigliere provinciale di opposizione, Gianfranco Masper: “Intendo esprimere, per quanto possibile, il mio sostegno morale a tutto il personale. Non è possibile lasciare centinaia di persone senza un futuro certo e la cittadinanza senza servizi essenziali. È assurdo.”

Tra le motivazioni dello sciopero anche il mancato pagamento al personale della Provincia di quanto previsto dal CCDI, l’incertezza rispetto al futuro economico e occupazionale determinata dalla normativa nazionale, l’assenza del Contratto Collettivo Decentrato Integrativo per l’anno 2015 e il mancato rispetto da parte dell’Amministrazione Provinciale dell’accordo già siglato dalle parti sul rilascio del nulla osta al trasferimento verso altri enti di tutti i lavoratori richiedenti. Dal Presidente della Provincia di Bergamo, Matteo Rossi, che ha parlato direttamente con il personale in protesta ascoltando le loro esigenze e richieste, filtra qualche spiraglio di apertura: “Premetto che quando le organizzazioni sindacali scendono in piazza meritano sempre rispetto e attenzione, anche in quei casi in cui non si è d’accordo su tutto­ ha dichiarato Rossi. Lontana da me l’idea che va di moda in questo periodo di attaccare i sindacati. Ci sono tre questioni fondamentali da affrontare: la prima è la battaglia che dovremo fare insieme verso Regione Lombardia perché deve prenderci i dipendenti delle funzioni regionali per poi distaccarli alla Provincia come tante altre Regioni hanno fatto. In secondo luogo, sui nulla osta la questione è aperta, ma ne discuteremo perché non la pensiamo allo stesso modo. Giustamente i sindacati difendono le prerogative dei lavoratori, ma io devo pensare anche al mantenimento dei servizi e le condizioni di lavoro di chi rimane. E infine c’è una forte progettualità che è quella della nuova Provincia dei Comuni e delle Comunità sulla quale ho intenzione e ho preso l’impegno di condividere l’orizzonte con chi dovrà farla vivere e camminare, cioè i miei dipendenti.”

Dialogo e apertura, sono queste le prerogative di Rossi: “Faremo incontri settore per settore per sentire l’opinione di tutti. Intanto, Lunedì ci sarà un incontro con la Regione, il 17, invece, approveremo il bilancio che è la migliore garanzia per tutti. Del resto io ho scioperato insieme ai sindacati contro la legge di stabilità del mio governo che andava a massacrare un’istituzione come questa e il lavoro delle persone. Prima viene il territorio e le persone, poi il resto. Io sto con il territorio e le persone che ci lavorano.”

Luca Stroppa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Stato, regioni e provincie sono state e sono troppo costose. Le provincie dovevano diventare 54. Sono più di 90. I politici hanno deciso di tagliare le provincie? Non è proprio così, non hanno tagliato niente, soprattutto non hanno tagliato i super stipendi dei politici e dei dirigenti, proprio quelli che meritano molto di meno continuano ad avere tutto. Troppo! Con il voto dobbiamo mandare a casa tutti quelli che sono in politica da più di 10 anni. Da qui inizieremo a respirare.

  2. Scritto da giuseppe

    Purtroppo ragazzi, dopo anni di sprechi, anche la macchina pubblica, ufficiosamente fallita, certe questioni le deve affrontare. Nel privato vediamo come va: chiusura e tutti a casa! Ma se il privato salta era ovvio che prima o poi toccava al pubblico. Comunque non si può sempre e solo tagliare Sanità e Scuola…

  3. Scritto da Leonardo

    Fino a prova contraria oltre ai dirigenti sono salvi anche i dipendenti , o no ?

  4. Scritto da paci

    Rossi delude sempre di più.

    1. Scritto da Zelig

      Vuoi mettere Pirovano ?

  5. Scritto da Francy

    “Noi spediti in altri enti…” Ah ecco, tra dirigenti non toccati e funzionari ricollocati sempre con posto pubblico, il risparmio per i contribuenti dov’è? Macchina pubblica indecorosa, non meritevole dei contributi dei cittadini!

  6. Scritto da XXX

    Io ho sentito di bracconieri(cacciatori e pescatori di frodo… e qui da noi in provincia non sono pochi,malgrado gli attuali controlli in tal senso)che gia stanno festeggiando,e pare che i festeggiamenti dureranno parecchio!

    1. Scritto da De Che ?

      A te risulta che sia stato licenziato qualcuno e che i controlli non possano essere fatti ? Raccontaci (che certe attività siano in capo alla provincia , alla regione, ai comuni o a san gennaro a me non importa niente)

  7. Scritto da Timogn

    E dopo,sarà il caos totale…!

    1. Scritto da tex

      caro dipendente della provincia sei preoccupato perchè non potrai più scaldare la poltrona ? ……….. a casa ….. !!!

      1. Scritto da Kit

        Caro Tex hai toppato in pieno,io sono solo un vecchio disoccupato(a casa ci sto gia troppo…)non dipendente della provincia. E ti assicuro non godo nell’augurare ad altri quello che é capitato a me. Tutto qui nientaltro.

      2. Scritto da Tontolotto

        Guerra tra poveri tontolotti.
        Quando uno si compiace che un’altra perde il posto di lavoro è la saga degli imbecilli