BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dossier Prefetture accorpate Da Sondrio a Bergamo 5 autobus e sei ore

Un dossier per opporsi con convinzione al decreto del Presidente della Repubblica rientrante nella Riforma Madia che prevede la soppressione e l’accorpamento di 23 delle 103 prefetture esistenti: uno degli esempi sono le difficoltà del cittadino di Sondrio che dovrà recarsi a Bergamo.

Un dossier per opporsi con convinzione al decreto del Presidente della Repubblica rientrante nella Riforma Madia che prevede, entro il 31 dicembre 2016, la soppressione e l’accorpamento di 23 delle 103 prefetture esistenti: a stilarlo Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa, le categorie della pubblica amministrazione dei tre sindacati confederali, che, secondo quanto riferito da Il Fatto Quotidiano, lo hanno presentato al sottosegretario agli Interni Giampiero Bocci.

All’interno alcuni dei casi più eclatanti di una riforma che secondo le intenzioni del Governo dovrebbe garantire un risparmio di 23 milioni di euro ma che, dal punto di vista dei sindacati, mette a rischio il posto di lavoro di 1267 persone, togliendo risorse fondamentali a organismi chiamati a un lavoro supplementare in questo preciso momento storico, tra la gestione dell’emergenza immigrazione e quella della sicurezza.

Uno degli accorpamenti decisi dal Governo è quello che vede la prefettura di Sondrio accorpata a quella di Bergamo: “Meno servizi e più disagi e costi per i cittadini” sottolineano i sindacati, spiegando che nel caso specifico per spostarsi ci vogliono dalle due ore di viaggio, se si scelgono macchina o treno, alle quasi sette ore, se il mezzo (da cambiare cinque volte) è l’autobus. Un problema per il cittadino che si vuole recare alla prefettura di competenza.

Ma il Sondrio-Bergamo è solo uno degli esempi portati dai sindacati che hanno fatto i conti anche per tutti gli altri casi: da Teramo a L’Aquila, da Rieti a Viterbo, da Vibo Valentia a Catanzaro, da Savona a Imperia fino a Oristano-Nuoro, con l’obbligo di spostarsi in macchina per mancanza di alternative.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angilberto

    Sarebbe bello unire le province di Bergamo e Sondrio e magari anche Lecco e rispettive prefetture…. Sarebbe altrettanto bello creare un asse viario-ferroviario sotto il Passo S.Marco da Piazza Brembana a Morbegno… No e’?

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Con quali costi? E soprattutto, per trasportare quanta gente? Fare due conti no, eh?

  2. Scritto da Patrizio

    Credo che sia da stupidi che chiuda la prefettura di Bergamo o di Sondrio e chi è chiamato o ha bisogno vada da Bergamo a Sondrio o viceversa.
    I nostri politici incapaci e ladri non hanno capito che non devono tagliare i servizi ma la politica e tutto quello che gira intorno a questi. Da tagliare: dimezzare i parlamentari, mega stipendi, auto blu, uscieri, parrucchieri dei politici, finanziamento ai partiti, scorte ai politici, voli privati dei politici, pensioni baby…………………

  3. Scritto da Sére

    Ho grande rispetto per le associazioni sindacali, ma quando si lanciano in questi calcoli, mi spiace, perché sembra che smarriscano anche il senso del ridicolo. Allora lo chiedo io: se in auto/ treno son due ore, mentre col bus son sette, a farla a piedi (ok , vi lascio scendere da Passo S.Marco) quanto tempo ci mettete? Forza ragazzi: mollate le poltrone e muovete i tacchi!!! Già mi par di vedervi: sindacalisti statali in transumanza prefettizia. ;-))

    1. Scritto da paolo

      posto che le cose andranno così e che il dossier dei sindacati non farà cambiare idea a nessuno… lei come si comporterebbe se di punto in bianco spostassero il suo ufficio di 143 km (di difficile percorrenza)?

  4. Scritto da roberta

    Che nel 2015 ci si debba recare fisicamente in Prefettura (da parte di cittadini, poi!) lo vedo sia anacronistico che non reale.
    Hanno inventato telefoni ed internet.

  5. Scritto da popi

    L’ho sempre detto….togliamo le auto blu, le scorte i voli personali e facciamo viaggiare i ns. ministri, come cittadini normali……in coda e poi vediamo.
    Naturalmente se dovessero arrivare in ritardo al posto di lavoro, sarà d’obbligo trattenergli lo stipendio. Forse così facendo le cose sarebbero più logiche.
    Ridurre i loro vergognosi e rubati stipendi no vero?
    ì

  6. Scritto da andrea

    boh.. io ho quasi 50anni e non ho mai avuto bisogno di recarmi in prefettura e chiedendo ad amici e parenti sembra non ne abbiano mai avuto bisogno neppure loro. Non ho la più pallida idea di cosa facciano per i “comuni” cittadini.

  7. Scritto da Bah !?

    Non male neanche le altre ma la sondrio-bergamo è la più spettacolare . Ma a che funzionari siamo in mano ? Avran provato a dare un’occhiata ai tempi di percorrenza su google maps per le auto o ad un qualche orario ferroviario ? Una serie di accorpamenti hanno un senso , qualche altro è davvero raccapricciante !

  8. Scritto da Alberto

    Tutti entusiasti di euro ed europa? Bene, questi sono i provvedimenti che il governicchio ritiene indispensabili per restarci…