BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviglio, dove la lealtà delle istituzioni vale meno di un parcheggio da costruire

In un paese che digerisce ogni tipo di affronto alla res pubblica, quelle di Giuseppe Pezzoni suonano come parole normali. E' stato legittimato dal popolo, più di quattro anni fa, e forte del suo mandato non si dimette. Anzi, continua ad amministrare.

“Il sindaco si è reso responsabile di una colpa grave, anni fa, ma non per questo dobbiamo arrecare un danno all’amministrazione trevigliese. E’ il motivo per cui non abbandono la nave: non intendo mancare di responsabilità anche nei confronti del Comune”.

In un paese che digerisce ogni tipo di affronto alla res pubblica, quelle di Giuseppe Pezzoni suonano come parole normali. E’ stato legittimato dal popolo, più di quattro anni fa, e forte del suo mandato non si dimette. Anzi, continua ad amministrare.

I “nonostante” del caso sono pesantissimi: accusa di truffa per aver insegnato senza laurea, di falso per aver presentato un certificato fasullo, di abuso d’ufficio per un cambio di destinazione d’uso di un’area alla Geromina.

Pezzoni si trincera dietro al lavoro fatto negli ultimi anni e alle opere che devono continuare: vendita dell’ex foro Boario, piazza Setti. Sono troppo importanti – dice lui – per sacrificarle a causa di errori personali. Se davvero le ritenesse importanti avrebbe solo una strada: le dimissioni. E’ l’unico modo per tutelarle dall’onta di essere state approvate non da un semplice sindaco in difficoltà, ma da un sindaco bugiardo per sua stessa ammissione.

“Osservare lealmente la Costituzione e le leggi dello Stato” – così come recita il giuramento che ogni primo cittadino pronuncia durante il primo Consiglio comunale – non è una vuota formuletta istituzionale.

Le parole “lealmente”, “Costituzione” e “Stato” dovrebbero avere, per un rappresentante dei cittadini, un valore ben al di sopra di quello di un parcheggio da costruire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Yuri S,

    E’ questione d’uroboro. In Italia, per il cittadino eletto sindaco non c’è più obbligo di “rendere la prova di alfabetismo presso il segretario comunale” per entrare in carica né, a maggior ragione, di dar dimostrazione documentale del suo corso di studi. Adesso si usa che siano i tutori dell’ordine a passare in municipio, con discrezione, il giorno dopo le elezioni, per avere elenco e dati degli eletti. Se i giorni seguenti non tornano, è fatta!

  2. Scritto da aldobrando

    In qualsiasi stato democratico un politico che mente ai cittadini si dimette il giorno dopo essere stato scoperto! Qualunque bugia e qualunque partito lo sostenga! Non ci sono alternative! Non se ne può più di persone senza etica e senza vergogna!

    1. Scritto da Ferdinando

      Quindi gli Usa del presidente Nixon del Watergate o del presidente Clinton del caso della stagista o del presidente G.W. Bush della Mission accomplished o delle primo ministro UK delle armi di sterminio di massa irackene o la Germania dei primi ministri che hanno garantito i rimborsi a quanti sono stati internati e costretti al lavoro forzato durante la WWII e mai pagati, tutti personaggi che hanno mentito e non si sono “subito dimessi”, non sono Stati democratici?

  3. Scritto da forzista

    Sul profilo FB di Pezzoni c’è anche un logo “Un Sindaco in Provincia”. Pensa se Forza Italia lo avesse sostenuto, quindi eletto anche in Provincia? Un caloroso ringraziamento alla vecchia guardia di Sorte e Franco. In casa Lega invece meglio tacere…

  4. Scritto da LUISA

    Intanto per quanto riguarda l’insegnamento ha fregato il posto ad un’altra persona che aveva più diritto di lui, per quanto riguarda l’amministrazione del comune è falso e deve dimettersi.
    Ha sbagliato, se vuole essere almeno ora onesto DEVE DIMETTERSI

  5. Scritto da enrico

    Ad oggi sul sito del comune di Treviglio alla voce curriculum del sindaco è ancora riportata la voce
    Laureato in lettere
    Rimuovetela subito!!

  6. Scritto da franco

    Il centrodestra e la Lega hanno costruito una campagna elettorale contro una veranda abusiva, che avrebbe reso ineleggibile Gori. Ma forse questi molteplici illeciti penali vengono valutati meno gravi, quindi tutto a posto. Coerenza.

    1. Scritto da Baloo

      Prima di scrivere informati su cosa è penale e cosa è amministrativo .

      1. Scritto da Franco

        Credo che la mia laurea in giurisprudenza sia abbastanza valida, a differenza di quella del Sindaco, perciò so bene la differenza. Truffa, ex art 640 cp, Falso ideologico ex art 479 cp. Grazie comunque per l’utile intervento, che ha contribuito ad avvalorare la mia tesi e a dimostrare ancora una volta che l’ignoranza è l’unico pilastro su cui si basano certe posizioni.

        1. Scritto da Baloo

          Scusa Franco, dopo una lettura frettolosa avevo interpretato alla rovescia la frase. Letta meglio concordo con la tua affermazione.
          Ti devo un caffè.

      2. Scritto da roberta

        Fatto. Mi sono informata.
        Falso ideologico: articoli 479 e seguenti del Codice Penale; fino a dieci anni di reclusione.
        Truffa aggravata: articoli 640 e seguenti del Codice Penale; fino a cinque anni di reclusione.
        E questi sono i capi di imputazione attribuiti a Pezzoni.
        Dunque, Baloo? Stavi dicendo?

  7. Scritto da roberta

    Non solo è stato scorretto nei confronti dei suoi datori di lavoro, dei suoi studenti e dei suoi cittadini. Lo è pure nei confronti dei partiti che lo hanno sostenuto e che lo appoggiano (Lega Nord, Forza Italia, ecc): ogni secondo in più che passa sulla poltrona è infatti un macigno in più sulla strada del futuro candidato di centrodestra, chiunque sarà.
    Sembra quasi di assistere alla riedizione di “dopo di me il diluvio”.

  8. Scritto da dipende

    dipende da quanto rende o porta nelle tasche chi lo vuole il parcheggio di piazza Setti……

  9. Scritto da Silvano

    Volevo dire a gutemberg che non discutiamo di capacità ma di credibilità. Metteresti la mano sul fuoco per lui. Se te la senti

  10. Scritto da Berghèm

    Cosa dire questa si chiama “Arroganza” allo stato puro di un politico che dimostra tutta la mancata trasparenza nel suo agire. E pensare che la Lega si era fatta paladina di questo personaggio probabilmente pensavano ad un viaggio di gruppo a Tirana!

  11. Scritto da Marco

    Giusto. Dovrebbe valere anche per i sindaci che fanno abusi edilizi in sede protetta, ma siccome sono del PD non ricevono strali etici dai media locali

  12. Scritto da gutembergem

    Ha insegnato bene???
    Se si meglio, senza laura che con, ma semianalfabeti!!!!
    Sa fare il sindaco???
    Se si, meglio senza laurea che incapace!!!

    1. Scritto da .

      É grazie a ragionamenti come il suo,che io a volte mi vergogno di essere Italiano ed in questo caso specifico Bergamasco.

    2. Scritto da vacario

      Ha falsificato un certificato di laurea, mai conseguita, per poter insegnare e, così facendo, ha truffato lo Stato e impedito ad altri candidati l’accesso all’insegnamento. Se si sente degnamente rappresentato da uno che per sua stessa ammissione è un truffatore o se preferisce farsi operare da un medico che in realtà ha il diploma di ragioniere o difendere da un avvocato che ha la licenza media fatti suoi

    3. Scritto da incompreso

      Credo che fra le due menzogne ci sia una differenza. La prima menzogna, “sono laureato e posso insegnare”, ha dei risvolti penali, che valgono per il signor Pezzoni come per lei e per me. La seconda menzogna, “io sono questa persona, votatemi”, ha risvolti etici e politici (fra gli attributi della persona ci sono la laurea e l’integrità). Poi, per la nostra cultura la confessione scagiona, due pater tre ave e siamo a posto. Non siamo luterani, purtroppo.

    4. Scritto da Robademacc

      Lui è incredibile ,tu di più .

  13. Scritto da Luciano Avogadri

    Incredibile. Incredibile.

  14. Scritto da nino cortesi

    E Renzi è un multiplo di Pezzoni. Uno che pensa di essere Presidente del Consiglio senza votazione che è?
    Ed jnfatti il nuovo Senato è proprio cesellato per il questa tipoligia di personaggi.

    1. Scritto da roberta

      nino cortesi, ti svelo un segreto, però GIURAMI che non lo dirai a nessuno. Ho scoperto un libricino dove spiegano che in realtà il Presidente del Consiglio dei Ministri in Italia non viene votato dai cittadini, ma incaricato dal Presidente della Repubblica sentite le forze politiche presenti in Parlamento, e che da queste deve poi ottenere la fiducia.
      Il libricino si chiama Costituzione della Repubblica Italiana.
      Ma non dirlo a nessuno!!!! Silenzio, mi raccomando!!!

    2. Scritto da Zorro

      Nino , sul blog di cucina di un giornale web locale del Burkina Faso c’è ancora uno spazio libero per un tuo commento su Renzi e m5s , precipitati !

    3. Scritto da incompreso

      Nutro più che un dubbio sulle riforme in discussione, in primis sul ruolo e le modalità di formazione del Senato. Pure, devo osservare che Renzi, a parità di Costituzione, ha ricevuto un mandato legittimo, sulla base di un voto di fiducia del Parlamento. Capisco in ogni modo che da quattro lustri ci raccontano la fola del “mandato popolare”, e che l’insistenza su questo tema possa essere fuorviante.

  15. Scritto da Carlo Curto

    Caro Isaia, avresti anche ragione, ma sei inutilmente integerrimo. Non ti ricordi più che un personaggio molto al di sopra politicamente del forse uscente sindaco, dopo quasi un ventennio di governo si è ripulito il “pedigree” e SCENDE IN CAMPO ancora una volta, confidando nella cattiva memoria dell’Italico Popolo, pur di risorgere e mandare a casa l’attuale poco convincente parolaio di firenze.

    1. Scritto da Daniele

      Questo è benaltrismo, nulla di più e nulla di meno. E’ del sindaco di Treviglio che si parla, non di altri.

    2. Scritto da incompreso

      Intuisco e condivido il ribrezzo per il per ora millantato ritorno del signore in questione. Ritengo invece che ogni tentativo di promuovere valori di integrità sia lodabile: abbiamo bisogno che sempre più persone si mostrino “inutilmente integerrime”. Che ne dice?

  16. Scritto da pablo

    parole sacrosante! e lo stallo di questa situazione è, a dir poco, imbarazzante.

  17. Scritto da Spezzonato

    Treviglio non si meritava un Sindaco ed una maggioranza arrogante e sprezzante come questa ! continuiamo ad essere amministrati fa un falsario !

  18. Scritto da GIACOBBE

    Pezzoni fa bene a non dimettersi. perché se la bugia fosse un reato, Gli ex comunisti, i comunisti, gli ex democristiani, i democristiani prenderebbero L’ERGASTOLO!!

    1. Scritto da bassaiolo

      Infatti Pezzoni è un ex dc finito in AN, poi PDL, poi chissà:::::::

    2. Scritto da Eeehh ?

      A te risulta che sia indagato per “bugia” ? Sei incredibile , leggendo commenti come i tuoi resto sbalordito . Oltre l’immaginazione.

  19. Scritto da gio

    Bravo Invernizzi!

    1. Scritto da incompreso

      Mi associo. Condivido completamente l’articolo.

    2. Scritto da nino cortesi

      Isaia è in corsa per la Lega.

  20. Scritto da andrea

    Lealtà, Costituzione e Stato, concetti ieri sera calpestati dalla maggioranza che usurpa l’Amministrazione Comunale. Dico usurpa perchè il consenso elettoralle a suo tempo dato dai cittadini è stato tradito, superato dalla realtà dei fatti: le dimissioni erano l’unico atto dovuto nei confronti dei cittadini ed invece … vergogna

  21. Scritto da TT

    Come al solito non ci resta che sperare in un lavoro veloce e risolutivo della Magistratura. La politica ormai…

  22. Scritto da giggi

    Osservare lealmente la Costituzione e le leggi dello Stato… al presente. lui non osservò le leggi in passato, quindi tutt’apposto!