BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Expo, arriveremo attorno a 20 milioni di visitatori”

La parola "successo" non intende pronunciarla, ma "arriveremo ai 20 milioni di persone": così il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, intervenuto insieme al sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, alla trasmissione di Radiouno "Radio Anch'io".

La parola "successo" non intende pronunciarla, ma "arriveremo ai 20 milioni di persone": così il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, intervenuto insieme al sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, alla trasmissione di Radiouno "Radio Anch’io". "Restiamo con i piedi per terra, serve prudenza, c’è ancora un mese da gestire – ha detto Sala -. Ma credo che arriveremo attorno ai 20 milioni. La parola successo non riguarda solo i numeri. Se consideriamo la popolazione attiva italiana, di quei 20 milioni 13-14 sono italiani. Significa che un italiano su 4 ha visitato Expo. Non era mai successo nella storia d’Italia, così come non era mai successo che 55 Capi di Stato venissero in vista in Italia in sei mesi".

Il sindaco di Milano ha invece sottolineato la necessità che il "dopo Expo" sia gestito da una "persona capace con poteri straordinari": "la settimana scorsa con il presidente Maroni abbiamo formalmente richiesto l’ingresso del Governo nella società Arexpo – ha detto Pisapia -. Tra una settimana ci sarà su questo una riunione molto importante. Per gestire il progetto complessivo del dopo Expo ci vuole una struttura con una personalità molto capace, un manager con una valutazione di prospettiva, una persona a cui si potrebbero dare poteri straordinari per accelerare i tempi". Per quanto riguarda il post Expo, ha aggiunto Pisapia, "non è vero che siamo in ritardi, siamo nei tempi, anzi addirittura in fase avanzata".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giulio

    Se un evento funziona, non si stracciano i prezzi dei biglietti….

  2. Scritto da TT

    Si é partiti con biglietti ingresso a 39€ al giorno,adesso ci si va con 13€ tutto il di e 5€ alla sera. Verso la meta Ottobre basta far numero ci si andrà gratis… E a Gennaio le forze dell’ordine partiranno con i pulman,e le casse di manette per arresti…

  3. Scritto da Renzo

    Per riuscire a far numero, hanno “invitato” scuole e scolaresche a prezzi ridotti, stanno vendendo biglietti su Kijiji e altri siti a 19 euro, etc. Non si sono preoccupati del ricordo che Expo lascia agli spettatori paganti: ore di code e cibi costosi. Conta solo il numero di utenti attratti col flauto magico. Bravo Sala, un mago dei numeri! Clap clap clap

    1. Scritto da paolot

      Terza risposta.
      Quanto ai cibi costosi, io nelle mie visite ho speso un totale di ZERO EURO. Mi sono portato i panini da casa! Ma non dirlo a nessuno, è un trucco segretissimo che nessuno può immaginare.
      Quanto alle code: ci sono circa un centinaio di padiglioni nazionali, una dozzina dei quali (Giappone, Brasile) hanno code stratosferiche, perchè la stampa li pubblicizza sempre. Tutti gli altri sono snobbati. Io li ho visitati praticamente tutti. E molti sono interessanti.

      1. Scritto da Serena

        Quindi io vado ad un evento epocale sul cibo etnico e sulla nutrizione del Pianeta come mai più mi capiterà in vita mia e mi porto pane e mortadella da casa mia? Ho capito bene? Ahahahah

      2. Scritto da ?

        Brao Paolot e di Gardaland cosa ne pensi?

      3. Scritto da bene

        bene paolot, abbiamo capito che a te expo è piaciuto, piace e continuerà a piacere (forse 3 messaggi sono un attimo ridondanti)… certo, andare ad un evento portandosi i panini da casa non è così difficile ma, spero che lo riconoscerai, non è esattamente un bel modo di presentarsi. certo, non poter vedere i padiglioni più significativi può andar bene, ma sarebbe come andare a parigi e non andare al louvre… poi va bene eh, contento tu…

        1. Scritto da paolot

          In realtà non mi ha entusiasmato in modo incredibile. Certo sono contento di esserci andato.
          Quanto ai panini che non costituirebbero “un bel modo di presentarsi” evidentemente a me è andata bene: non mi hanno arrestato nè sparato per questo. Quanto ai padiglioni più significativi (che ho comunque visto), lo stabilisce l’utente “bene” quali siano? O il Corriere della Sera?

    2. Scritto da paolot

      E per quanto riguarda i biglietti in vendita su Kijiji (e altrove) a 19 euro, ti spiego. In primavera, prima dell’apertura, gli operatori del settore hanno comprato grosse quantità di biglietti al prezzo agevolato allora vigente (32 euro) per poi rivenderli al prezzo vigente dopo l’apertura (39 euro). Ora stanno vendendo le rimanenze a prezzo ribassato. Come accade migliaia di volte per migliaia di eventi. E’ un concetto segretissimo che si chiama “libero mercato”.

      1. Scritto da Bruno

        Le rimanenze o fondi di magazzino non sono un bel segnale

    3. Scritto da paolot

      Quello che tu chiami “prezzo ridotto” per le scuole è in realtà il prezzo del biglietto per le scuole che era stato comunicato già a febbraio. Se tu non sei informato sulle cose non è certo un dramma; però non scaricare su altri questa tua non conoscenza.

  4. Scritto da Battute renziane

    1 italiano su 4 ha visitato expo? Ma dai. E’ una battuta stile Renzi

    1. Scritto da paolot

      E’ chiaramente una media esemplificativa.
      E’ come dire che negli anni scorsi un italiano su tre ha votato Berlusconi.
      Ovviamente questo dato è falso, perchè quando lo chiedi in giro nessuno ammette mai di averlo votato.

      1. Scritto da ma che dici?

        ovviamente quel dato è vero, perchè le percentuali delle elezioni non sono discutibili… il fatto che nessuno “ammettesse” di averlo votato non cambia la realtà delle cose, cioè che più di un italiano su tre votava per berlusconi…. per quanto riguarda expo invece non vale, perchè lei ci è già stato svariate volte, sballando la statistica :)