BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salute

Informazione Pubblicitaria

Calcoli in briciole con la litotrissia extracorporea ad onde d’urto

I calcoli renali, definiti anche "nefrolitiasi" o "litiasi renale", sono delle aggregazioni di sali minerali che si formano nel tratto urinario. Sono abbastanza diffusi nella popolazione dato che colpiscono circa il 5% - 7% delle persone (quasi uno su 10), con picchi fino al 15%. Il rapporto maschi/femmine è circa 1:2.

Più informazioni su

A cura di Clinica Castelli

I calcoli renali, definiti anche "nefrolitiasi" o "litiasi renale", sono delle aggregazioni di sali minerali che si formano nel tratto urinario. Sono abbastanza diffusi nella popolazione dato che colpiscono circa il 5% – 7% delle persone (quasi uno su 10), con picchi fino al 15%. Il rapporto maschi/femmine è circa 1:2. Il meccanismo di formazione dei calcoli non è chiaro: spesso è legato alle abitudini alimentari e allo stile di vita, cui si associa una predisposizione genetica.

Di certo risulta favorito dall’aumento della concentrazione di sali minerali contenuti nelle urine o dalla riduzione del liquido che li tiene in soluzione per scarso apporto idrico. Talvolta i calcoli renali sono asintomatici e vengono scoperti per caso durante un controllo medico. Altre volte la colica renale segnala prepotentemente la loro presenza.

A causa della forma e composizione chimica i calcoli possono muoversi dalla sede di origine e andare ad ostacolare il flusso dell’urina causando sia la colica renale acuta, sia favorendo lo sviluppo di infezioni urinarie e aumentando le possibilità di danno renale.

"La metodica meno invasiva per il trattamento della calcolosi renale e ureterale – afferma Alessandro Piccinelli responsabile dell’U.O. di Urologia di Clinica Castelli – è la litotrissia extracorporea con onde d’urto attraverso cui è possibile trattare calcoli selezionati per sede e dimensione (dal 0,5 cm a 1,5 cm) senza ricorrere all’anestesia".

"Il paziente – continua Riccardo Galli, medico urologo di Clinica Castelli – viene sdraiato su un lettino sagomato in modo da contenere, all’altezza del rene da trattare, un cuscino d’acqua attraverso cui passano le onde elettromagnetiche generate dalla macchina. Il sistema ecografico di supporto punta il calcolo in modo tale che le onde, in tempo reale e con frequenza regolabile, vadano in quella precisa direzione frantumandolo e risparmiando i tessuti circostanti. Il trattamento viene eseguito in day hospital, dura circa 20 minuti al termine dei quali si rimane in osservazione per qualche ora. Il calcolo così frantumato verrà espulso naturalmente, talvolta generando una colica renale che, in questo caso, rappresenta un segnale positivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.