BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pezzoni non si dimette “Non abbandono la nave, mai pensato di lasciare”

Giuseppe Pezzoni non si dimette. Anzi, non ci ha mai pensato. Il sindaco di Treviglio ha affrontato a viso aperto l'opposizione dopo aver ammesso di essere stato preside dei Salesiani senza la laurea e per di più presentando un certificato fasullo.

Giuseppe Pezzoni non si dimette. Anzi, non ci ha mai pensato. Il sindaco di Treviglio ha affrontato a viso aperto l’opposizione dopo aver ammesso di essere stato preside dei Salesiani senza la laurea e per di più presentando un certificato fasullo (leggi qui). Non solo: proprio nel giorno dei chiarimenti ufficiali la Guardia di Finanza si è presentata in municipio per farsi consegnare pc e server contenenti documenti relativi al cambio di destinazione d’uso per la realizzazione di una residenza sanitaria da 300 posti. L’accusa? Abuso d’abuso, ipotesi di reato condivisa con il vicesindaco Juri Imeri e gli assessori Basilio Mangano, Alessandro Nisoli e Sabrina Vailati.

In un Consiglio comunale più infuocato che mai, con decine di cittadini divisi a metà pro e anti Pezzoni, il sindaco ha annunciato di continuare il mandato nonostante le polemiche: “Innanzitutto le scuse, che devo a tutti. Non sono un coniglio, ci tenevo ad esserci qui per gestire questo passaggio. I profili di questa vicenda sono tre: non intendo parlare di quelli personali e professionali, di cui si occuperà la giustizia. Dal punto di vista politico il Comune di Treviglio è sballottato in una tempesta. La scelta più semplice erano le dimissioni subito. Non ci ho mai pensato. Non intendo ripetere un errore già fatto. La fuga, che sarebbe la via più comoda, mette a rischio la struttura complessiva della programmazione della nostra amministrazione stendendo ombre che non è giusto che paghino i trevigliesi. E’ giusto portare a termine scelte che non c’entrano niente con una mia posizione personale. Il sindaco si è reso responsabile di una colpa grave, anni fa, ma non per questo dobbiamo arrecare un danno all’amministrazione trevigliese. E’ il motivo per cui non abbandono la nave: non intendo mancare di responsabilità anche nei confronti del Comune, come invece ho già fatto anche in passato nei confronti della scuola e di me stesso”.

LA DISCUSSIONE IN CONSIGLIO

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Yuri S.

    Mi consta che in materia di sospensione o rimozione di un cittadino eletto alla carica di Sindaco per motivi ritenuti gravi, la competenza sia del Prefetto in derivazione di un pronunciamento nel merito del Ministro dell’Interno. Quindi in assenza di tale atto prefettizio la situazione riguardante il Sindaco di Treviglio mantiene piena legittimità. Altra variabile sono le dimissioni della maggioranza dei consiglieri comunali.

  2. Scritto da Bronzo

    Certo che ha una bella faccia di bronzo il sig. Pezzoni

  3. Scritto da MAURIZIO

    Mr Pezzoni, lei ha dimostrato che sa fare il mestiere per il quale non possiede il necessario l’attestato, l’insegnante, e che non sa invece affatto fare il mestiere per il quale l’attestato non è obbligatorio, il Sindaco. Non lo sa fare perchè si governa con l’autorevolezza non con il ruolo. Il comandante della nave governa grazie alla stima e al merito. Non gli bastano i gradi. Se non si dimette da tutti i falsi incarichi e non torna a laurearsi, sarà la nave ad abbandonare lei.

  4. Scritto da MAX

    Se ne vada, lei che avrebbe dovuto essere un paladino dell’etica, visto le frequentazioni ecclesiastiche.
    Lasciate in pace i cittadini onesti e “schiodatevi” dalla sedia quando non siete dei buoni ambasciatori di voi stessi. E per i progetti in corso che venga tutto congelato sino a nuova definizione e ricordatevi: consultate i cittadini prima di: cementificare, costruire nuovi centri commmerciali, rubare spazi verdi alla citta’, impegnarci finanziariamente senza il ns. consenso,

  5. Scritto da Il Naggio

    sul sito del comune di treviglio persiste il CV falso di pezzoni
    http://www.comune.treviglio.bg.it/sites/default/files/curriculum_pezzoni.pdf
    vergogna

  6. Scritto da Caio

    Questo qua se la tirava tanto e alla fine è un semplice diplomato come me!

  7. Scritto da Vergogna

    Le solite frasi di comodo “La fuga sarebbe la via pi comoda”.
    Ma va là, con una frase copia ed incolla tenta di giustificare l’impressionabilità di un uomo pubblico.
    Sarà stato un grande professore, ma certamente non di etica.
    Poi che cosa mette in crisi, il Comune di Treviglio?Ma va là, i funzionari comunali sono in grado di far fronte alla gestione corrente sino alle prossime elezioni.
    Di che crisi parla? Dei suoi progetti rivoluzionari?

  8. Scritto da adogn1ilsuo

    Dopo questa buffonata direi che la Lega ha dimostrato di non aver nulla da “invidiare” ai partiti storici che 20 anni fa si proponeva di combattere: “rubano come e piu’ di loro, piazzano famigliari, amanti ed amici nelle pubbliche amministrazioni, non hanno combinato alcunche’ per il nord in 20 anni” e dulcis in fundo anche quando presi con le mani nella marmellata mostrano una enorme FACCIA DI TOLA e se ne rimangono sulle poltrone con il bostik. Per carita’ fanno bene finche’ i beoti li votano

  9. Scritto da Ezio

    Alla fine abbiamo avuto una nuova conferma che “i padroni a casa nostra” sono identici a quelli che contestano. Pezzoni vuole passare come il “miglior” sindaco di sempre. Ora abbiamo la certezza che passerà alla storia per il sindaco più indegno della storia di Treviglio.

  10. Scritto da larovina

    Tutti i beoti a credere che la “rovina” dell’italia siano i rom o quattro disgraziati che scappano da una guerra… la VERA rovina dell’italia sono questa masnada di politici che se ne fregano altamente del bene comune ma pensano solo a mantenere il loro Q sulle poltrone anche se hanno dimostrato, come in questo caso, piena inaffidabilita’. Gente come questa decide il futuro di paesi, citta’ e nazione… ecco chi davvero ci manda in rovina!

  11. Scritto da PAOLO

    Che senso esemplare di responsabilità a non abbandonare la nave! Ma se il timoniere non ha i requisiti morali minimi dovrebbe chiedere scusa e lasciare.( Schettino docet) Non è forse che prevalga la necessità di mantenere lo stipendio di sindaco, considerato che gli avranno già tolto quello di ” professore”? lo dica, in qualche modo dovrà pur vivere anche lui…

  12. Scritto da andrea

    Così si consegna il comune ai m5s. I moderati riformisti saranno contenti.

  13. Scritto da pablo

    ma cos’altro deve succedere perchè questo tizio si levi dalla scena? e soprattutto, com’è possibile che esistano ancora dei cittadini che lo difendono?

  14. Scritto da Alberto

    come si possa difendere una persona del genere è una cosa incomprensibile, in un paese normale uno così sarebbe già a casa, qui invece tra pochi giorni ci saremo dimenticati la cosa

  15. Scritto da Marco Cimmino

    Io non conosco Pezzoni, non sono di Treviglio e neppure di sinistra, ma, se uno non si dimette in una circostanza del genere, quando mai si dimetterà un politico italiano? Mi pare semplicemente pazzesco oltre che indifendibile. Mi taccio sulla valenza esemplare di un simile atteggiamento, perchè dovrebbe essere ovvia. Invece, pare di no…

    1. Scritto da assessoremancato

      per favore lo spieghi anche alla sua amica Tugnoli, che continua a difendere l’indifendibile in tutte le sedi.

      1. Scritto da Marco Cimmino

        La mia amica Tugnoli è maggiorenne e vaccinata, gentilissimo: se vuole, glielo spieghi lei. Io non tengo lezioncine a nessuno. la mia posizione mi pare piuttosto inequivocabile e, se Valentina la pensa diversamente, me ne dolgo, ma sono affari suoi: se crede, mi contesti, ma non tiri in ballo altre persone, perchè è operazione di dubbio gusto e un tantino fuori bersaglio, giacchè io non faccio politica, nè a casa mia nè, men che meno, in casa d’altri.

    2. Scritto da andrea

      Purtroppo questi sono i risultati di 20 anni di berlusconismo che ha sdoganato i peggiori difetti degli italiani spalancandogli le porte del potere. Ricordo le parole di Montanelli che definì l’avventura politica dell’ex Cavaliere pataccara e nefasta per i moderati italiani. Il compianto Indro fu quanto mai profetico. Non che a sinistra stiano meglio ma io, da riformista laico e moderato, guardo la mia sponda politica e rimpiango la prima Repubblica.

      1. Scritto da che palle

        E ti pareva che mancasse il commento dell’antibelusconismo militante.
        Che palle, fra 50 anni questo andrea sarà ancora qui con il suo complesso freudiano.
        Meno male che Berlusconi non è nato prima della seconda guerra mondiale. Le colpe di Hitler sarebbero passate in secondo piano per questi fuori di testa.

        1. Scritto da andrea

          Fuori di testa se lo tenga per se! Io non sono un antiberlusconiano ne milito in nessun partito. Sono semplicemente
          le mie considerazioni, se non Le piacciono replichi pure ma non offenda!

          1. Scritto da che palle

            E lei non offenda Silvio Berlusconi come pataccaro. Io l’ho votato per anni, e lo ripeto il miglior statista degli ultimi tempi, malgrado le vostre insultanti valutazioni.
            Qui si parla di Pezzoni, non di Berlusconi. Quindi stia sul tema e non vada fuori di testa, ovvero di tema con le sue stantie paturnie su Berlusconi.

          2. Scritto da Doctor

            Si faccia aiutare da qualche amico. Uscirne si può, abbia fiducia.

  16. Scritto da TT

    Non esiste più la decenza!

  17. Scritto da Luca Lazzaretti

    Ma veramente qualcuno pensava che Pezzoni fosse come un qualsiasi ministro della Germania Federale che si dimette per aver copiato la tesi? Lui non è nemmeno laureato! Non avrebbe senso dimettersi! Io son di Cologno e rido, ma noi ridiamo per non piangere!