BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Gli stati generali del turismo a Bergamo sarebbero una grande opportunità”

L’idea del sindaco di Bergamo Giorgio Gori di organizzare gli stati generali del turismo nel capoluogo orobico è piaciuta molto al sindacato, che plaude e incoraggia l’amministrazione comunale.

Più informazioni su

L’idea del sindaco di Bergamo Giorgio Gori di organizzare gli stati generali del turismo nel capoluogo orobico è piaciuta molto al sindacato, che plaude e incoraggia l’amministrazione comunale. La proposta è emersa durante la fiera No Frills a cui ha partecipato anche il ministro della Cultura e del Turismo Dario Franceschini. “Il sindaco Gori ha ragione quando sostiene che Bergamo può essere il luogo ideale per sperimentare buone pratiche e nuove tecnologie per la promozione del territorio” ha commentato poco fa Mario Colleoni, segretario della FILCAMS-CGIL di Bergamo.

“Gli stati generali del turismo potrebbero essere una grande opportunità per tutto il territorio. Continuare a ritenere il turismo un settore secondario, fratello povero del manifatturiero, significa non avere una strategia. Oggi la competizione è globale anche sul fronte turistico e non c’è più la certezza che i turisti vengano in Italia a prescindere dalla promozione, dai servizi e dall’efficientamento delle infrastrutture materiali e immateriali. I social media sono oggi, ad esempio, uno strumento fondamentale per la promozione, così come le agenzie on line usate in tutto il mondo e soprattutto dai consumatori, ovvero i turisti. Questi strumenti e le Ict in generale sono alleati fondamentali per la promozione, utilizzati ormai da molti cittadini comuni e operatori del settore”.

“Come sostenuto da Gori è poi necessario far crescere la cultura dell’ospitalità grazie al tema della formazione, delle scuole, dell’investimento sul capitale umano, perché più di ogni altra cosa contano le persone. Ripartire dalla valorizzazione del territorio condividendo le strategie è oggi più che mai necessario. Abbiamo prodotti buoni e bellezze rare e questi potrebbero essere fattori decisivi affinché Bergamo possa diventare una delle mete più desiderate dai turisti europei e non solo. Così facendo anche la crescita e la creazione di buona occupazione non saranno più utopia”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.