BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ospedale di Calcinate: riconversione in presidio in tempi brevi

Chiude il 30 settembre il punto nascita. Calcinate sarà il primo presidio territoriale ospedaliero provinciale ma può essere considerato anche il primo lombardo.

Cesare Ercole, direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Treviglio, congiuntamente a Mara Azzi, direttore generale dell’ASL della Provincia di Bergamo e al sindaco di Calcinate, Gianfranco Gafforelli, ha presentato la riconversione dell’Ospedale di Calcinate in primo presidio territoriale ospedaliero (POT) provinciale ma che, effettivamente, può essere considerato anche il primo lombardo.

Dopo i ringraziamenti di rito alle diverse forze messe in campo per il raggiungimento di questo importante obiettivo (Regione, Asl, tecnici e amministratori locali), è stato illustrato il cronoprogramma:

– 23/12/2014: finanziamento di 1.600.000€ per adeguamento antincendio

– Febbraio 2015: finanziamento Regionale di 3.000.000€ per la riconversione in POT –

15/07/2015: AO delibera il progetto esecutivo

– 24/09/2015: La Regione Lombardia approva il progetto esecutivo

Il primissimo passo è stato annunciato dalla dottorezza Azzi: la chiusura del Punto Nascita di Calcinate prevista per la sera del 30/09.

Le decisione della chiusura segue di pochi mesi quella del punto nascita di San Giovanni Bianco, reparti entrambi che non raggiungevano gli standard richiesti dalla legge (500 parti/anno), salvaguardando perciò la sicurezza del momento terminale del percorso nascita. I parti, infatti, a Calcinate nel primo semestre sono stati solo 143.

La scelta, non facile da assimilare per la popolazione, dovrà essere vista come una maggior garanzia di sicurezza e salvaguardia del neonato e della mamma.

In futuro, a POT riconvertito, non si esclude il potenziamento di altri servizi inseriti nel percorso nascita, oggi comunque presenti al Consultorio di Grumello del Monte.

Con la riconversione, chiuderanno anche la Chirurgia, l’Anestesia e il Pronto Soccorso.

Il sindaco di Calcinate, Gianfranco Gafforelli, ha sottolineato quanto il senso di responsabilità degli amministratori locali dell’area di Grumello sia stato il valore aggiunto per la buona riuscita di questo progetto. Tutti, infatti, hanno compreso le potenzialità della riconversione, opportunità unica per l’Ospedale di continuare a vivere. È, infatti, una delle poche volte che la politica tutta è d’accordo su un progetto così complesso.

L’integrazione tra servizi territoriali e attività di base, uniti in un’unica struttura, ha richiamato Santino Silva, direttore sanitario, "è il punto vincente di questo POT". Silva ha così poi illustrato, planimetrie alla mano, gli stravolgimenti che subirà la struttura, andando in primis ad intervenire sulla parte più nuova, libera dopo la dipartita della Psichiatria di Seriate.

In quest’ala, al piano terra, che si amplierà poi con quella lasciata libera dal Pronto Soccorso, sarà ricompresa l’attività ambulatoriale e il punto prelievi, comprendendo anche l’attività dei medici di base per la presa in carico completa del paziente (definite dalla riforma Balduzzi Aggregazioni funzionali territoriali e unità complesse di cure primarie).

Qui dovrebbe essere costruita anche la Sala del Commiato.

Resterà la Radiologia quale servizio anche per i MMG.

Il piano rialzato, dove ora ci sono gli uffici amministrativi (che resteranno) e il Laboratorio Analisi, vedrà l’installazione dell’attività socio-sanitaria, peculiare di un Distretto.

Al primo piano la Sala Operatoria sarà demolita e riconvertita in ulteriori posti lettoper sub acuti che diverranno 30 (utilizzabili direttamente anche da MMG). L’area che si libererà dalla chiusura della Medicina potrà essere destinata ad Hospice, struttura fortemente richiesta dai Sindaci.

Al secondo piano il progetto prevederebbe un’area per la piccola chirurgia, finanziamento che si pensa di spostare sull’hospice.

Il dottor Ercole ha infine ricordato che l’Azienda socio sanitaria territoria (Asst) Ovest, quella che farà capo a Treviglio, sarà quella più popolosa della provincia: ben 480.000 cittadini serviti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carlo

    Riassumendo: chiude il Punto Nascita dal 30.9, a seguire chiude la Chirurgia, l’Anestesia e il Pronto Soccorso. Non si capisce invece cosa verrà potenziato.Il sindaco e’ soddisfatto per la buona riuscita del progetto (quale?). I partiti sono tutti d’accordo, infatti i tagli alla sanità pubblica accomunano il governo regionale (di centrodestra) e il governo centrale (di centrosinistra). Povera Italia.

    1. Scritto da Cri

      E pensare che il sindaco e’direttore dell’ ospedale!!!!!!

  2. Scritto da Cris

    Bene , cosi per quei interventi di pronto soccorso veloci dovremo aspettare delle ore a romano o seriate. Sempre piu in basso .

    1. Scritto da mario

      Una altissima percentuale degli accessi NON è da Pronto Soccorso ma da medico di base. Inoltre a Calcinate mancano parecchi specialisti; primo tra tutti l’ortopedico, che caratterizzano appunto l’attività di Pronto Soccorso. Se a Romano o Seriate fanno aspettare ore significa che non è urgente. Non esistono interventi di Pronto Soccorso veloci, esistono i medici di base.