BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Agroalimentare a Bergamo Meno imprese ma più addetti L’export vale 152 milioni

Nel secondo trimestre 2015 il settore perde complessivamente 38 aziende ma guadagna 52 addetti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: flessione dell'agricoltura, cresce invece l'industria alimentare e delle bevande.

Più informazioni su

Rimane tutto sommato stabile il panorama dell’agroalimentare in provincia di Bergamo: nel secondo trimestre del 2015 sono 5.609 le imprese attive, un dato in lieve flessione rispetto alle 5.647 registrate nello stesso periodo dello scorso anno.

Una flessione alla quale, però, non è seguito un calo degli addetti: nel settore agroalimentare bergamasco sono occupati 11.308 lavoratori, con una variazione tendenziale positiva di 52 unità.

È quanto emerge da un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano che, sui dati del registro delle imprese e Istat riferiti al 2014 e al 2015, è stata in grado di fotografare fedelmente lo stato di salute del settore in Lombardia, dove esistono 52.619 imprese che occupano 120.488 persone. Dati entrambi in calo dai 53.122 e 121.155 dello scorso anno.

Per numero complessivo di aziende Bergamo è quarta a livello regionale, dove primeggia Brescia con le sue 11.115 imprese, seguita da Mantova (8.423) e Pavia (6.972). Scendendo nel dettaglio, in provincia di Bergamo sono 4.918 le aziende classificate come agricole, rispetto alle 4.972 dello scorso anno, e 691, contro 675, quelle che appartengono all’industria alimentare e delle bevande.

Il calo più sensibile si registra nel settore delle coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, che perde 55 imprese, mentre c’è un’azienda in più dedita a pesca e acquacoltura. L’industria alimentare fa segnare un bilancio positivo di 14 unità, passando dalle 642 del secondo trimestre 2014 alle attuali 656, mentre quella delle bevande passa da 33 a 35 aziende attive.

Ed è proprio l’industria alimentare e delle bevande a trascinare la crescita, seppur lieve, del numero degli addetti bergamaschi nel settore, bilanciando la perdita di 31 addetti nell’agricoltura con 83 occupati in più.

Nei primi sei mesi del 2015 tutto il settore in Bergamasca ha esportato per un business complessivo di 152 milioni su un totale lombardo di 1,3 miliardi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.