BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“I have an addiction” L’artista May Hands espone alla Domus Magna fotogallery

L'artista May Hands espone alla Domus Magna il progetto "I have an addiction" curato da Valentina Gervasoni, Stefano Raimondi, Mauro Zanchi con la collaborazione di Elsa Barbieri e Andrea Natali. Inaugurazione giovedì 24 settembre alle 19 alla BACO Base Arte Contemporanea, via Arena 9, Città Alta.

BACO – Base Arte Contemporanea è lieta di presentare I have addiction, il progetto site-specifi c dell’artista inglese May Hands (Brighton, 1990), che il prossimo 24 settembre inaugura la stagione espositiva in Via Arena, 9 Bergamo.

I have an Addiction nasce da un periodo di residenza in città di Hands e da tre mesi di spostamenti tra Londra, Napoli, Roma, e i rispettivi mercati cittadini, alla ricerca di suggestioni e materiali di uso quotidiano, e non, necessari per la costruzione delle opere: nastri in nylon, reti, tessuti, etichette per frutta e verdura, carta da imballaggio e shopper. Dopo esser stati raccolti dai loro contesti originali, questi elementi, intrecciati tra loro, diventano narrazioni di un’epoca di consumi e, al contempo, di un’esperienza emotiva personale, narrazioni intime che tracciano mappe geografi che di persone, incontri, abitudini, consumi, vita, prima che di arte.

Oggetti testuali che in sé cristallizzano il tempo e mantengono intatto sia il passato sia le esperienze presenti. Gli oggetti in questo senso diventano come pezzi della propria vita da preservare e raccontare. La mostra promossa dalla MIA – Congregazione della Misericordia Maggiore è realizzata con il contributo del Comune di Bergamo e il sostegno uffi ciale della Fondazione Credito Bergamasco e in collaborazione con la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea e The Blank Contemporary Art.

Durante la residenza estiva di May Hands a Bergamo si è discusso per quali comportamenti ognuno avesse sviluppato una forma di “addiction”, ovvero di dipendenza. Quali sono, cioè, quelle azioni che da semplici e comuni abitudini sono diventate ricerca esagerata e patologica, tale da far perdere ogni possibilità di controllo sull’abitudine. I have an Addiction si riferisce, quindi, all’impulso incontrollabile dell’artista di cercare, appropriarsi e riutilizzare nella sua pratica artistica oggetti urbani marginali, come ad esempio tappi di plastica, etichette dell’acqua, fi li, foglie, sassi, sacchetti, frammenti di tessuti e moltissimo altro materiale; un vastissimo campionario dell’avanzo, dell’indesiderato, del superfl uo.

Sono elementi che lo sguardo comune non riesce più a cogliere o a cui non è capace di dare valore; passano inosservati come cose evitabili, ormai accettate e integrate nel contesto urbano.

Scegliere quali oggetti prendere o lasciare e come organizzarli implica capacità di categorizzazione, di memorizzazione e una certa quantità di attenzione per i dettagli e difatti il modo di vedere di May Hands è particolarmente e inconsciamente accorto: anche durante una passeggiata può capitare che Hands si fermi un istante per raccogliere quell’inezia che poi restituita dall’arte assume una forza inesplorata. Ogni oggetto rappresenta potenzialmente una speciale occasione, un’opportunità: il rapporto con gli oggetti è di tipo quasi magico.

Non si tratta di objet trouvé né tantomeno di ready made, piuttosto di quello che potremmo defi nire “oggetto trovante”, ossia un oggetto che attiva un processo emotivo e una struttura di relazioni con altri oggetti che, nell’insieme della loro disposizione, forma e colore, defi niscono l’opera. Seguendo questo processo, l’artista ha realizzato, durante la residenza a Bergamo, un’intera serie di lavori inediti che si relazionano inevitabilmente con la città, il luogo espositivo e il concetto di pittura.

La mostra è, infatti, dopo la personale di Erik Saglia A.E. Abstract Existence, la seconda della trilogia che rifl ette il modo in cui il concetto di pittura sia oggi ampliato, scorniciato, esteso a una lettura più interiore e multidisciplinare.

La mostra è resa possibile anche grazie alla collaborazione con la galleria T293 Napoli/Roma che, parallelamente alla mostra di Bergamo, ospita dal 18 settembre al 20 ottobre 2015 la personale di May Hands, ‘Freschissimi’ presso la sede di Roma.

BACO Base Arte Contemporanea, Via Arena 9, Città Alta, Bergamo
Sabato – Domenica: 10.30 – 12.30 | 15.00 – 18.00 
Altri giorni solo su appuntamento

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.