BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vittorie col contagocce: solo 8 dall’agosto 2014 La Dea è la peggiore in A

Statistica terribile quella che racconta dei trionfi dei nerazzurri nello scorso campionato e nelle prime quattro giornate di quest'anno: gli uomini oggi allenati da Reja hanno vinto solo 8 volte. Nessuno ha fato peggio delle squadre che oggi militano nel massimo campionato.

Più informazioni su

Quando vincere diventa un’impresa. Sta succedendo all’Atalanta da un anno a questa parte. A parlare sono i numeri: dall’agosto del 2014 ad oggi (calcolando, quindi, l’intero campionato scorso e le prime quattro uscite di quello attuale) i nerazzurri hanno vinto solo 8 volte. Nessuno ha fatto peggio tra le squadre rimaste in A. In linea con i risultati ottenuti dai bergamaschi c’è solo l’Empoli che sabato ha però ottenuto la sua nona vittoria lasciando sul fondo di questa speciale – e poco felice – classifica Denis e compagni.

Le statistiche rispecchiano in pieno l’anno orribile che l’Atalanta si è appena messa alle spalle, anno che ha portato una salvezza sudatissima arrivata anche grazie alle 7 vittorie conquistate contro Cagliari (due volte), Parma, Milan, Cesena, Sassuolo e Palermo. In quei dieci mesi i nerazzurri hanno tremendamente faticato a vincere, tant’è che ad inizio marzo a rimetterci è stato Stefano Colantuono, l’allenatore protagonista del ritorno in A e delle successiva salvezze, esonerato dopo il ko interno con la Samp.

In questo avvio di campionato le cose non sembrano essere cambiate, anche se – va detto – si sta vedendo un’Atalanta completamente diversa e un attimo più votata all’attacco. I risultati non sono affatto esaltanti: nelle prime quattro giornate sono arrivati due pareggi, una sconfitta e una sola vittoria.

A rendere maggiore l’amarezza sono senza ombra di dubbio le modalità in cui sono arrivate le due X e il ko di Milano: il troppo spazio lasciato a Jovetic, il rigore fallito da Maxi a Reggio Emilia e la mancata marcatura su Pisano, domenica. Con un po’ più di attenzione (e forse di fortuna, diciamolo) il bilancio di questo anno e di questa nuova stagione poteva essere nettamente diverso. E giovedì sera i nerazzurri andranno ad Empoli, dove sbagliare sarà completamente vietato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronika

    In verità quest’anno mister Reja mi ha stupito positivamente. Propone un calcio offensivo, mai le barricate e mai in 11 dietro la linea della palla. Colantuono sì che era un (ottimo) difensivista. A differenza sua Reja ha a sua disposizione de Roon con il quale la difesa soffre molto molto meno, e questo è un gran bel vantaggio.

  2. Scritto da nino cortesi

    Sia Colantuono che Reja amano fare la guerra nella loro metà campo e questo agli avversari piace un sacco.