BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comelit a Manhattan la tecnologia italiana per il videocitofono

Il complesso residenziale Stuyvesant Town-Cooper Village (110 edifici e 11.250 appartamenti) nel cuore di New York ha scelto il “made in Italy” di Comelit Group SpA per il suo impianto videocitofonico

La tecnologia italiana di Comelit Group SpA sbarca Oltreoceano per un’importante fornitura nel cuore di New York City, a conferma della crescita della presenza dell’azienda di Rovetta anche nel panorama internazionale.

A Comelit è stata, infatti, affidata la realizzazione dell’intero impianto videocitofonico di Stuyvesant Town-Cooper Village (PCVST), una grande area residenziale di oltre 320.000 mq situata nel distretto di Manhattan. Progettato per accogliere i veterani di ritorno dalla Seconda Guerra Mondiale, il grande insediamento deve il suo nome attuale a Peter Stuyvesant, il primo governatore della colonia olandese del New Amsterdam, e a Peter Cooper, industriale, inventore e filantropo, fondatore della Cooper Union. PCVST, oggi di proprietà di CW Capital che ne ha affidato l’amministrazione alla CompassRock Real Estate, comprende 11.250 unità immobiliari di diverse tipologie per metrature e prezzi, compresi alcuni appartamenti di lusso.

Insomma, una vera e propria città nella città, a due passi dall’East Village, dove abitano oltre 30.000 persone protette da un avanzato sistema di sicurezza, con telecamere e apparecchiature di controllo degli accessi. Ognuno dei 110 edifici del complesso è dotato di due videocitofoni Vandalcom Digital, per un totale di 220 posti esterni. Si tratta di un modello realizzato in acciaio inox, studiato per resistere ad eventuali atti vandalici e dotato di una rubrica digitale, indispensabile considerato il numero elevato di utenti residenti in ciascuna torre. Comelit ha fornito anche tutti monitor interni degli 11.250 appartamenti: la scelta è ricaduta su Planux, con monitor a colori e tecnologia ‘Sensitive Touch’.

“Si tratta, a livello numerico, della più grande fornitura della storia di Comelit: attualmente lo stato di avanzamento dei lavori è al 40% e contiamo di completare l’installazione dell’impianto videocitofonico in un paio di anni – commenta Marco Giugnetti, Direttore Vendite Estero di Comelit Group SpA – Il progetto su New York ci dà grande soddisfazione anche sul fronte delle prospettive di mercato perché è una nuova ulteriore conferma della crescita del nostro gruppo in ambito internazionale”.

Con un fatturato consolidato che nel 2014 ha sfiorato gli 80 milioni di Euro (+8,1% rispetto al 2013) e una quota destinata all’export del 60%, Comelit Group SpA si presenta come una realtà di dimensione internazionale complessa e articolata, con sedi in 13 Paesi del mondo. Storicamente consolidata nell’ambito dell’Unione Europea, con una presenza significativa in particolare nel mercato francese e in quello UK, Comelit Group SpA sta conoscendo importanti e significativi risultati anche nelle aree del Sud-Est asiatico e degli Stati Uniti.

“La nostra tecnologia proprietaria, insieme alla completezza dell’offerta, si sta rivelando un ‘arma competitiva vincente. Negli Stati Uniti, in particolare, stiamo crescendo a due cifre ormai da diversi anni, mentre nell’Estremo Oriente, con l’apertura della filiale di Singapore prima e dell’ufficio di rappresentanza ad Hong Kong, siamo coinvolti nella realizzazione di alcuni dei più prestigiosi complessi residenziali” conclude Giugnetti. Comelit, con headquarter a Rovetta San Lorenzo e sedi in 13 Paesi nel mondo, è presente con i propri prodotti in oltre 70 Paesi. Da oltre cinquant’anni progetta e produce sistemi di Videocitofonia, Videosorveglianza, Antintrusione, Automazione Domestica, Antincendio e Controllo Accessi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carla

    Mio figlio ci lavora alla Comelit e ne va fiero.