BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disoccupato si presenta in Comune e chiede 37 euro concessi ai profughi

Un uomo tra i 35 e i 40 anni - cittadino italiano, bianco e molto probabilmente disoccupato - si è presentato davanti agli impiegati dei servizi sociali di Scorzè, in Veneto, presentando un modulo compilato per il contributo giornaliero di 37 euro riservato ai richiedenti lo status di profughi.

Un uomo tra i 35 e i 40 anni – cittadino italiano, bianco e molto probabilmente disoccupato – si è presentato davanti agli impiegati dei servizi sociali di Scorzè, in Veneto, presentando un modulo compilato per il contributo giornaliero di 37 euro riservato ai richiedenti lo status di profughi.

Per quanto increduli "gli impiegati non hanno potuto far altro che esaminare la pratica, ma il nostro Comune, come del resto la legge italiana, non prevede questa sorta di reddito di cittadinanza per i cittadini italiani ", ha sottolineato la vicesindaco e assessore ai servizi sociali Nais Marcon.

Con ogni probabilità, l’uomo faceva riferimento al provvedimento varato nel Comune di Telgate da parte del sindaco Fabrizio Sala, che attraverso una lettera scriveva ai cittadini: "Caro concittadino, ti scrivo poiché sono pienamente consapevole della stato di difficoltà che noi tutti stiamo attraversando. Sono ormai quotidianamente messo a conoscenza di situazioni di giovani che non trovano lavoro, anziani con una pensione che garantisce a malapena una vita dignitosa, padri e madri in condizioni di mobilità o cassa integrazione che non riescono a fronteggiare i piccoli impegni che ogni giorno la vita ci riserva. E’ per questo che ti invito a compilare l’allegato modulo in modo che io mi adoperi affinché lo Stato si faccia carico delle tue necessità e chiedere al Governo Italiano, anche per te, lo stesso trattamento economico di 37 euro giornalieri riservato a tutte le persone richiedenti lo status di profugo, che ormai quotidianamente arrivano nelle nostre regioni, grazie alle infelici operazioni Mare Nostrum, Frontex e ora Triton". Per presentare il modulo sono richiesti dati d’identità, codice fiscale e la dichiarazione di "avere una situazione socio economica di fragilità dettata da reddito pensionistico, disoccupazione, cassa integrazione, mobilità o altro".

Messo al corrente dell’accaduto, il sindaco di Scorzè Giovanni Battista Mestriner – da sempre avverso all’attuale politica governativa sui migranti – si è detto tuttavia critico nei confronti dell’iniziativa presa dal collega di Telgate: "Non si può giocare sulla pelle della gente illudendola in questo modo. Quel residente di Scorzè era proprio in buona fede e convinto di poter accedere al contributo dei 37 euro vista la condizione in cui versa la sua famiglia. Non credo sia questo il modo per imporsi in politica o per far sì che lo Stato si faccia carico delle persone indigenti".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    Poche storie… Al solito i pentastellati sulle questioni che contano sono SOLI IN PARLAMENTO. Ma non nel consenso del Paese. Reddito di cittadinanza! Stop pensioni d’oro! Vera lotta all’evasion! Massimo 2 legislature e poi a casa! Stop compensi pubblici faraonici ecc.ecc.ecc….

    1. Scritto da paolot

      Reddito di cittadinanza = dare dei soldi alla gente che non lavora?
      Ma avete presente cosa accadrebbe in MEZZA ITALIA? Che la gente smette DEFINITIVAMENTE di cercare un lavoro.

      E’ più intelligente invece potenziare i servizi a disposizione dei disoccupati e di coloro che hanno redditi bassi, prevedendo riduzioni tariffarie o gratuità. Ma senza dare soldi in mano alla gente.

  2. Scritto da phester

    quindi renzie avrebbe eliminato le pensioni, la cassa integrazione, la disoccupazione, gli ammortizzatori sociali… non c’è più nulla per noi itagliani, perchè diamo tutto agli immigrati! leggendo la maggior parte dei commenti sembrerebbe così. forse invece di ripetere a nastro le c****e di salvini potreste informarvi un po’ di più. ma naturalmente, come fate voi, è più facile…. e salvini, vecchia volpe, lo sa benissimo.

  3. Scritto da Grisa

    Non saprei cosa dire…

  4. Scritto da alegher

    Ecco qual’è il vero problema di noi italiani: ognuno la pensa in modo diverso da un altro, non si avrà mai una classe dirigente che va d’accordo in politica ( se non solo per accapparrarsi i nostri soldi) finchè noi tutti continueremo a far nient’altro che commentare cosi disparati come disperati.

  5. Scritto da il polemico

    ….la legge italiana, non prevede questa sorta di reddito di cittadinanza per i cittadini italiani….,almeno un sindaco che afferma che l’assistenzialismo è solo per i cittadini non italiani su suolo italiano,a saperne il motivo,ma non lo sanno nemmeno chi ha fatto questa legge

  6. Scritto da il telgatese

    il nostro sindaco è un demagogo e basta…un gran venditore d fumo, sa solo lanciare provocazioni con l’unico fine di presidiare il consenso. Spero che molti telgatesi presentino la domanda e quando non arriverà nulla vadano dal sindaco a dirgli “ta set prope brao contà noma di bale!!!”

  7. Scritto da CHESTER

    Il reddito di cittadinanza, come la cassa integrazione, è una forma di assistenzialismo umiliante se non comporta il fatto che chi lo percepisce deva fornire un servizio alla comunità. Se volete demolire l’autostima di un individuo fategli la carità; se l’intenzione è quella di creare una ”comunità” date la possibilità all’individuo di collaborare con i suoi simili.

  8. Scritto da rpf

    Deve andare in libia e poi farsi imbarcare sui barconi. Allora sì che gli daranno i 35 euro.

  9. Scritto da elisa

    Penso sia una cattiveria nei confronti degli italiani (che da generazioni hanno fatto sacrifici per avere una vita migliore),che oggi quando sono in difficoltà lo stato si rifiuti di aiutarli ed è un’ altrettanto cattiveria far arrivare un mare di gente sapendo di non potere garantire loro un futuro dignitoso.

  10. Scritto da collega+mente

    tecnicamente è una stupidaggine in quanto i soldi non vanno agli immigrati ma servono per pagare il vitto e alloggio, a questi vengono dati 2 euro giorno. In merito al reddito di cittadinanza non vorrei che diventasse ancora una volta la soluzione per dare i soldi a lazzaroni e nullafacenti di professione. Le opportunità di lavoro ci sono basta volerlo e accontentarsi.

    1. Scritto da mario59

      Vede caro signor collega+mente…nel suo commento è quell’accontentarsi buttato li che non mi convince per niente..sa perchè..? Perchè allora non è il lavoro che manca… ma la disponibilità a retribuire il lavoro con un salario dignitoso….come dire, se lavori alle mie condizioni, posso anche farti “il favore” di pagarti poco, ma pagarti….e ci credo che il caporalato in Italia è in espansione, con gente che la pensa come lei non potrebbe essere diversamente.

      1. Scritto da mixio

        no, il problema è che mancano i lavoratori… ora la maggioranza dei dipendenti è una massa di gente che vuole, anzi “pretende”, lo stipendio senza far fatica, perchè è un loro “diritto”…. Così appena c’è un dipendente appena decente te lo tieni stretto perchè gli altri sono molto peggio. Tanto, grazie ai nostri mitici sindacati, licenziare qualcuno è costoso, così la ditta si tiene anche i dipendenti che vorrebbe mandar via… e con la storia del contratto collettivo nazionale ….

    2. Scritto da vick

      Si vergogni a dare del lazzarone e nullafacente ad una persona in difficoltà che magari il lavoro l’ha perso. In quanto alle opportunità di lavoro di cui lei parla tanto non ne vedo granchè in giro soprattutto se si ha un’età non più giovane. Ringrazi Iddio di non trovarsi mai in una simile situazione sig. collega+mente colleghi il cervello alla bocca prima di parlare a sproposito

    3. Scritto da JobsAct

      Ahhhhhh, il genio!!! Quindi si può fare il raccoglitore di uva o il cura-stalle a 300 euro al mese, visto che la concorrenza straniera può accontentarsi di simili cifre pur di stare in Italia…. 37 euro costa allo stato: me li dia che poi ci penso io a come usarli! Quando c’era lavoro ho lavorato, pagato tasse, fatto casa con oneri urbanistici e pagato ici e imu; oggi che sono disoccupato lo stato non riesce a darmi 37 euro al giorno per campare?

  11. Scritto da Paolo

    Tecnicamente questo cittadino italiano al g’ha resù!

  12. Scritto da Il bulletto

    Chissà che ne pensa il bulletto che ci governa

  13. Scritto da ciao

    Giggi non hai nulla da dire??

    1. Scritto da tino

      Gigi mi ha girato queste domande : siamo sicuri che la domanda è stata fatta in buona fede ? Che c’azzecca il comune di Scorzè con Telgate ? Perche’ nell’ articolo si specifica che è bianco e non di colore? Gigi vi saluta.

  14. Scritto da giuseppe

    Ragazzi, ma lo vogliamo capire sí o no che oramai il reddito di cittadinanza, che perarltro in altri paesi europei è un diritto acquisito, DEVE essere dato? O lasciamo soli ancora una volta i pentastellati in questa lotta? Altro che togliere l’IMU!

    1. Scritto da Aldo

      Ma la vogliamo capire che il reddito di cittadinanza cosi’ come lo vogliono fare i grillini rischia di dare i soldi a chi evade le tasse ( per esempio gioiellieri che guadagnano meno dei commessi) e non a chi ne ha veramente bisogno?? Siamo alle solite buffonate del comico, come il voler togliere l’eiro sapendo che non e’ possibile farlo con un referendum.

      1. Scritto da giuseppe

        Caro Aldo le cose vanno fatte in modo giusto, ovvio. Come Renzi che vuole togliere l’Imu sulla prima casa a tutti! Le sembra giusto? E poi scusate di fatto l’assegno di disoccupazione potrebbe diventare di cittadinanza, concedendo la possibilità di non rifiutare proposte di lavoro, altrimenti lo si toglie! Non fatevi infinocchiare da Renzi!

        1. Scritto da Giosep

          Ti ricordo che siamo in Italia, il paese dei furbi. Chissà quante falsificazioni pur di intascare l’assegno di cittadinanza e poi arrotondare con lavori in nero.
          Dai, siamo seri per favore

  15. Scritto da Trab

    Ha fatto bene! È una vergogna quello che sta accadendo