BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La legge contro i profughi colpisce anche gli alberghi degli agenti di sicurezza Expo

Il provvedimento, presentato all'ultimo momento e discusso in un clima convulso a causa delle polemiche, colpisce infatti anche una serie di imprenditori che con i profughi non c'entrano nulla.

Più informazioni su

Continua a far discutere l’emendamento approvato dalla maggioranza alla legge regionale sul turismo che stanga gli albergatori disponibili ad accogliere profughi. Il provvedimento, presentato all’ultimo momento e discusso in un clima convulso a causa delle polemiche, colpisce infatti anche una serie di imprenditori che con i profughi non c’entrano nulla. Ad esempio gli alberghi che ospitano, grazie a una convenzione siglata con il ministero, gli agenti di sicurezza al lavoro durante Expo.

Il testo della legge spiega che i fondi “possono essere concessi esclusivamente qualora il fatturato o il ricavato della attività ricettiva degli ultimi tre anni sia integralmente derivante dall’attività turistica. Nel fatturato o ricavato non sono computate le entrate ad attività conseguenti a calamità naturali o altri eventi determinati da disastri naturali o incidenti di particolare rilevanza o altresì in esecuzione di specifici provvedimenti coattivi”.

La formulazione che potrebbe sembrare azzeccata, perché non nomina gli immigrati ed esclude dal provvedimento restrittivo tutti gli alberghi che ospitano persone sfollate a causa di catastrofi naturali. La domanda che, già in aula, si sono posti gli esponenti dell’opposizione è semplice: e chi ospita convention aziendali? Spettacoli, serate di ballo, convegni? Oppure, ancora, gli alberghi che ospitano poliziotti e addetti alla sicurezza di Expo? “La Lega – commenta Alessandro Alfieri, consigliere e segretario regionale del Pd – ha compiuto un grande capolavoro: per cercare di colpire chi scappa da guerre e persecuzioni finisce per penalizzare gli operatori alberghieri lombardi che assolvono a una funzione sociale rispondendo a una richiesta di collaborazione del ministero dell’Interno”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leghisti

    Sono i leghisti al governo: cervello all’ammasso

  2. Scritto da sdfx

    Semplice, faranno un codicillo apposito, una deroga, e poi una deroga alla deroga ecc. poveracci!

  3. Scritto da Luigi

    Questi politici sono dei poveracci: dall’alto del loro tenore di vita economico, agiati e graziati da questa epoca che premia più le facce toste piuttosto che i cervelli, speculano e sproloquiano sui disperati della terra. Migreranno per buontempo i profughi? Ma ce la fate a capire che sono un fenomeno inarrestabile e inevitabile, va solo garantito che non vengano a delinquere?