BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Faac, Salvini a Bologna: “La curia apra il cuore e aiuti queste 50 famiglie”

Il leader della Lega Nord Matteo Salvini ha portato la protesta dei lavoratori bergamaschi della Faac di fronte alla sede dell'arcidiocesi di Bologna. L'azienda, di proprietà della curia ma affidata ad un trust, ha deciso di chiudere la filiale di Grassobbio per delocalizzare parte della produzione in Bulgaria.

Il leader della Lega Nord Matteo Salvini ha portato la protesta dei lavoratori bergamaschi della Faac di fronte alla sede dell’arcidiocesi di Bologna. L’azienda, di proprietà della curia ma affidata ad un trust, ha deciso di chiudere la filiale di Grassobbio per delocalizzare parte della produzione in Bulgaria. "Non mi interessano gli errori del passato. La curia di Bologna apra il cuore, non dico il portafoglio, e aiuti queste 50 famiglie: visto che di questi tempi le porte delle parrocchie sono aperte per tutti, per chi sbarca domani mattina in primis, mi sembra che queste cinquanta famiglie meritino questa attenzione, non chiedo altro".

Sottolineando come il colosso dei cancelli automatici bolognese, lasciato in testamento dal fondatore alla Curia, macini "decine milioni di utili e abbia dato alla stessa Curia un dividendo di 5 milioni di euro, chiederò formalmente un incontro all’Arcivescovo di Bologna perché – ha puntualizzato il leader del Carroccio – mi sembra strano che ci siano appelli ad aprire le porte di ogni parrocchia per i rifugiati mentre si licenziano 50 operai da parte di una fabbrica di proprietà di chi è ospite di questo palazzo".

Quindi, ha proseguito Salvini al fianco di quattro operai in rappresentanza dei lavoratori bergamaschi scesi con lui a Bologna "se c’è in questo palazzo qualcuno che ha coscienza civile le cinquanta famiglie" dei lavoratori lombardi "potrebbero essere messe a parte di questi milioni" di dividendo. "Facendo i conti della serva, 5 milioni di euro divise per cinquanta famiglie fanno 100 mila euro a famiglia: il posto di lavoro non torna più ma, magari, il futuro di queste famiglie è meno preoccupante".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    Ma secondo voi quale dei due Matteo è più prezzemolo? Il Salvini o il Renzi?

  2. Scritto da Patrizio

    Il problema è sempre extra comunitario senza riflettere le cause e le soluzioni serie. 1° basta a vendere armi soprattutto a paesi poveri. Credo che sia troppo dare 35 euro per ogni extra comunitario accolto dalle varie organizzazioni, parrocchie o cooperative, 20 al giorno dovrebbero bastare poi si devono far fare i lavori a loro.

  3. Scritto da Luigi

    Ohi Matthew, sei sempre in giro per mettere il faccione sui casi mediatici. Che ne dici invece di stare in parlamento Europeo e lavorare per leggi migliori, invece delle boiate che proponete?

    1. Scritto da ciao

      Intanto se non ce lo mette lui il faccione non ce lo mette nessun altro…

      1. Scritto da cimettaisoldi

        perche’ allora invece di metterci continuamente il faccione, a puri scopi di propaganda elettorale, non fa qualcosa di concreto il buon matteo, ad esempio decurtarsi lo stipendio visto che accumula l’80% di assenze a bruxelles oppure, come fanno altri, rinunciare alle decine di milioni di rimborsi elettorali per darli a chi e’ in difficolta?!? invece mi risulta che proprio due giorni fa la sua “lega” ha votato per incassare ulteriori milioni (dei nostri) senza rendicontazione alcuna!!

        1. Scritto da desdes

          Quante falsità ha scritto…SI INFORMI !

          1. Scritto da Patrizio

            Dica lei quanto percepisce al mese, quanti rimborsi chiede.
            Se non sai rispondere TIRA FO’ LA CRAPA DEL SAC.

  4. Scritto da daridere

    uno che ha lasciato per strada 70 dipendenti di lega-la padania, malgrado negli anni abbia incassato decine di milioni di euro pubblici ovvero soldi nostri (61 milioni solo per la padania, e centinaia di milioni per la lega), addirittura rischiando di non fargli prendere nemmeno la cassa integrazione, si erge a difensore di persone licenziate da altri. Roba da ridere e tanti “italioti” non se ne rendono conto. E’ un po’ se come un ladro matricolato si ergesse difensore delle vittime di furti..

  5. Scritto da Brao

    Grande Salvini,sempre in prima linea!

    1. Scritto da Robademacc

      Dov’era ? dai dipendenti della “Padania ” ?

  6. Scritto da kgb

    Ma la faac produce anche cancelletti pedonali?