BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Insultò il ministro Kyenge, il Senato dice sì al processo a Calderoli

L'Aula ha votato con 126 sì, 116 no e 10 astenuti. Respinta invece la richiesta per quanto riguarda l’accusa di istigazione all’odio razziale. Il vicepresidente del Senato, durante un comizio a Treviglio del 13 luglio 2013, si era rivolto all’allora ministro dell’Integrazione del governo Letta definendola un "orango".

E’ arrivato il sì del Senato: la magistratura potrà procedere contro Roberto Calderoli per diffamazione nei confronti dell’ex ministro Kyenge. L’Aula ha votato con 126 sì, 116 no e 10 astenuti. Respinta invece la richiesta per quanto riguarda l’accusa di istigazione all’odio razziale. Calderoli, durante un comizio a Treviglio del 13 luglio 2013, si era rivolto all’allora ministro dell’Integrazione del governo Letta definendola un "orango".

Durante la seduta il capogruppo del Pd Luigi Zanda ha proposto di rinviare nuovamente il voto ma la richiesta è stata bocciata. La votazione di mercoledì 16 settembre è un dietrofront rispetto alla decisione di febbraio di quest’anno, che aveva spaccato in due il Pd. In quell’occasione la Giunta si era espressa contro l’autorizzazione a procedere nel suo complesso, perché le opinioni di Calderoli erano state espresse "da un membro del Parlamento nell’esercizio delle sue funzioni" e quindi ricadevano "nell’articolo 68 primo comma della Costituzione, che prevede l’insindacabilità".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    mah,si vede che il lavoro in senato scarseggia,visto che si dibatte per un episodio successo quasi 2 anni fa,gia abbondantemente chiarito ecc ecc.sicuramente stò ozio sarà dovuto alla sbandierata ripresa economica che ha allentato la tensione fra i partiti portando serenità ?

    1. Scritto da Gino

      Forse ti sfugge che il senato non c’entra niente. Si tratta di un procedimento giudiziario personale su giusta denuncia dell’interessata e per il quale è obbligatoria l’autorizzazione. La ripresa economica , la “tensione tra i partiti” , la “serenità” (de che ?) cosa c’entrano ? Chiarito cosa ? Con chi ?

  2. Scritto da kurt Erdam

    Se dicendo cretinate e offendendo il proprio prossimo si finisce con l’incorrere in qualche condanna una persona intelligente fa almeno silenzio, un citrullo,invece,si arrampica sui vetri per giustificare chi si propone di voler partecipare al nostro governo ma realmente non va più in là delle offese ai suoi avversari(vale ovviamente anche per il panzuto miliardario grillo)ma comunque non andrà in galera nessuno dei due e alla prima occasione,forti della loro impunità,raddoppieranno

    1. Scritto da La verità fa male

      Chi stabilisce quali sono “cretinate” e quali le frasi serie? Chi stabilisce quali sono le frasi che “offendono il prossimo”? Ad esempio, secondo la mia personale opinione quando lei nei suoi commenti sul forum definisce “citrulli” quelli che non la pensano come lei, e quando definisce Grillo un “panzuto miliardario” io considero queste sue frasi “cretinate che offendono il prossimo”

      1. Scritto da Dubbi ?

        A fronte della definizione di “orango” da parte di un vicepresidente del Senato nei confronti di una signora di colore di origine congolese , si definisce citrullo chiunque abbia dubbi su quali sono cretinate e quali sono cose serie e quali siano le frasi che offendono. Dubbi ?

      2. Scritto da kurt Erdam

        Grillo E’ un panzuto miliardario(diventato tale anche coi soldi che pagavo anch’io intanto che mi facevo il mazzo)se per lei è qualcosa di diverso tipo un giovane cantante lirico allampanato le consiglio di dedicarsi alla letteratura infantile(forse più adatta a lei dei discorsi seri)per il resto è chiaro che dal mio punto di vista è citrullo chi(sempre dal mio punto di vista)dice citrullate.Se lei non ha punti di vista personali derivanti da esperienze di vita e di lavoro peggio per lei.

        1. Scritto da La verità fa male

          Magari Grillo è un panzuto miliardario, ma lei un difensore accanito delle pensioni baby nonchè “pensionato con metodo retributivo” (che è molto più favorevole rispetto a quello contributivo delle giovani generazioni) quindi lei per me è un privilegiato come Grillo, altro che “farsi il mazzo”. Questo è il mio punto di vista personale. Non le piace? peggio per lei

          1. Scritto da kurt Erdam

            Credo che lei abbia grosse difficoltà di comprensione per cui ripeto il mio personale punto di vista(già espresso)le pensioni baby e la cassa integrazione sono state un grossissimo errore perché hanno alimentato il lavoro nero mettendo a disposizione di quelli che lei difende(dicendo che lo fanno per sopravvivenza)un sacco di risorse per il lavoro nero!!Il metodo retributivo era il sistema previdenziale dell’Italia che cresceva(prima che arrivassero i suoi referenti craxi/berluska/bossi & C)

          2. Scritto da kurt Erdam

            Chi si è fatto il mazzo in giro per il mondo(come ho fatto io)portando soldi all’Italia magari fra pidocchi e dissenterie merita di più dei citrulli che vogliono il”salario di cittadinanza”nulla facendo e di quelli che sponsorizzano con ogni mezzo e in ogni circostanza(come lei)la furbizia di chi ruba servizi pubblici ai lavoratori dipendenti.Fra i nobili partecipanti del nostro 68 e il mondo attuale(di cui lei fa parte)c’è un abisso;all’epoca nessuno metteva in discussione le pensioni

  3. Scritto da giuseppe

    Ricordiamo a chi ha la memoria corta che sto Zanda è quello che ha fatto salvare Azzollini e che nello specifico voleva allungare sta questione di Calderoli. La casta salva se stessa. P.S. Grillo non è un parlamentare… Ripeto memoria corta!

  4. Scritto da gianluca

    i corrotti lasciamoli li’ tranquilli,guai a processarli,il cattivo Calderoli invece subito a processo….sempre piu’ orgoglioso di essere leghista

    1. Scritto da Gulp

      Ma tu non sei stato per un’eternità al governo d’Italia e della regione Lombardia col PDL ? E parli di corrotti ? Ma hai presente il nr. Di condannati e inquisiti in parlamento e che fine ha fatto la scorsa amministrazione lombarda ? Roba de campana martel , orgoglioso de che ?

  5. Scritto da sinistriecontenti

    naturale ora che la lega fa sempre piu’ paura a questi sinistri buonisti da strapazo si parte con le agressioni della magistratura toghe rosse! Tutto gia’ visto in passato contro un altro politico che dava fastidio. Ora voglio proprio vedere se voteranno anche per l’arresto del loro amico Grillo visto che lo anno condannato proprio ieri ma sicuro lui protetto dai sinistri non va in galera neanche stavolta anche se ha insultato uno studioso premiato e rispettabile sicuramente meglio della kyenge

    1. Scritto da Ugo

      Capirne poco , ovvero : 1) per Grillo non c’è nessun arresto da votare , non è un parlamentare 2) quell’altro tuo amico non è finito in galera neppure con un paio di condanne per gravi reati. 3) ma in che mondo vivi ? Su Marte ? Chi ti racconta le notizie : pulcinella ?

  6. Scritto da Numeri

    A dire il vero Calderoli ,grazie ai voti dei PD,non andrà a processo per l’accusa di “istigazione dell’odio razziale”,ma solo per diffamazione.Il titolo è un pochino ingannevole.

  7. Scritto da giulio

    Ovviamente il Renzi può dare delle “bestie” agli elettori di destra, mentre gli altri………….

    1. Scritto da Gino

      La distinzione era tra umani e bestie a fronte di eventi tragici, non tra destra e sinistra . Raccontala giusta .

    2. Scritto da gio

      In che occasione e in che data?

  8. Scritto da Kurz

    Stendiamo un velo pietoso sulle esternazioni del personaggio, che forse prima parla e poi pensa. Siamo nella Terra di Gioppino, quindi è lecito immaginare che ogni tanto qualcuno voglia emularlo.

    1. Scritto da giupì

      Piano con i paragoni. Il Gioppino ha il cervello fino, non è un politico e al suo teatrino spesso si ride. A quell’altro, invece, vien voglia di piangere.