BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cannabis, il M5S: “Iniziamo a Bergamo il percorso per legalizzarla”

I consiglieri comunali Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni avanzano la mozione per invitare il Comune di Bergamo a farsi promotore col governo di un percorso di legalizzazione dei derivati della cannabis a fini di commercio, produzione e vendita.

Il Comune di Bergamo come promotore del percorso di legalizzazione dei derivati della cannabis a fini di commercio, produzione e vendita, per il contrasto al narcotraffico e informazione e prevenzione sugli effetti nocivi dell’abuso delle sostanze stupefacenti: è quanto chiedono in una mozione i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni, impegnando il sindaco Giorgio Gori e la giunta comunale ad attivarsi con il Parlamento e il governo affinchè sia iniziato un confronto serio sul passaggio da un impianto di tipo proibizionistico ad un impianto di tipo legale.

“Un successivo decreto – spiegano i consigliere pentastellati a supporto della propria iniziativa – potrebbe determinare le caratteristiche dei prodotti destinati alla vendita al dettaglio, della tipologia degli esercizi autorizzati alla vendita e della loro distribuzione sul territorio, nonché dei locali pubblici in cui potrebbe essere consentito il consumo delle sostanze. La soluzione proposta consentirebbe l’introduzione di un’imposta sulla fabbricazione e vendita di prodotti di consumo (accisa) e nel breve periodo di promuovere una fase necessaria di transizione e sperimentazione, che deve vivere di una ulteriore sedimentazione di una cultura diffusa in ordine alla tollerabilità del consumo di droghe ‘leggere’”.

Il minor sovraffollamento delle carceri e benefici annuali per l’erario di oltre 5,5 miliardi di euro sono solo alcuni dei punti favorevoli citati dai consiglieri del Movimento 5 Stelle che, parallelamente, chiedono che il Comune di Bergamo si faccia parte attiva affinchè all’interno del Dipartimento Antidroga vengano inclusi anche delegati delle associazioni attive nel sociale, che sostengono ed aiutano persone che fanno uso di sostanze stupefacenti, in modo tale che aiutino all’elaborazione di una strategia efficace per la prevenzione dell’abuso nella società.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giosci

    solo parole ma non si muove mai niente

  2. Scritto da giuseppe

    Ragazzi io di neurotrasmettitori non capisco un fico secco. Sono uno terra terra. Vogliamo risolvere il problema della dipendenza? Semplice; non droghiamoci, non ubriachiamoci, non andiamo a p……..!

  3. Scritto da Mr.Nice

    il consumo di cannabis, è un diritto di noi cittadini, consapevoli delle nostre scelte, stufi di incrementare le piazze di spaccio e la criminalità organizzata!
    I CSC sono l’unico organo di scelta per combattere il proibizionismo in Italia, ormai uno dei pochi stati a non Liberalizzare.

  4. Scritto da Joshua

    Il corpo umano contiene un sistema endocannabinoide, il thc cbd e cbn cioè i principali principi attivi della canapa sono stati dichiarati cardioprotettori e neuro protettori senza contare i benefici che puó portare ai pazienti malati di cancro e non solo, ah quasi dimenticavo puó sostituire il petrolio ecco perchè non informano adeguatamente le persone!! Prima di scrivere informatevi!!!!

  5. Scritto da Carlo

    La cannabis è una sostanza neurotossica(come dimostrano studi, pubblicati su riviste scientifiche, sulla correlazione tra Thc e malattie psichiatriche quali depressione e altre). Infatti la stragrande maggioranza dei medici e’ contraria alla legalizzazione. Un conto è l’utilizzo terapeutico sotto controllo medico, un conto l’uso ricreativo. Che poi lo Stato calcoli già quanto guadagna l’erario per la vendita di una sostanza tossica è il colmo! Come il gioco d’azzardo..povera Italia

    1. Scritto da nicola

      Secondo me non sa quello che scrive, avendo frequentato diversi convegni sulla cannabis, posso dire che non fa male anzi, non crea dipendenza inoltre il thc ed unito al cbd fanno parte dei neurotrasmettitori che già il nostro corpo produce, non hanno effetto tossico sul nostro organismo, la cosa che fa danno è la cartina ed il tabacco che si mescolano, il tabacco è tossico e cancerogeno, magari lei si riferisce alla cannabis spacciata e non regolamentata in cui vengono aggiunte porcherie

    2. Scritto da nicola

      Secondo me non sa quello che scrive, avendo frequentato diversi convegni sulla cannabis, posso dire che non fa male anzi, non crea dipendenza inoltre il thc ed unito al cbd fanno parte dei neurotrasmettitori che già il nostro corpo produce, non hanno effetto tossico sul nostro organismo, la cosa che fa danno è la cartina ed il tabacco che si mescolano, il tabacco è tossico e cancerogeno, magari lei si riferisce alla cannabis spacciata e non regolamentata in cui vengono aggiunte porcherie

    3. Scritto da Daniele

      Bé ci sarebbe molto da dire sul suo commento, tanto per cominciare vi sono in commercio un numero incalcolabile di farmaci (e parlo di libera vendita) che, in caso di abuso, provocano danni ben peggiori del THC.
      Ma vogliamo parlare dell’alcool e del tabacco? Del gioco d’azzardo? La dipendenza e l’abuso sono conseguenze legate al contesto sociale di chi le pratica, ed io sono convinto che il THC possa migliorare la vita di molte persone.

    4. Scritto da pedro

      “la stragrande maggioranza dei medici” è un dato che può contestualizzare, se non dimostrare, o è quello che pensa lei?

  6. Scritto da Matteo

    Beh da non fumatore e astemio sono pienamente d’accordo con questa filosofia. è ora ti provare con altro. Non vedo differenze tra canne, alcolici o sigarette purchè siano però prese di conseguenza determinate misure di controllo e quali test a chi guida differenti dagli attuali, divieti nei luoghi pubblici e divieti per i minori. Sono fermamente convinto che stia all’uomo regolarsi per il suo personale(oltre che collettivo) interesse.

  7. Scritto da Andrea

    Forza così, è una battaglia di civiltà quella per la legalizzazione!

  8. Scritto da TT

    Bene M5S:legalizzare = togliere lavoro alla malavita!

    1. Scritto da Guglielmo

      Il problema è che se togli lo spaccio quelli si dedicano ad altre ‘nobili’ attività!!!! Forse è meglio se continuano a spacciare… Comunque se legalizzano sta roba allora lo devono fare anche con l’oppio!!! Che differenze ci sono??

      1. Scritto da Daniele

        L’oppio è già legale e utilizzato in quantità enormi negli ospedali come antidolorifico…

        1. Scritto da Guglielmo

          Legale ma non disponibile. Io se voglio piantare due papaveri mica posso eh!!!

      2. Scritto da antonio

        Oppio e mariuana per te sono la stessa cosa? Che differenza c’è? Non ti rispondo, almeno prima di commentare articoli abbiate la capacita di tenere attiva la vostra cultura personale! Siamo al delirio …

        1. Scritto da Guglielmo

          ‘prima di commentare abbiate la capacità di tenere attiva la vostra cultura personale’???? Che diamine vuol dire??? Sono benissimo che non sono la stessa cosa e che tipo di dipendenza dà l’oppio!!!

    2. Scritto da Daniele

      Ma chi se ne frega della malavita… legalizzare = w la vita!

  9. Scritto da giuseppe

    È risaputo che sul proibizionismo lucrano le organizzazioni malavitose. Teoricamente legalizzare dovrebbe togliere terreno fertile a queste organizzazioni. Certo è che farsi una canna non è proprio fumare una sigaretta. Non saprei cosa decidere…

    1. Scritto da angelo

      hai ragione.. fumare una canna non è come fumare una sigaretta… Vai a vedere quanti sono, nel mondo ogni anno, le morti causate dal tabacco e quante le vittime della marijuana.. ti sarà più facile prendere una decisione…

      1. Scritto da XXX

        Senza poi contare le vittime dell’Alcol,inquinamento ecc ecc…

  10. Scritto da El Diego

    Sono d’accordo, ma di pari passo e conseguenza deve essere fatto uno studio su come effettuare controlli che non colpiscano indiscriminatamente chi fa uso ricreativo ore prima di mettersi alla guida di un veicolo ma individuino un principio attivo ancora presente ed effettivamente incisivo sulle prestazioni. Idem per ambienti lavorativi, etc… se no date la possibilità di uso e poi bastonate senza discriminare.

  11. Scritto da Mony

    ….ma dove siamo finiti……! :-(

  12. Scritto da alberto

    Completamente d’accordo,di fatto si trova ovunque e finanza bande criminali….

  13. Scritto da alberto

    Completamente d’accordo,di fatto si trova ovunque e finanza bande criminali….

  14. Scritto da Kurz

    Bravi! È la volta che Berghem si avvicina ancora di più ai civilissimi paesi del Nord Europa, con meno tabù e sganciati da tanto falso e inutile perbenismo.

  15. Scritto da Daniele

    Sarès poa ura!

  16. Scritto da sempreavanti

    bravi ragazzi del M5s. Anche in questo campo dimostrate di essere molto piu’ avanti ed in gamba di tutti quei politici che naturalmente non vogliono la legalizzazione di una pianta naturale che tanti “soldi” porta nelle tasche delle mafie loro amiche. Se persino tanti stati degli USA sono arrivati a questa soluzione (con grande successo in termini di riduzione del crimine ed entrate) e’ lapalissiano che e’ la strada giusta da intraprendere. Ma tranquilli che ora vi faranno passare per cannaioli

  17. Scritto da blanco

    Ora si spiega il contenuto di mozioni ed interrogazioni presentate dai 5stelle

    1. Scritto da Tarcy

      E com’è che invece l’Italia è nella fogna etica e morale grazie alle scelte precedenti all’arrivo dei 5stelle? Forse la loro era “roba” più pesante?