BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ucciso in casa per rapina Bergamaschi al presidio: “Giustizia per Pietro”

Anche i politici bergamaschi al presidio al tribunale di Brescia per il processo a carico di Ergren Cullaj, l’albanese che faceva parte della banda che uccise Pietro Raccagni, il macellaio di Pontoglio morto 11 giorni dopo l’assalto subito l’8 luglio del 2014 nella sua villetta. Malanchini: "Niente sconti di pena per i tre delinquenti stranieri"

Più informazioni su

"Giustizia per Pietro". È una delle scritte apparse su uno degli striscioni dei partecipanti al presidio davanti al tribunale di Brescia, promosso nella mattinata di martedì 15 settembre dal "Comitato Uniti con Piero nel cuore", in occasione dell’udienza preliminare del processo a carico di Ergren Cullaj, l’albanese che faceva parte della banda che uccise Pietro Raccagni, il macellaio di Pontoglio (Brescia) morto 11 giorni dopo l’assalto subito l’8 luglio del 2014 nella sua villetta.  

Per quel delitto furono arrestati altri tre albanesi: Lleshi Vitor, 23 anni, per il cugino Pjeter Lleshi, 21 anni, e per Anton Vlashi, 24 anni, residenti ad Antegnate, che hanno scelto la formula del rito abbreviato. E’ ancora da chiarire invece la posizione di Erjon Luli, ancora a piede libero in Albania, difeso dall’avvocato Benedetto Maria Bonomo.

Al presidio di martedì mattina, insieme all’assessore alla sicurezza della regione, Simona Bordonali, era presente anche l’onorevole Daniela Santanchè, oltre ad alcuni rappresentanti della politica bergamasca.

Come Giovanna Moleri, candidato sindaco della Lega Nord a Cividate e Giovanni Malanchini, sindaco di Spirano e responsabile degli enti locali della Lega Lombarda.

"Siamo al processo Raccagni per sostenere Federica, moglie di Pietro – il commento di Malanchini -. Niente sconti di pena per i tre delinquenti stranieri che lo hanno ucciso. La stagione dei saldi per gli assassini deve finire. Basta sconti. Sia chiaro a tutti, soprattutto al Governo che ha approvato gli svuota-carceri".

Un parere condiviso anche dall’onorevole Santanchè: "Siamo qui per chiedere la certezza della pena perché queste persone che si sono comportate da bestie, erano clandestini, già segnalati alle forze dell’ordine. Se avessi fatto rispettare le leggi non saremmo qui a piangere Piero Raccagni", ha commentato la parlamentare.

"Spero nel massimo della pena perché hanno ucciso un uomo onesto, un bravo marito e padre e sono qui perché queste cose non devono più accadere", ha commentato la vedova del macellaio di Pontoglio, Federica Raccagni. La prossima udienza è fissata per il 23 ottobre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    Pena dura e senza sconti! Se gli assassini fossero stati italiani però ho i miei dubbi che tali politici si sarebbero mobilitati: tutto fa brodo pur di raccattare consenso.

    1. Scritto da a

      Infatti a 4 km dalla casa di calderoli, dal marocchino accoltellato da due italiani, non ci saranno sicuramente omini verdi con la felpa a presidiare nulla… perché quella è stata una ragazzata… nessun pericolo…

      1. Scritto da elena

        Ognuno difende i suoi e mi sembra che così facciano anche gli stranieri…

        1. Scritto da giuseppe

          Sinceramente a me non va di essere accoltellato… Ne da un italiano ne da uno straniero.

        2. Scritto da pasquale

          i “miei” sono gli onesti, non gli italiani, non i lombardi, non i bergamaschi. e gli altri, quelli che considero i miei “nemici”, sono i disonesti… di qualsiasi colore.

        3. Scritto da a

          La difesa si fa nei tribunali. I presidi si fanno solo per raccogliere voti aprendo gli occhi e chiudendoli per misero opportunismo.

          1. Scritto da Alberto

            La difesa si fa con leggi severe e applicabili, non con provvedimenti aggirabili, amnistie e depenalizzazioni tipo quelle passate sotto silenzio del duo Alfano-Renzie…

          2. Scritto da giuseppe

            Ma in un Paese in cui le “aggravanti” diventano “attenuanti” cosa vogliamo pretendere. La certezza del Diritto non esiste! Anche perchè se esistesse metà di quelli che sono in Parlamento sarebbero in galera!

  2. Scritto da Alberto

    Eh sì, proprio una ricchezza l’immigrazione selvaggia e incontrollata…