BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Manca l’insegnante di sostegno Padre si incatena al cancello della scuola elementare

Il padre di una bimba disabile ha deciso di incatenarsi al cancello della scuola elementare della figlia, a Calolziocorte, per protestare con l'assegna dell'insegnante di sostegno.

Più informazioni su

"Ci sono 1.500 famiglie in tutta Italia nella stessa condizione. Vogliamo che il Governo si renda conto dei problemi che provoca e intervenga con modifiche". Il padre di una bimba disabile ha deciso di incatenarsi al cancello della scuola elementare della figlia, a Calolziocorte, per protestare con l’assegna dell’insegnante di sostegno. Elio Canino, questo è il nome dell’uomo, ha iniziato anche lo sciopero della fame. “La maestra di sostegno non c’era, era garantita solo la presenza di un educatore comunale, ma dopo appena un’ora l’insegnate è stata assegnata – dice- però la mia protesta continua perché purtroppo in Italia ci sono tantissime famiglie con bambini affetti da sindrome di down nella mia stessa situazione! E domani in qualche altra città italiana, qualche altro genitore farà la stessa cosa che ho fatto io, vogliamo far cambiare questa legge, non so se ci riusciremo per ora abbiamo smosso un po’ le acque”.

Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini ha si è schierato con lui: "Elio, papà di Giada, si è incatenato all’esterno della scuola elementare di Calolziocorte (Lecco). Protesta perché sua figlia, come migliaia di altri bimbi disabili, sarà in classe senza l’insegnante di sostegno. Un abbraccio a Elio e a Giada, un vaffa a Renzi e alla sua "Buona Scuola"", ha scritto Salvini su Facebook.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    Diciamo la verità è anche una questione di scelte politiche regiinali. La tanto decantata Lombardia sulla questione disabili a scuola e in generale da rrgioni come Veneto ed Emilia Romagna ne ha da imparare… Lo so xchè mia figlia è down ed è in 3 elementare!

    1. Scritto da realismo

      Vero, va bene. Nella storia non dimentichiamo che ci sono stati atteggiamenti drammatici verso l’handicap, come i Greci antichi che li buttavano giù per la rupe Tarpea. O altro di simile e di peggio, anche di recente…

      1. Scritto da giuseppe

        Che bip centra? Lo so benissimo che i nazisti i disabili li bruciavano nei forni! Se volete una società xfetta… Cercatela, se la trovate fatemi un fischio…

  2. Scritto da Andrea

    Solidarietà piena al sig. Elio ma chiederei a Matteo Salvini ( a cui mi sembra che il problema stia a cuore) di verificare anche la situazione del comune di Pontida (Lega Nord) dove il comune ha tagliato le ore degli assistenti educatori. Per cui oltre agli insegnanti di sostegno non hanno nemmeno gli assistenti per tutte le ore che la legge 104 prevederebbe per loro.
    Grazie

    1. Scritto da giuseppe

      Si vergognino!

  3. Scritto da Charles

    La scuola è un diritto, ed è inaccettabile che questocdiritto non venga garantito a tutti per via delle scarse finanze dello Stato. Lo stesso Stato che non ha i soldi per gli insegnanti di sostegno ai bambini disabili e poi spreca 150.000 di soldi pubblici per mandare il presidente del consiglio a vedere una partita di tennis a New York. Fa ridere poi Salvini che sciacallaggia appena può, come se la sua Lega non avesse mai governato negli ultimi 20 anni.

  4. Scritto da SERIO

    E’ facile schierarsi con Elio Canino quando il problema è risolto, Salvini. Quanto è facile scaricare il barile sempre su altri. Con un eurostipendio in tasca sempre a sputare nella mangiatoia. E provare a spendere tutti i soldi stanziati dalla UE, oltre ad accellerare l’accorpamento degli enti locali? Altro che autonomia.

  5. Scritto da page

    e aggiungo:
    1) bisogna riconoscere oggettivamente che 1500 famiglie (contate da Elio) su 28mln di famiglie italiane sono un piccolo numero
    2) che sono stati promessi cambiamenti ma non possono arrivare tutti e subito. Per alcuni arrivano prima, per altri dopo ma arriveranno. Se alla fine degli interventi di cambiamento la situazione sarà tale e quale allora sarà lecito lamentarsi. Ma non adesso. Adesso è il momento meno opportuno ed io, se vedo qualcuno che lo fa, ci vedo malizia politica.

  6. Scritto da page

    non è un tantino esagerato? capisco fossero mesi che si trova in questa situazione, ma la scuola è iniziata ieri.. dai.. Che lavoro fai Elio? Nella tua azienda funziona sempre tutto al top? Tu dai sempre il 100%? I tuoi clienti si incatenano al tuo primo ritardo? sii serio

    1. Scritto da felice lasupposta

      Page,
      fare commenti non è obbligatorio, ma sarebbe forse il caso che prima di farlo ci si informasse. Il problema degli insegnanti di sostegno non è del primo giorno di scuola, ma è da anni che si trascina. Ad ogni inizio di anno scolastico il personale è sempre insufficiente, aumentano le ore necessarie, ma diminuiscono quelle assegnate. Page, sii serio………se non sai, taci.

      1. Scritto da SERIO

        Sig. ‘lasupposta’, sia ragionevole, cosa le fa pensare che il Presidente della Lombardia non abbia trascurato di monitorare per tempo il fabbisogno di sostegno da affidare al caso in questione e intervenire immediatamente coi fondi che tanto decanta in odore di solidarietà.
        A cosa servono 8500 comuni e 21 regioni se non a occuparsi del territorio? O forse sarebbe ora di accorparli e coi risparmi pagarci l’insegnante di sostegno per Giada invece che poltronifici.

      2. Scritto da page

        certo certo.. mi sembra proprio una cosa sensata incatenarsi e non mangiare per quesa causa :)

      3. Scritto da Starnazzo

        Ma Page è una Renziana di ferro. Se al governo ci fosse stato Berlusconi, te la vedevo starnazzare su questo sito.