BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Lavori stradali a settembre, perché non ad agosto con le strade vuote?”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un automobilista, che ogni mattina si reca al lavoro a Bergamo. In questi giorni di inizio settembre, con la riapertura delle attività e delle scuole, si ritrova lavori stradali che provocano code e rallentamenti.

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un automobilista, che ogni mattina si reca al lavoro a Bergamo. In questi giorni di inizio settembre, con la riapertura delle attività e delle scuole, si ritrova lavori stradali che provocano code e rallentamenti.

Gentile redazione, 

vi scrivo per segnalarvi una situazione di disagio con la quale sono costretto a fare i conti in questi primi giorni di settembre.

Premetto che io sono un pendolare che ogni giorno si reca in città per lavoro da un paese dell’hinterland.

Ad agosto ho staccato per ferie solo pochi giorni a cavallo di Ferragosto, e quindi ho potuto notare come ci fossero pochissime macchine in giro. Una situazione non nuova, e ormai nota da diversi anni, con le scuole e le univesità chiuse, così come le attività lavorative. Una situazione piacevole per noi pendolari, che possiamo girare per strade quasi vuote.

Ma ecco che, a settembre, arriva il rovescio della medaglia. Con la riaperture delle scuole e delle attività lavorative, le strade – giustamente – tornano ad affollarsi di auto, mezzi pesanti e bus. Tutto nelle norma, non posso certo lamentarmi di questo.

Quello che trovo strano, per non dire assurdo, è che proprio in questi giorni siano iniziati una serie di interventi stradali che provocano notevoli rallentamenti e anche lunghe code. Potatura dell’erba ai bordi delle carreggiate, asfaltatura delle strade, e via dicendo. Lungo l’Asse interurbano, da Seriate in poi, come in centro città, all’altezza dell’incrocio tra via Maj e viale Papa Giovanni uno dei più caotici di Bergamo.

Mi chiedo, e chiedo a chi di dovere, non era meglio attuarli nel periodo agostano quando i veicoli in giro erano pochissimi e i disagi sarebbero stati inferiori?

Capisco anche che quelli che lavorano sulle strade abbiano diritto a un periodo di vacanza, e ci mancherebbe, ma non è meglio (come facciamo ad esempio dove lavoro io) organizzarsi e far slittare le ferie in altri periodi dell’anno?

Vi allego una foto scattata lungo il raccordo di Seriate che porta all’Asse interurbano, dove in questi giorni si viaggia su una corsia sola.

Grazie dell’attenzione". 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco P.

    Di lavori in agosto ne vengono fatti, vedi ad esempio le asfaltature in bergamo città. Da ricordare che per eseguire lavori stradali necessitano autorizzazioni e ordinanze che spesso per chiusure o rallentamenti nelle pratiche dei comuni vengono rilasciate non in tempi brevi. I lavori di riparazioni guasti poi si effettuano solo quando avvengono e quindi imprevedibili. Anche i nuovi allacciamenti si realizzano quando il richiedente è presente e non assente per ferie.

  2. Scritto da cua de paja

    Perchè abituati come siamo ad avere fragole e zucchine a Natale e aranche e mandarini a ferragosto ci siamo dimenticati che determinati lavoro devono seguire la stagionalità. Certo è seccante avere rallentamenti dovuti ai lavori ma se il taglio dell’erba avviene in stagione secca come lo scorso agosto con le prime piogge si è costretti a ripetere il taglio con i conseguenti costi. E poi se i lavoro vengono fatti ci lamentiamo … se non li fanno ci lamentiamo e …

  3. Scritto da L76BG

    vedere al mio paese..sistemazione tubature acqua, con relativa chiusura della stessa e della strada il primo giorno di scuola materna, naturalmente i lavori erano di fronte alla stessa (ed i bimbi senza acqua).

  4. Scritto da mattia

    Glielo dico io come mai non fanno i lavori ad agosto, perché se no non li vede nessuno, chiaramente la critica non è agli esecutori materiali degli stessi (volgarmente operai) ma chi fa gli appalti, SIAMO IN ITALIA, tutto all’incontrario, mio malgrado quotidianamente devo costatare il fatto che ogni secondo peggioriamo sempre più

  5. Scritto da mario59

    E chi ha detto al signore scrivente che gli operai che operano sulle strade, ad Agosto fossero in ferie? potevano benissimo essere su altre tratte stradali a fare lo stesso lavoro che stanno svolgendo ora nel tratto di strada posto in discussione.
    Lo so che crea noia e disagi dover stare fermi in colonna…consiglio al signore in questione, di alzarsi e partire mezz’ora prima…almeno finchè non termineranno i lavori.

    1. Scritto da civilization

      mi scusi ma il dubbio è lecito, e anche io girando per la città in agosto non ho visto tanti cantieri in corso sia in centro che fuori, comunque perché non lo passa a prendere lei mezz’ora prima?

    2. Scritto da Formica

      Confermo il disagio anche sulla Villa d’almè Dalmine con operatori senza un minimo di preparazione tecnica e macchinari non adeguati. Mi piacerebbe sapere,se non in ferie, dove erano impegnati i signori visto che ad agosto ho girato tutta la provincia e non li ho visti all’opera.