BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Già espulso ancora in Italia Denunciato senegalese domiciliato a Bergamo

Un senegalese domiciliato in provincia di Bergamo è stato denunciato a Lecco per la violazione della legge sull'immigrazione: era già stato espulso nel 2013, ora ha sette giorni per abbandonare l'Italia.

Stava bivaccando senza documenti nella zona del Monastero del Lavello a Calolziocorte e quando gli agenti della Polizia Locale lo hanno fermato e portato in Questura si è scoperto che avrebbe dovuto lasciare l’Italia nel 2013.

Protagonista della vicenda un uomo di nazionalità senegalese, domiciliato in provincia di Bergamo, che giovedì è stato sorpreso a bivaccare in una zona non consentita: agli agenti di polizia non è stato in grado di mostrare alcun documento ed è quindi stato accompagnato in questura a Lecco per il fotosegnalamento.

Fotosegnalamento che ha messo in mostra come il senegalese fosse già stato sottoposto a procedure simili anche in passato perchè sprovvisto di permesso di soggiorno: in questura è emerso anche un suo precedente specifico, ovvero un provvedimento di espulsione firmato dalla Prefettura di Lecco nel 2013, e per questo è scattata la denuncia per la violazione della legge sull’immigrazione.

La questura ha deciso di rimetterlo in libertà ma con l’obbligo di presentarsi, entro una settimana, all’aeroporto di Milano Malpensa per lasciare definitivamente l’Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    C’è da dire che il nostro caro stato ci garantisce piena sicurezza, fra clandestini ed irregolari espulsi col solo foglio di via ma ovviamente mai tornati al loro paese, e ladri e rapinatori che vengono liberati dopo 24 dall’arresto in flagranza di reato. Se fossi un poliziotto sarei moooolto demotivato…

  2. Scritto da tex

    …….rimetterlo in liberà con l’obbligo di presentarsi …………… ma solo nella repubblica delle banane e in una nazione in cui i delinquenti sono razza protetta possono emettere questi “provvedimenti” stato di m*******

    1. Scritto da page

      in effetti la cosa non ha molto senso..