BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Refugees welcome” In mille scalzi a Bergamo per i diritti dei migranti

E' la scritta comparsa sullo striscione che ha aperto la marcia di donne e uomini scalzi in strada per i diritti dei rifugiati. Quasi un migliaio a Bergamo hanno manifestato per chiedere un'accoglienza degna e rispettosa di tutti.

Più informazioni su

“Refugee welcome”. E’ la scritta comparsa sullo striscione che ha aperto la marcia di donne e uomini scalzi in strada per i diritti dei rifugiati. Quasi un migliaio a Bergamo hanno manifestato per chiedere un’accoglienza degna e rispettosa di tutti.

L’iniziativa è stata organizzata da Il Forum provinciale per l’accoglienza dei richiedenti asilo e sostenuta dai partiti di centrosinistra, da associazioni, sindacati, studenti, istituzioni, dalla Diocesi di Bergamo, con l’ufficio Migranti e l’ufficio per la Pastorale sociale. "È arrivato il momento di decidere da che parte stare. È vero che non ci sono soluzioni semplici e che ogni cosa in questo mondo è sempre più complessa. Ma per affrontare i cambiamenti epocali della storia è necessario avere una posizione, sapere quali sono le priorità per poter prendere delle scelte – si legge in una nota del Forum Provinciale per l’accoglienza dei richiedenti asilo -. Noi stiamo dalla parte degli uomini scalzi. Di chi ha bisogno di mettere il proprio corpo in pericolo per poter sperare di vivere o di sopravvivere. È difficile poterlo capire se non hai mai dovuto viverlo. Ma la migrazione assoluta richiede esattamente questo: spogliarsi completamente della propria identità per poter sperare di trovarne un’altra. Abbandonare tutto, mettere il proprio corpo e quello dei tuoi figli dentro ad una barca, ad un tir, ad un tunnel e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che ti respinge, ma di cui tu hai bisogno. Sono questi gli uomini scalzi del 21°secolo e noi stiamo con loro. Le loro ragioni possono essere coperte da decine di infamie, paure, minacce, ma è incivile e disumano non ascoltarle. La Marcia degli Uomini Scalzi parte da queste ragioni e inizia un lungo cammino di civiltà. È l’inizio di un percorso di cambiamento che chiede a tutti gli uomini e le donne del mondo globale di capire che non è in alcun modo accettabile fermare e respingere chi è vittima di ingiustizie militari, religiose o economiche che siano.  Non è pensabile fermare chi scappa dalle ingiustizie, al contrario aiutarli significa lottare contro quelle ingiustizie. Dare asilo a chi scappa dalle guerre, significa ripudiare la guerra e costruire la pace. Dare rifugio a chi scappa dalle discriminazioni religiose, etniche o di genere, significa lottare per i diritti e le libertà di tutte e tutti. Dare accoglienza a chi fugge dalla povertà, significa non accettare le sempre crescenti disuguaglianze economiche e promuovere una maggiore redistribuzione di ricchezze. Chiediamo con forza i primi tre necessari cambiamenti delle politiche migratorie europee e globali:

1. certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature;

2. accoglienza degna e rispettosa per tutti;

3. chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti;

4. creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di Dublino; Perché la storia appartenga alle donne e agli uomini scalzi e al nostro camminare insieme".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    non tutto il male viene per nuocere… E l’occasione storica per i tedeschi di togliersi dalla cosvienza i 5 milioni e passa di persone massacrate nei campi di concentramento. che la germania, quindi, ne ospiti 5 milioni!

    1. Scritto da giuseppe

      Invece per tutta risposta oggi al tg uno cosa dicono? La germania vuole cambiare il trattato di Shengen. Crucchi di m…..!

  2. Scritto da francesco

    senza scarpe perchè gli immigrati gli hanno rubato pure quelle.
    ipocriti, che se li pijassero in casa loro invece di fare i buonisti piagnoni coi soldi degli altri, o forse quelli che hanno protestato sono tutti affiliati pddini e delle care cooperative che si ingrassano le tasche a ogni finto profugo che arriva.

  3. Scritto da il polemico

    gente ridicola che manifesta per colmare qualche ora altrimenti passata nella noia….ci fosse stato uno di loro che si faceva avanti per dare ospitalità almeno ad una famiglia di illegali….vogliamo i vostri fatti,non le vostre parole

    1. Scritto da ester

      tu invece la noia la combatti scrivendo commenti di questo tenore su bergamonews? complimenti

  4. Scritto da giuseppe

    Situazione molto complessa e drammatica che va a scontrarsi con la nostre gravi difficoltà nazionali. Comunque quello che è successo in Ungheria con panini fatti volare sopra la testa di bambini donne e anziani è veramente vergognoso: ungheresi volete il muro? Ok, recintate tutto il vs. Confine e restateci dentro!

    1. Scritto da Maria

      Prima però che ci rimandino a casa i nostri industriali bergamaschi(MOLTI)che hanno portato la il loro lavoro e capitali…

      1. Scritto da giuseppe

        xfettamente d’accordo!

      2. Scritto da Luca

        È perché mai?

        Tornare n Italia Per farsi stritolare dal 60% di tasse ???

        È magari sottostare ai diktat dei sindacati che pensano a fare politica???

        1. Scritto da giuseppe

          D’accordo anche con te… È un mondo difficile!

      3. Scritto da giuseppe

        xfettamente d’accordo!

  5. Scritto da il collerico

    Ma i parlamentari erano con le scarpe!! ah ah

  6. Scritto da XXX

    E se questi”mille”ne prendessero in carico due o tre(rifugiati)a testa… No?!

  7. Scritto da jolly

    Quanta ipocrisia… Poi con i coinquilini non si salutano nemmeno in ascensore…. Che pena…

    1. Scritto da william

      E tu che ne sai, jolly? Povero diavolo, che pena mi fai..

  8. Scritto da nino cortesi

    Questi li hai provati sulla tua pelle, pensi che andandi avanti saranno diversi?

  9. Scritto da luca

    tante idee e confuse, nessuna soluzione concreta ma solo ideologia.
    solite facce in corteo, PD, sindacalisti, qulache extracomunitario cooptato, per fortuna i numeri dicono che Bergamo non la pensa cosi, 1000 persone in corteo…il 99% della città ha altri pensieri e altre priorità.

    1. Scritto da monica

      Anche quell’1%, cui mi onoro di appartenere, ha anche altri pensieri, ed è consapevole di aver rappresentato lì anche tanti altri che, ad una mobilitazione organizzata in tre giorni, non hanno avuto la possibilità materiale di partecipare. I pensieri, chi li pratica un po’, sa che non temono la compagnia – altrimenti sono ossessioni.

      1. Scritto da luca

        quando le manifestazioni le fanno le altre parti politiche siete sempre li a contare, voi invece eravate 1000 e rappresentate tutti i bergamaschi?
        leggi i giornali, i forum, vai nei bar e ti accorgi che il 90% dei bergamaschi è contrario a questo andazzo dei profughi.
        quindi ieri rappresentavate solo voi stessi, una sparuta minoranza.

        1. Scritto da william

          Dai luca, smetti di rosicare e di fare il bambino piagnucolone. E pure di sparare cifre a caso.

          1. Scritto da luca

            caro William vedo che ti affanni a rispondere a tutti, evidentemente il tema ti sta a cuore.
            bene apri il portafoglio e le porte di casa tua.

          2. Scritto da william

            Il portafoglio già lo apro e li porto a casa mia: Bergamo, Italia. E cambia disco (“portateli a casa vostra”, si possono avere altri argomentiw) e piagnucola di meno.

          3. Scritto da luca

            cambiare disco?
            mi pare logico ed evidente, se gradisci degli ospiti benissimo ospitali tu non imporli a chi non li vuole!
            ognuno a casa dei 1000 scalzi che sfilavano e il problema nella bergamasca è risolto.

          4. Scritto da francesco

            bergamo non è casa tua è casa dei bergamaschi e la maggioranza di loro non li vuole e tuoi cari finti profughi, per cui se tanto ci tieni ad averli pijateli in casa tua a spese tue, non con i soldi e le strutture degli altri. poveraccio.

  10. Scritto da Stupito

    Peccato che nel merito Grillo vada a braccetto con Salvini, su questi temi il M5* fa semplicemente schifo…. Cortesi sveglia!

  11. Scritto da nino cortesi

    Tutta l’enunciazione è purezza d’animo e pregevole intenzione.
    Poi tutti questi appoggiano il governo di tipo renziano che è la negazione assoluta di tutto questo.
    Con assoluta umiltà ma determinata certezza vi dico che senza un M5* mondiale o siete fessi o ridicoli con voi stessi.

    1. Scritto da Riccardo

      Ma certo, meglio Grillo che dice “Un clandestino è per sempre” 28/7, e: meglio mandarli via con “voli low cost da Lampedusa, e ciascuno scelga la destinazione che vuole” luglio 2014, e denuncia per scritto al sindaco Marino: “il rischio infezione dovuto a immigrati possibili portatori di tbc, hiv e altre temibili malattie infettive” settembre 2014 e, pochi giorni dopo: “vogliamo reimportare la tbc? Reimportiamola”. Pacatezza e buon senso…

    2. Scritto da Piero

      Sono furbi e non disinteressati. I disinteressati (eventualmente), sono circuiti e gabbati da conoscenti e amici con mani in pasta in strutture che guadagnano dai migranti e dai disperati della società. E’ così dappertutto! Ci sono ancora pie donne e uomini sinceri, ma maneggiati e usati dai furboni del pubblico impiego e associazionismo

      1. Scritto da william

        Già, degli ingenuottoli.. solo tu hai capito tutto.

        1. Scritto da Piero

          Esatto! Sei a corto di argomenti per controbattere?