BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Montello, tragedia evitata al passaggio a livello: sbarre non si erano chiuse

La prontezza di riflessi del macchinista ha evitato il peggio sulla linea ferroviaria Bergamo-Brescia: all'altezza di Montello le sbarre non si erano chiuse, treno fermato fino all'arrivo dei carabinieri.

Più informazioni su

La prontezza di riflessi è stata fondamentale perchè sarebbe bastato poco per rivivere una tragedia ancora negli occhi e nella mente di tutti: giovedì 10 settembre attorno alle 17 il macchinista di un treno Trenord, che viaggiava sulla tratta Bergamo-Brescia, all’altezza di Montello ha notato che le sbarre del passaggio a livello sul quale avrebbe dovuto transitare da lì a poco non si erano abbassate.

Una situazione di estremo pericolo perchè gli automobilisti avrebbero potuto pensare che la via fosse libera: il macchinista ha immediatamente rallentato la propria corsa e avvertito i carabinieri, giunti sul posto per tenere sotto controllo la situazione.

Il treno ha poi proseguito regolarmente la sua corsa verso Brescia, dove è giunto con 55 minuti di ritardo.

 

Un episodio simile si era verificato a luglio a Curno, quando al semaforo rosso del passaggio a livello non corrispondevano sbarre chiuse, e, soprattutto, a quello di Pontida del 7 novembre 2013: quel giorno, sulla linea Bergamo-Lecco, persero la vita padre e figlio che si trovavano a bordo di un’ambulanza travolta da un treno in corsa.

Questa volta a fare la differenza è stata la velocità d’azione e di pensiero del macchinista che, avvertito il pericolo, ha messo tutti al sicuro chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine: ancora da chiarire le cause del malfunzionamento del meccanismo. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Il giornalista dovrebbe darsi una calmata e moderare i toni.
    Parlare di “tragedia sfiorata” in presenza di semaforo rosso significa dire che tutti i giorni a Bergamo si sfiora la tragedia qualche migliaio di volte, presso gli attraversamenti a raso della TEB.

  2. Scritto da gigi

    Con tutto quello che la Regione paga per i “Vigilantes” si potrebbero introdurre molte migliorie al servizio tra cui dei banali collegamenti telematici tra sistemi di chiusura dei passaggi a livello e spie di segnalazione sulla motrice (oltre a qualche treno nuovo) … Ma a Trenord siamo al Medioevo leghista…

  3. Scritto da Giampaolo Rosa

    Sono transitato,attraversando in bicicletta quel passaggio a livello, sabato 5 settembre u.s.con un amico verso le 9 del mattino;provenendo dalla strada sterrata da Albano S.Alessandro;e mi era addirittura sembrato che non ci fossero (e non ci siano!)nemmeno particolari segnalazioni di detto passaggio a livello!

  4. Scritto da TT

    A questo Macchinista ferroviere andrebbe dato un encomio. Bravo é dir poco!