BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

DoReMix, la stagione lirica per tutti presentata al bar: nuova, giovane, accessibile

L'invito all'opera arriva all'ora dell'aperitivo: Francesco Micheli presenta così la Stagione Lirica 2015, capace di coniugare la qualità artistica e l'accessibilità economica, articolata nelle tre sezioni "DoReMix".

E’ un modo decisamente inusuale quello di Francesco Micheli, direttore artistico della Fondazione Donizetti, per invitare all’opera.

Intanto, la presenta al bar all’ora dell’aperitivo, rigorosamente offerto dai Caffé del centro cittadino, poi non declama progetti, cartelloni, repertori, produzioni. Il primo brindisi s’è tenuto al Bistrot Afrodita di Passaggio Canonici Lateranensi, i prossimi saranno il 17 settembre al Balzer, il 24 alla Domus Bergamo.

Micheli lascia che siano i curiosi, i passanti a rivolgergli le loro domande a tu per tu. E’ uno stile che fa sembrare la lirica e la musica classica argomenti da chat quotidiana. Se poi a porre quesiti sono prof di lettere o d’arte delle scuole medie e superiori, allora il direttore si entusiasma. Perché sono i giovani e i giovanissimi quelli su cui punta la sua attenzione.

"La novità più grande è che da quest’anno i bambini fino ai dieci anni entrano all’opera al prezzo simbolico di un euro", sottolineano dal suo staff. E Micheli precisa: "L’Elisir d’amore per i bambini, messo in scena già a giugno, ritorna per le scuole ed è già tutto esaurito". 

Quali le opere indicate anche per i più piccoli? A seconda dell’età, il "Don Pasquale" di Donizetti (in scena il 15 e 18 ottobre, anteprima studenti il 13), "La scala di seta" di Rossini (4 e 6 dicembre), o un dittico di danza composto da "Coppelia", un’opera brillante con danze di carattere popolare e musica di Leo Delibes  e "La stravaganza", un brano contemporaneo firmato dal coreografo Angelin Preljocaj, entrambi messi in scena dal Balletto dell’Opera di Tirana (11, 12 dicembre).  Per tutti, Micheli e Maria Grazia Panigada hanno studiato una "stagione lirica ricca e arredata" e un’accoglienza nel teatro cittadino "come in una casa". Un teatro che coniughi "la qualità artistica e l’accessibilità economica": per cui sono stati pensati abbonamenti a carnet che permettono anche di selezionare, a seconda dei gusti, solo percorsi d’opera o solo di musica sinfonica. 

Per chi si fosse perso il Donizetti Alive, l’opera diffusa negli spazi della Domus Magna di via Arena che ha riscosso successo negli scorsi mesi, lo spettacolo torna il 3 ottobre alle 20. 

La nuova stagione lirica di Bergamo, quindi, si avvia nel segno della "Donizetti Revolution". Gli eventi si articolano nelle tre sezioni espresse  in "DoReMix", dove Do sta per Donizetti Opera, Re per Repertorio, Mix per miscellanea di generi sperimentali e di attività non codificate, tra cui le visite musicate al Museo Donizettiano (19 settembre ore 21).

Il calendario degli eventi, "che arriva nella fredda stagione alla fase calda", prevede oltre ad altri titoli donizettiani e del grande repertorio come l’Anna Bolena (27 e 29 novembre) e Le nozze di Figaro di Mozart (6 e 8 novembre),  recital lirici e laboratori sulla vocalità donizettiana. 

Per consultare il programma: www.donizetti.org

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.