BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Al mercato arrivano i fichi d’India, un tesoro da scoprire

Al mercato ortofrutticolo orobico arrivano i fichi d'India. Alleati della dieta e del benessere, sono un prodotto tipicamente di nicchia e, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall'ambulante rappresentano una gustosa novità. Intanto, è giunta nel pieno la stagione delle susine e la prugna settembrina.

Un tesoro da scoprire. Non si possono che definire così i fichi d’India, puntualmente approdati al mercato ortofrutticolo orobico. Ricchi di proprietà benefiche per l’organismo, sono preziosi alleati della dieta e del benessere: prodotto tipicamente di nicchia, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia possono rappresentare una gustosa novità.

Provenienti principalmente da Sicilia e Puglia, hanno prezzi in media, che variano a seconda delle pezzature. Il loro consumo è utile, in modo particolare, per contrastare la fame nervosa, in quanto aiuta a regolare l’appetito grazie alla presenza di particolari fibre solubili che rallenterebbero l’assorbimento degli zuccheri dando senso di sazietà. Alcune ricerche hanno anche evidenziato che i fichi d’India sarebbero utili per controllare l’indice glicemico, ma anche per chi non è glicemico andando a ridurre l’assimilazione di zuccheri e grassi. Per questo spesso si dice che “aiuterebbero a dimagrire”.

Altra funzione importante è quella di favorire il movimento intestinale senza irritare le mucose, riducendo il rischio di emorroidi e migliorando l’assorbimento di vitamine e minerali. La polpa, poi, ha un forte potere antiossidante. Contenenti abbondanti minerali come potassio e magnesio, ma anche calcio e ferro, vitamina C, A e tiamina, sono utili nei casi di fatica e stress, concorrendo a riattivare l’equilibrio neuro-muscolare. E ancora, sono un ottimo alimento anti-cellulite in quanto agiscono sulla ritenzione idrica; esplicano un’azione anti-infiammatoria, idratano e sono utili a combattere il colesterolo.

A causa della presenza di piccoli semi, invece, il consumo di fichi d’India risulta controindicato per chi soffre di diverticolosi o coliti. In cucina si possono consumare semplicemente crudi, al naturale, ma vengono adoperati anche per preparare marmellate, creme e liquori, oppure per arricchire fantasiose insalate e ottime risotti, valorizzando il sapore della polpa.

Un consiglio: per sbucciarli evitando di pungersi con le spine occorre tenerli fermi con la forchetta e, con un coltello, tagliare le due estremità per poi inciderli per la sua lunghezza e farli rotolare sulla loro buccia.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo orobico, va annotato che è giunta nel pieno la stagione delle susine e della prugna settembrina, ottime per preparare marmellate e conserve, ma anche molti altri piatti, primi, secondi e dessert. La tipica prugna settembrina è piccola, lunga e scura, ma si possono reperire anche tante altre varietà. Disponibili in abbondanti quantità, con provenienza prevalentemente romagnola, si possono acquistare a prezzi abbordabili.

Anche pesche e nettarine, originarie principalmente dalla Sicilia, sono nel pieno della stagione: ci sono ottime varietà tardive, molto dolci, con notevole qualità e prezzi in linea col periodo. Contestualmente, sta entrando nella fase clou la campagna dell’uva, con la varietà Italia richiesta per la maggiore, ma anche la regina e la Pizzutella, con un positivo rapporto tra qualità e prezzo. Apprezzata da grandi e piccini, è un prodotto ricco di proprietà benefiche per l’organismo, antiossidante e depurativo.

Intanto, proseguono gli arrivi delle pere: sta entrando nel vivo la produzione di tutte le varietà, dalla Williams alle Abate passando per le Decana. La loro stagione è all’inizio e non c’è una gran disponibilità di prodotto, anche a causa delle grandinate che hanno colpito i luoghi di produzione, e i prezzi sono entro livelli accettabili di stagione.

Tra i nuovi arrivi, inoltre, ci sono anche le mele, specialmente quelle rosse e il primo Golden delle pianure.

Per quanto riguarda la verdura, per i cavolfiori si confermano quotazioni in lieve diminuzione, proporzionale all’aumento della disponibilità di prodotto, mentre cala anche il prezzo di mercato delle zucchine.

Rimangono stabili ma sostenute, invece, le quotazioni di radicchi rossi, indivia e scarola, a causa della ridotta disponibilità di questi prodotti sul mercato, dovuta al forte caldo dei mesi scorsi. Analogamente, infine, resta difficile la situazione dei pomodori: eccetto quelli da sugo tipo san Marzano, per le altre varietà (come il ciliegino o il datterino) gli areali produttivi nazionali non hanno gran disponibilità di prodotto e ciò si traduce in un inevitabile aumento del prezzo di mercato.

La ricetta della settimana a cura della nostre Amiche Sciroppate

Crostata sogno di fine estate

Ingredienti  

Frolla

370 g. di farina 00

200 g. di burro

130 g di zucchero 

1 uovo intero

1 cucchiaino di cannella in polvere  

Farcia

400 g. di ricotta

600 g di fichi d’india

100 g. di zucchero di canna

1 uovo intero  

Il viaggio inizia…

Il primo consiglio è:  fare la frolla con l’aiuto del robot da cucina, non perché non si possa fare a mano, ma rischiate di impastarla troppo e di renderla o secca o effetto plastica. Comunque gli ingredienti non cambiano qualsiasi strumento usiate per realizzarla.  

Il secondo consiglio è: il burro deve essere freddo, appena tolto dal frigorifero, diffidate da quelle ricette, che utilizzano burro a temperatura ambiente.  

Bene ora possiamo iniziare!!  

Unite farina e zucchero, il burro, l’uovo intero e la cannella in polvere, un colpo di frullatore e la frolla e fatta, vi accorgerete che la consistenza cambia da granulosa diventerà più compatta.  

Con l’impasto formate una palla  e avvolgetela con la  pellicola, fatela riposare per 30 minuti in frigorifero.  

Ricavate la polpa dei  fichi d’india, semini compresi, mettetela in una ciotola e con l’aiuto di una forchetta create una poltiglia.  

Mescolate la ricotta con lo zucchero e l’uovo fino ad ottenere una crema omogenea, che deve essere amalgamata alla polta di fichi d’india.  

Stendete uno strato di frolla  circa mezzo centimetro e rivestite una tortiera, ora trasferite il composto di ricotta e fichi nella scocca di frolla.  

Lascio la copertura alla vostra fantasia.  

Forno 180° statico per 50 minuti.  

Da servire fredda, ben si sposa con un buon passito.

Mi raccomando il primo boccone ad occhi chiusi e sarà in un lampo…. vacanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.