BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, quasi fatta per il nuovo palazzetto vicino al rondò delle Valli

La svolta è arrivata, per l'appunto, con l'avvio delle trattative con due gruppi imprenditoriali che sembrano essere interessati a realizzare il nuovo impianto.

Più informazioni su

Un nuovo palazzetto dello sport per la città di Bergamo. “Finalmente, era ora”, diranno i tifosi della Foppapedretti costretti ad ammirare le loro campionesse nel vetusto Palanorda. Per il Comune di Bergamo però la partita è sempre stata più difficile del previsto, soprattutto perché – a differenza del calcio – è quasi impossibile trovare privati pronti ad investire.

La svolta è arrivata, per l’appunto, con l’avvio delle trattative con due gruppi imprenditoriali che sembrano essere interessati a realizzare il nuovo impianto: cinquemila posti a sedere non solo per lo sport, ma anche per eventi, concerti e convention. Il tutto nell’area ex Ote, fabbrica dismessa dagli anni Novanta vicino al rondò delle Valli.

Palafrizzoni, che con gli attuali bilanci non può permettersi l’investimento, potrebbe replicare il modello palaghiaccio o, in prospettiva, stadio: i costi vengono sostenuti dal privato che può guadagnare dalla gestione dell’impianto e dalla concessione di volumetrie da parte del Comune. La stretta di mano tra le due parti non è ancora arrivata, anzi sindaco e Giunta mantengono stretto riserbo sui passi in avanti fatti nelle ultime settimane. Dalle poche informazioni trapelate sembra che l’assessore alla Riqualificazione urbana Francesco Valesini abbia strappato la disponibilità di massima degli imprenditori attraverso la sottoscrizione di un impegno formale. Paradossalmente il silenzio di Valesini è un segnale: quando scompare per qualche tempo – il caso Montelungo insegna – bolle in pentola qualcosa di grosso, proprio come il progetto del nuovo palazzetto, atteso da tanti anni.

Nel 2013 Gori, da presidente dell’associazione InnovaBergamo, aveva puntato tutto sull’area Reggiani ed ex Ismes, vicino allo stadio. L’ipotesi però non ha trovato seguito, ma l’ex Ote non si discosta molto dalla linea tracciata due anni fa: “Gli impianti contemporanei consentono di superare la mera funzionalità sportiva e possono diventare, come accaduto in molte città europee, veri e proprio poli di vitalità, integrando funzioni culturali, sociali, commerciali e ricettive nel medesimo edificio – si legge nella nota firmata da Gori nel 2013 -. Non è più immaginabile e nemmeno auspicabile che al posto delle industrie sorgano generici edifici residenziali e commerciali, a fronte di un mercato immobiliare ormai saturo e di una forte domanda di qualità urbana proveniente dai cittadini e dai comitati”. E ai privati: “Chiediamo di fare la loro parte, con coraggio imprenditoriale e piena consapevolezza del valore pubblico del loro operato. Al Comune invece il compito di guidare questa visione ambiziosa, svolgendo quel ruolo di regia che in questi anni sembra essere mancato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tex

    già che ci siamo potevano farlo a porta nuova !!

  2. Scritto da andrea

    Treviglio dispone già di un bellissimo palazzetto polivalente dove si svolgono gare di serie A2 di basket che vedono impegnate la Blubasket Treviglio oltre ad eventi vari di tipo musicale o fieristico: vi apettiamo, sarete i benvenuti

    1. Scritto da Claudia Locatelli

      …ma nel palazzetto di Treviglio ci piove dentro…direi che forse è meglio questa nuova soluzione…

    2. Scritto da eugenio

      piu impianti ci sono meglio ancora e poi bergamo si deve dotare di una impianto degno del suo nome

  3. Scritto da Alberto

    L’idea sembra buona, oltretutto riqualificare zone già cementificate è la soluzione migliore, invece che consumare altro terreno libero. Come detto da altri, speriamo venga studiata per bene ogni problematica legata alla viabilità.

    1. Scritto da Antonio

      Bravo Alberto! Concordo !

  4. Scritto da Miles Teg

    Potrebbe anche essere una buona idea, bisogna vedere se il progetto comprende idonee soluzioni per la viabilità.

    1. Scritto da Gigi

      Se non sbaglio è confinante con il tram delle valli

  5. Scritto da incompreso

    La viabilità sarà la chiave del successo dell’operazione. C’è da auspicare che il progetto comprenda proposte innovative. Personalmente, spero che il nuovo Palazzetto, se si farà, non sia raggiungibile solo (o principalmente) con l’automobile privata.

    1. Scritto da Jack

      proprio lì davanti c’è la fermata teb

  6. Scritto da bene, bravi

    benissimo così anche questa parte della città godrà del Nuovo Ordine Cittadino e della relativa parola d’ordine “Casino a gò gò”

    1. Scritto da Pluto

      NIMBY

  7. Scritto da Sergio

    bellissima notizia, purchè non si vada a rendere ancora più difficile la situazione parcheggi e traffico domenicale della zona in caso di concomitanza con partite dell’Atalanta…