BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“A Ogna il bus costa 85 euro in più di Villa” Comune sul piede di guerra

Gli studenti che prendono il bus a Ogna pagano 85 euro in più di abbonamento in più rispetto a quelli di Villa.

Due fermate a poche centinaia di metri di distanza, nello stesso Comune, con una differenza di costo impressionante. Gli studenti che prendono il bus a Ogna pagano 85 euro in più di abbonamento in più rispetto a quelli di Villa. L’amministrazione da anni cerca di risolvere il problema, ma finora non è stato possibile trovare una soluzione. Ora l’ultimo appello da parte del Comune: “Con l’inizio dell’anno scolastico il Comune di Villa d’Ogna si ritrova a fronteggiare l’incresciosa situazione che ormai da anni coinvolge il servizio di trasporto scolastico per gli studenti delle scuole primarie di secondo grado e di quelle secondarie – si legge nel comunicato firmato dal sindaco Angela Bellini -. Il trasporto garantito dalla ditta Sab infatti applica due tariffe differenti all’interno del comune, per fermate oltretutto relativamente vicine e comunque all’interno del perimetro del centro abitato. Gli studenti che usufruiscono del servizio presso la fermata in località Ogna pagano, ad oggi, un abbonamento annuale maggiorato di 85 euro rispetto ai compaesani che prendono il pullman alla fermata successiva di Villa. L’amministrazione di Villa d’Ogna ritenendo questo stato delle cose inaccettabile e facendosi garante dei propri cittadini ha inviato nei giorni scorsi una lettera di sollecito all’assessore regionale alla Mobilità, Alessandro Sorte, e al consigliere provinciale delegato alla Mobilità Mauro Bonomelli affinché intervengano a sanare, in tempi brevi, questa anomalia di fatto ingiusta e discriminatoria. Sarà premura dell’amministrazione comunale monitorare lo sviluppo della situazione al fine di poter risolvere in tempi brevi e in modo definitivo questa spiacevole situazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ct

    1) c’è sempre un confine, e c’è sempre il più vicino al confine che subisce la “beffa” dell’aumento;
    2) “poche centinaia di metri” a piedi permettono a studenti e normodotati di scegliere la fermata che costa meno, no?(se non erro anziani e disabili dovrebbero avere diritto a riduzioni/tessere gratuite)

  2. Scritto da PS

    E guarda caso coloro che vi hanno”passato”questa grande notizia(valleSnews)hanno omesso anche loro di scrivere dei ritrovamenti di metalli pesanti ad Albino…

    1. Scritto da Timogn/3

      Oggi anche valleSnews ha provveduto… Il sindaco”getta acqua sul fuoco”intanto però revoca concessioni edil,non si sa mai…! Adesso tocca a voi!

      1. Scritto da Timogn/4 e po basta

        Avrete letto anche voi che la Valle Seriana in prov di BG ha il primato del più alto tasso di Tumori. Come mai po…? Lè mia bèl lè mia bèl!

  3. Scritto da Timogn

    É si,é un grosso probblema camminare per 500m in più può rovinare la vita… Ed invece i metalli pesanti,Zinco,Cadmio,Mercurio,Piombo,Arsenico,trovati durante delle trivellazioni ad Albino Comenduno a pochi passi dalla ciclovia della Valle Seriana;quelli c’ela allungano!