BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Schiamazzi al parco dopo l’orario di chiusura: 8 ragazzini multati a Dalmine

Il gruppo di minorenni si trovava all'intero del parco che divide largo Europa da via Fermi, nel centro di Dalmine, quando i carabinieri sono dovuti intervenire dopo le segnalazioni arrivate dai residenti della zona. Ai genitori hanno presentato una multa di 75 euro.

Più informazioni su

Otto ragazzi, tutti minorenni, sono stati multati a Dalmine per essere stati trovati in un giardino pubblico dopo l’orario di chiusura. Il fatto è avvenuto un mese fa, ad inizio agosto, nel parco che divide largo Europa e via Fermi nel centro del paese, ma è stato messo in risalto solo nella giornata di lunedì 7 settembre, quando il padre di uno dei protagonisti ha reso pubblico l’accaduto con un post sul gruppo Facebook "Sei di Dalmine se…" sotto al quale si è aperta una lunghissima discussione.

Motivo della diatriba la polemica che alcuni dalminesi hanno fatto nascere contro la decisione delle forze dell’ordine di multare i ragazzi: "Hanno avuto la sola colpa di essersi trovati nel parco 25 minuti dopo l’orario di chiusura", hanno scritto i difensori dei minorenni, che hanno anche denunciato: "Dei tre ingressi del giardino, solo due hanno esposti gli orari di apertura e chiusura dello stesso. I ragazzi potevano non sapere che era chiuso". Ma dalla caserma dei carabinieri le spiegazioni parlano soprattutto di "schiamazzi": "Nessuno è mai stato multato per essersi trovato in uno spazio pubblico dopo l’orario di chiusura – spiegano i carabinieri di Dalmine -. Quel gruppo di ragazzi era già stato segnalato dai residenti che si lamentavano per gli schiamazzi notturni che arrivavano dal parco".

Il gruppo di minorenni è tornato quindi a casa con una multa molto salata, di 75 euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daniele

    Sono andati al parco anziché fiondarsi ad alcolizzarsi nei locali, vi lamentate e gli fate la multa. Vanno a divertirsi in discoteca e si prendono pastiglie, vi stracciate le vesti. Se ne stanno chiusi in casa a giocare con la playstation: li accusate di essere apatici e senza interessi.
    Immagino che alla loro età voialtri passaste le serate estive in preghiera, nella clausura della vostra stanzetta…

    1. Scritto da pablo

      trasgredire le regole è normale quando si è ragazzi (io, che oggi “predico”, l’ho fatto tantissime volte). ma l’importante è essere consapevoli di quel che si sta facendo… ed essere pronti a pagarne le conseguenze (anche in famiglia) quando si viene pizzicati. le cose dovrebbero funzionare così, perchè ci sia un processo educativo virtuoso, invece oggi i genitori sostengono (quasi) sempre le azioni dei figli, che quindi si sentono di poter trasgredire e restare impuniti. andiamo male.

  2. Scritto da redeyetie

    Bravi! Bene! Bis! Quando nello stesso comune in questione l’oratorio organizza la propria festa e per una settimana non si dorme per la musica alta fino a mezzanotte e mezza è tutto a posto. Quando le campane suonano a festa a qualsiasi ora del giorno e della notte è tutto ok. Regole sì. Ma per tutti uguali. O qualcuno è più uguale di altri….?

  3. Scritto da Gabriella

    Ragazzi maleducati figli di genitori maleducati incivili arroganti sempre pronti a giustificare le malefatte dei pargoli che da loro hanno iimparato a frregarsene del prossimo del bene pubblico delle autorita’
    Ce ne sono a frotte in tutto lo stivale.Che si aspetta ad inasprire le punizioni e i rimedi?mala tempora currunt.

  4. Scritto da Lino

    venivate a Bergamo sugli spalti festa di S.Agostino oltre la musica a alti livelli vi divertivate pure senza rimproveri e multe….a Bergamo tutto è permesso

  5. Scritto da Vikingo62

    Settantacinque euro di multa e basta ? In questi casi multa di 500 euro con possibilità di commutazione in lavori di manutenzione del parco assieme ai genitori che li difendono !!! Magari si impara ad essere più civili e scegliere i posti giusti dover potersi sfogare.

  6. Scritto da assurdo

    purtroppo i genitori d’oggi (non tutti per fortuna) sono i primi “diseducatori dei figli”. Quando ero piccolo e combinavo una qualsivoglia marachella e venivo punito l’ultima cosa che mi veniva in mente era di raccontarlo a casa perche’ nessuno mi avrebbe chiesto se avessi avuto ragione o meno, ma mi sarei sorbito una bella lavata di capo (e oltre) a prescindere. Non capiscono che prendere le loro difese li “autorizza” a combinarne altre tanto il mio papi-mami mi difenderanno sempre..

  7. Scritto da ct

    con 75 euro ci andavano due volte in discoteca: staranno a casa due sabato sera, chissà che non serva a responsabilizzarli un po’

  8. Scritto da gigi

    Schiamazzi notturni in salsa bergamasca significa 22,00-23,00. I primi di agosto, con tanta gente ancora fuori e le numerose manifestazioni anche musicali in corso qualcuno e’ riuscito a distinguere gli schiamazzi dei ragazzini.

  9. Scritto da maurizio

    Olè. La colpa è dei carabinieri, dei vigili, di quelli che non sopportano gli schiamazzi fuori orario nel paro pubblico, del comune che non mette i cartelli di giuste dimensioni, magari in tre lingue oltre all’arabo, all’albanese, al sudamericano ecc. MA MAI DEI RAGAZZI E MEN CHE MENO DEI GENITORI. Povera Italia

  10. Scritto da civilization

    niente di nuovo, se lei non abita vicino al parco, a quanto pare quando sono intervenuti anche loro hanno constatato e multato. e come al solito i genitori fanno prima a lamentarsi con gli altri piuttosto che dei loro figli.

  11. Scritto da cip

    La solita storia, una volta i ragazzi avrebbero ricevuto ulteriori mazzate dai genitori , oggi invece questi giustificano i loro bimbiminchia beccati a fare casino dai carabinieri. Inoltre i genitori si sarebbero profondamente vergognati e avrebbero chiesto scusa, altro che pubblicizzare su fb la bravata dei loro pargoli

  12. Scritto da Alberto

    Avranno scavalcato la recinzione, no?
    In questo caso sarebbe più che sensata la multa…

  13. Scritto da tino

    Niente di nuovo dalla terra orobica. In piena estate. Dopo cena (suppongo) qualcuno non è abbastanza sano da sopportare gli schiamazzi di adolescenti.

    1. Scritto da Gio.An.

      In molti purtroppo confondono la propria libertà (come quella di fare baccano.?.) con il mancato rispetto dell’altrui libertà (di stare tranquilli almeno a casa propria..), rispetto alla base di qualsiasi convivenza civile.
      Gli schiamazzi dovrebbero essere avvenuti dopo le 23 e non dopo cena (non so se lei cena a quell’ora..) ossia a tempo debito per dormire o riposarsi: ciò appare dal regolamento comunale.Ma il problema non sono i ragazzi ma gli adulti a cui spetta dare il buon esempio….

    2. Scritto da pablo

      niente di nuovo dalla terra orobica. tutti a lamentarsi e indignarsi quando gli altri che non rispettano le regole… ma quando siamo noi (o i nostri figli) a non rispettarle, allora sono le regole ad essere sbagliate!

    3. Scritto da Alkod

      o sono insani quelli che mancano di rispetto a chi ha il sacrsanto diritto di riposare? Quello che punta il dito è sempre il colpevole. Satana significa accusatore.

    4. Scritto da roberta

      La cosa grave a mio giudizio è che vi siano persone adulte, come il commentatore “tino” e i genitori dei ragazzi, che invece di cogliere l’occasione per fare una sana riflessione sul proprio ruolo genitoriale/educativo preferiscono cambiare argomento e lamentarsi del fatto che le forze dell’ordine abbiano fatto rispettare la legge applicando una sanzione proporzionata al fatto (cioè di lieve entità ma pur sempre sanzione).
      Tino, ti mancava sol di dire: “c’è ben altro di cui occuparsi”…