BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Formaggio senza latte? Tutta la Provincia dice “no” e firma petizione Coldiretti

Il Consiglio Provinciale di Bergamo ha detto “No al formaggio senza latte” e ha sottoscritto la petizione proposta da Coldiretti per tutelare il Made in Italy agroalimentare e la distintività della filiera lattiero-casearia.

Più informazioni su

Il Consiglio Provinciale di Bergamo ha detto “No al formaggio senza latte” e ha sottoscritto la petizione proposta da Coldiretti per tutelare il Made in Italy agroalimentare e la distintività della filiera lattiero-casearia. La firma è stata apposta da tutti i consiglieri al termine della discussione che si è tenuta nel corso della seduta di martedì 8 settembre per iniziativa del consigliere delegato all’agricoltura Demis Todeschini.

“Il nostro sostegno è stato unanime – sottolinea Todeschini – perché rendere possibile l’impiego della polvere di latte vorrebbe dire assestare un duro colpo al nostro patrimonio caseario, frutto delle nostre tradizioni più antiche e della capacità dei nostri allevatori. Inoltre, significherebbe aumentare la dipendenza del nostro Paese dall’estero con la chiusura delle stalle, la perdita di posti di lavoro ed il venir meno del presidio dei nostri territori. Il pressing che sta esercitando Coldiretti necessita dell’impegno di tutti al fine di tutelare i cittadini, difendere la qualità e la varietà delle nostre produzioni nonché l’eccellenza del vero Made in Italy”.

La petizione promossa da Coldiretti chiede l’impegno del Governo e del Parlamento affinché garantisca la legge vigente n. 138 dell’11/4/74, che vieta le detenzione e l’utilizzo di latte in polvere, latte concentrato e latte ricostituito per la fabbricazione di prodotti lattiero caseari destinati al consumo umano.

“Accogliamo con favore l’impegno del delegato Demis Todeschini e dei Consiglieri provinciali e li ringraziamo per il sostegno alla nostra battaglia – sottolinea Coldiretti Bergamo -; stiamo lavorando nell’interesse non solo dei produttori ma di tutti i cittadini perché c’è in gioco il primato internazionale nella qualità e nella varietà della produzione dei nostri formaggi ed è concreto il rischio di aprire le porte alle frodi e danneggiare i consumatori con l’invasione di prodotti di basso standard qualitativo e con sapori omologati. Per dare un’idea di quello che potrebbe succedere, basti pensare che con un chilo di polvere di latte è possibile produrre ben 15 mozzarelle o 64 vasetti di yogurt tutto con lo stesso identico sapore”. Chi desidera firmare la petizione si può recare presso gli uffici di Coldiretti Bergamo presenti sul territorio provinciale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pierre

    Grazie europa

  2. Scritto da pablo

    leggendo i vostri commenti sembra che la notizia sia “l’UE vieta la produzione di formaggio con latte ed impone l’utilizzo di quello in polvere”.

    1. Scritto da formai de mut

      non è questo ovviamente. Semplicemente chi produce formaggi con latte non riuscirà a reggere questo tipo di concorrenza avendo costi maggiori e quindi molti saranno costretti alla fine a chiudere i battenti. Di conseguenza se vorrai mangiare formaggio degno di questo nome o ti prendi una mucca e te la metti in giardino o vai in un alpeggio e spera ci sia rimasto ancora qualcuno.

  3. Scritto da Luca Lazzaretti

    Nel dubbio basta mangiare formaggi DOP possibilmente da caseifici conosciuti. Ce ne sono tantissimi.

  4. Scritto da Magister

    Ma ci rendiamo conto la politica assogettata agli interessi di qualcuno cosa ci propone e dove ci vuol portare? E’ talmente improponibile una legge del genere per qualunque persona che abbia un minimo di coscenza del vero e del naturale che non andrebbe nemmeno presa in considerazione, ormai la maggioranza delle persone è cosi apatica gli puoi proporre qualunque cosa, discutono di argomenti che andrebbero rifiutatati senza dubbi, tutti allegri verso un mondo virtuale!

  5. Scritto da lu

    Oggi il formaggio, ieri il vino e la carne, domani la pasta e chissà cos’altro ancora. Quando faranno chiudere i battenti anche ai pochi, e mi permetto di aggiungere eroici, produttori nostrani che ci sono rimasti finiremo col nutrirci solo di schifezze. Grazie Europa!

  6. Scritto da Miles Teg

    Coldiretti continua a mentire spudoratamente: NON verrà mai prodotto formaggio senza latte, la polvere di latte verrebbe usata per standardizzare il contenuto proteico e di grasso della materia prima. E attenzione, da sempre in Italia è vietata la produzione ma non la vendita di formaggio ottenuto usando ANCHE polvere di latte, quindi nei supermercati la gente lo compra e lo mangia già da anni senza problemi. E il fatto di standardizzare il sapore è una richiesta del consumatore!

  7. Scritto da caseificamus

    In Italia è sempre stato vietato produrre formaggio da latte in polvere. Però è lecito comperare la cagliata prodotta in Germania con latte in polvere e trasformarla in formaggio made in Italy…

  8. Scritto da Loredana Facoetti

    Salvaguardiamo i nostri produttori e le nostre eccellenze

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Se i produttori continueranno a fare buon formaggio con ingredienti di qualità a prezzi equi, saranno i consumatori a garantire la loro salvaguardia. Si chiama mercato.

  9. Scritto da Loredana Facoetti

    Salvaguardiamo i nostri produttori e le nostre eccellenze

  10. Scritto da riccardo

    Il problema è che quando un formaggio è stato fatto con le polverine ci sia scritto chiaramente sull’involucro e il consumatore sia avvisato.

  11. Scritto da Radames

    Siamo contrari al formaggio senza latte, l’U.E vuole imporre il latte in polvere solamente perché la Germania e principale produtrice superando le quote previste . All’expo di Milano,in presenza dell’onorevole Giovanni Sanga ho fatto ricordare in modo ESPLICITO che il formaggio e FATTO CON LATTE DI VACCA e di CAPRA.Come rappresentate della comunità bergamasca nel UK,siamo contrari al latte in polvere se questo dovesse avvenire NOI BOICOTTEREMO I PRODOTTI TEDESCHI E FRANCESI.

    1. Scritto da toti

      se si dovesse usare latte in polvere, non mangerei più i formaggi privi di sapore. Quelli italiani sono i migliore del mondo intero.

  12. Scritto da formai de mut

    In parole povere Bruxelles decide che per adeguarci alle schifezze in uso negli altri Paesi europei dobbiamo permettere anche noi la produzione del formaggio «zero latte». Del resto la cosiddetta Europa ha già dato via libera al cioccolato senza cacao, al vino senza uva e alla carne annacquata. Assurdo e ridicolo se dietro non ci fosse il solito gioco di assecondare le lobby per abbassare gli standard qualitativi dei nostri prodotti. Bene l’iniziativa della Provincia a favore di Coldiretti.

    1. Scritto da Jack

      E’ anche vero che uno è libero di mangiare cioccolato senza cacao.