BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Yara, trovato sugli slip un terzo profilo genetico” Venerdì riparte il processo

E' la rivelazione del genetista forense Marzio Capra, del pool difensivo di Massimo Giuseppe Bossetti, in carcere da oltre a un anno per la morte della 13enne di Brembate Sopra

"E’ stato trovato un terzo profilo genetico sugli di Yara". E’ la rivelazione del genetista forense Marzio Capra, del pool difensivo di Massimo Giuseppe Bossetti, in carcere da oltre a un anno per la morte della 13enne di Brembate Sopra. Un colpo di scena a soli tre giorni alla ripresa delle udienze, fissata per venerdì 11 settembre alle 9,30, quando saranno chiamati a testimoniare i genitori di Yara.

Ex vicecomandante del Ris di Parma, docente alla Statale di Milano, già consulente scientifico della famiglia di Chiara Poggi, Marzio Capra ha rivelato al settimanale Oggi che sugli indumenti intimi della ragazzina sarebbe stato trovato un terzo profilo genetico del quale nessuno aveva mai parlato.

"È un pozzo dei misteri la traccia genetica trovata sugli slip di Yara che ha portato alla incriminazione di Massimo Bossetti. Oggi scopriamo che in quella traccia non c’è solo il Dna nucleare di Bossetti inspiegabilmente privo del suo mitocondriale, sostituito, non si capisce come mai, da quello di Yara. Una anomalia impossibile in natura".

"Ma è comparso anche un terzo Dna. Si tratta di un altro profilo mitocondriale. Non si sa a chi appartenga. Nessuno si è preoccupato di scoprirlo. E il nucleare che lo doveva accompagnare dove è finito? La stessa traccia genetica contiene quindi un Dna nucleare e due mitocondriali di tre persone diverse. Una mostruosità scientifica mai vista perché contro natura. C’è una sola spiegazione: la cancellazione selettiva. Fatta da chi? Qualcuno ci ha messo le mani? Perché? No, mi rifiuto di pensarlo".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.