BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla Street Parade di Zurigo con la droga nascosta nei panini: 25 segnalati

I giovani, anche bergamaschi, hanno cercato di occultare la sostanza stupefacente in panini farciti, birre confezionate, trousse per trucco, personal computer, macchine fotografiche e smartphone, ma ciò non è bastato per fermare il fiuto del cane antidroga “Haila”.

Avevano studiato diversi modi per occultare la droga, come nasconderla nei panni o nei personal computer. Ma gli agenti della Guardia di Finanza di Como hanno disposto un posto di blocco all’altezza del casello autostradale di Grandate, dove hanno sequestrato circa due etti di svariate sostanze stupefacenti (hashish, marijuana, cocaina, ecstasy, chetamina e metanfetamina), nei confronti di numerosi giovani, anche bergamaschi, diretti alla “Street Parade” di Zurigo, seconda technoparade in Europa per numero di partecipanti. E’ il bilancio dell’operazione dei baschi verdi comaschi di sabato 29 agosto.

I finanzieri, coadiuvati dalle unità cinofile del Gruppo di Ponte Chiasso, hanno controllato 70 autovetture, 12 camper e 25 autobus con a bordo più di mille ragazzi provenienti da Bergamo, Roma, Milano, Torino, Bologna, Firenze, Rimini, Ancona, Frosinone, Brescia, Pisa e Napoli.

Tra questi, 25 sono stati segnalati amministrativamente alle Prefetture territorialmente competenti e uno all’Autorità Giudiziaria comasca.

I giovani hanno cercato di occultare la sostanza stupefacente in panini farciti, birre confezionate, trousse per trucco, personal computer, macchine fotografiche e smartphone, ma ciò non è bastato per fermare il fiuto del cane antidroga “Haila”.

Nel corso dell’operazione è stata scoperta anche la “contraffazione” delle sostanze stupefacenti da parte di due ragazzi di origine napoletana trovati in possesso di “false” pastiglie di ecstasy. Le analisi effettuate con il narcotest hanno confermato la presenza solo di zucchero e farina nelle pastiglie che, se vendute, avrebbero fatto guadagnare più di 10.000 franchi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.