BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lega e Pd per l’autonomia, Forza Italia spiazzata rimane fuori dai giochi

Prendere le distanze dal Pd per riallacciare i rapporti con la Lega Nord senza sapere che il Carroccio stava lavorando dietro le quinte all'alleanza con il centrosinistra nel segno dell'autonomia.

Più informazioni su

Prendere le distanze dal Pd per riallacciare i rapporti con la Lega Nord senza sapere che il Carroccio stava lavorando dietro le quinte all’alleanza con il centrosinistra nel segno dell’autonomia. Mai dare nulla per scontato: se ne sono accorti i vertici di Forza Italia Bergamo che settimana scorsa hanno assistito impotenti al corteggiamento tra il presidente della Provincia Matteo Rossi, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

In soli sei giorni Lega e centrosinistra hanno dato vita a un’inedita collaborazione per cercare di ottenere più autonomia e risorse dal governo anche senza la prova di forza del referendum (leggi qui). La stretta di mano nell’ufficio di Rossi e la dichiarazione di Maroni (“referendum non a prescindere se si ottengono risultati”) sono un segnale chiaro. La foto scattata in via Tasso è un significativa anche per le assenze: la Lega c’è (anche con il segretario Daniele Belotti), il Pd c’è, c’è anche il Nuovo Centrodestra con il consigliere regionale Angelo Capelli. Forza Italia invece no.

Dov’erano i “traghettatori” Gregorio Fontana ed Enrico Piccinelli? In un hotel del centro città, impegnati in una riunione convocata in vista dei congressi comunali in programma nei prossimi mesi. Altro segnale per il partito: all’appuntamento hanno partecipato solo cinque referenti delle amministrazioni.

Solo poche settimane fa Fontana e Piccinelli hanno inviato una lettere a tutti gli iscritti pochi giorni dopo aver preso il posto del coordinatore dimissionario Alessandro Sorte: “Dobbiamo lavorare per ricostruire un centrodestra che collabori con la Lega ma che dalla Lega sia ben distinto, anche per ridare una motivazione e riportare al voto quei tanti moderati che, anche da noi, hanno scelto la strada dell’astensione, consegnando molti Comuni, compreso il capoluogo, alla sinistra. Anche la collaborazione fra noi e il PD nella gestione della Provincia, nata non certo da una convergenza politica ma dalla volontà di operare come protagonisti in favore del nostro territorio, dovrà essere oggetto nei prossimi mesi di una profonda riflessione”.

Forza Italia voleva staccare la spina, invece l’ha riattaccata la Lega. E gli azzurri sono rimasti al buio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da GIACOBBE

    La figura di cioccolataio, la sta facendo il compagno SORTE.
    dopo aver contribuito alla nomina di Rossi Presidente della Provincia, ora stanno prendendo per i fondelli gli iscritti a FI.
    Dopo la riunione carbonara per la nomina di ZANGA a coordinatore provinciale, che segreteria; Paolo Franco, Benigni, Lobati, Zanga, ,Auguri compagni di FI

  2. Scritto da Magister

    Perchè il PD adesso è favorevole o solo alcuni battitori liberi se ne escono con queste posizioni quanto vere tutto da vedere, faccia una chiara dichiarazione il PD non in politichese, dica che l’autonomia la vuole per tutti i comuni della provincia non per quello di Bergamo e per Rossi a cui ricordo di non essere stato eletto dalla gente, vuole l’autonomia del suo Ente morto per esercitarla sui Comuni? E’ lui la comparsa gli altri sono stati eletti!

  3. Scritto da SERIO

    Brutto spettacolo questi continui giochetti a screditare i “colleghi” politici anzichè entrare nel merito delle questioni in un momento in cui altrove (dalla Germania all’Autria) invece che parlare di confini e autonomie si confrontano su solidarietà e ospitalità.

  4. Scritto da Guglielmo

    ahahahah diciamolo chiaramente il tandem fontana benigni lobati è fallimentare e la scarsa parrteciapazione all’evento lo ha dimostrato…

  5. Scritto da giuseppe

    In realtà Forza Italia non è mai stata per le autonomie. Lo dimostra il fatto che non hs mai agito decisamente in tal senso. Che il PD lo sia ho forti dubbi: è tutto fumo negli occhi. Un eventuale referendum verrà o insabbiato o bocciato dalla consulta!

  6. Scritto da cervello

    per la redazione, non mi pare di essere stato offensivo…

  7. Scritto da cervello

    Francia o Spagna, purche’ se magna…

  8. Scritto da marco corti

    e dove era invece quel giorno li il grande stratega Sorte…. nel frattempo maroni con i soldi del suo assessorato distribuiva fondi al pd per fare le opere della bergamasca senza chiedergli nulla …. dicamo a sua insaputa! bella figura !

    1. Scritto da Scusi ?

      Secondo lei i soldi si distribuiscono a seconda dell’amministratore locale e non dei bisogni rispettando il fatto che TUTTI gli elettori sono CONTRIBUENTI ?

  9. Scritto da Lapalisse

    Sembra banale, ma visto il leader supremo e il suo cerchio magico (una ragazzina con la sua fidatissima ed inseparabile confidente, la marionetta Toti e il cervello del gruppo, ovvero Dudu) quali risultati attendersi? Purtroppo, qualcuno non riesce a rassegnarsi all’inevitabile declino…

  10. Scritto da Cioccolatai

    Che figura da cioccolatai Fontana e Piccinelli.
    Ma a loro che frega: hanno un caldo seggio a Roma