BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Armato, cacciava caprioli in periodo di divieto: 50enne fermato a Endine

Tentativo di bracconaggio sventato dalla Polizia provinciale. Una volta raggiunto l’uomo gli agenti hanno chiesto la consegna dell’arma, che risultava carica, e della torcia, contestando la violazione della legge 157/92 art.18 comma 2 per esercizio della caccia in periodo di divieto generale e dell’articolo 13 comma 5 uso di mezzi vietati.

Gli agenti del Nucleo Ittico Venatorio del Corpo di Polizia provinciale di Bergamo, in collaborazione con la vigilanza venatoria volontaria, hanno scoperto e sventato un tentativo di bracconaggio nei confronti di ungulati.

L’episodio è avvenuto nei giorni scorsi in Val Cavallina nel comune di Endine Gaiano; verso le 23 la pattuglia del Nucleo Ittico Venatorio, in servizio per la prevenzione di atti di bracconaggio, ha visto arrivare un’autovettura fuoristrada che si è fermata a bordo di un prato e, successivamente, la luce di una torcia che illuminava il prato, individuando un esemplare di capriolo intento a nutrirsi.

Il bracconiere, munito di arma da fuoco, a questo punto si è diretto cautamente verso l’ungulato incamminandosi verso il bosco, illuminando ogni zona utile per la ricerca del capriolo; fermato dagli agenti della Polizia Provinciale l’uomo ha tentato una breve fuga ma si è fermato dopo che gli agenti, che lo hanno riconosciuto nell’identità, lo hanno chiamato per nome.

Una volta raggiunto l’uomo gli agenti hanno chiesto la consegna dell’arma, che risultava carica, e della torcia, contestando la violazione della legge 157/92 art.18 comma 2 per esercizio della caccia in periodo di divieto generale e dell’articolo 13 comma 5 uso di mezzi vietati.

Il soggetto – un cinquantenne residente in Valcavallina – ha ammesso la responsabilità di quanto accertato negando però il suo interesse ad abbattere il capriolo, affermando di essere in cerca di una volpe in quanto specie ritenuta causa di danni – ma anch’essa, in questo periodo, specie protetta.

Nello zaino rinvenuto all’interno dell’auto erano presenti attrezzature tipiche per caccia agli ungulati: un coltello per scuoiare e due corde di cui una fornita di carrucola, infine in una custodia era detenuto un visore notturno del tipo applicabile alla carabina. Si è proceduto pertanto al sequestro dell’arma, una carabina munita di ottica di precisione e di tutto quanto rinvenuto.

Come noto la caccia agli ungulati si basa su regole precise tra cui l’assegnazione del capo al cacciatore e, ovviamente, non può essere esercitata nelle ore serali e notturne. “Il prezioso patrimonio faunistico del nostro territorio, costituito da cervi, camosci, stambecchi, caprioli, aquile reali, falchi e da una moltitudine di altre specie di fauna selvatica è minacciato da questi atti di bracconaggio, che vengono prevenuti e contrastati grazie all’impegno degli uomini del Nucleo Ittico-Venatorio del Corpo di Polizia Provinciale che, nonostante l’attuale clima di incertezza sul futuro delle Province e della vigilanza, continua la propria attività istituzionale con passione e competenza” commenta il Consigliere provinciale delegato alla Polizia provinciale. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro

    e brava la polizia provinciale… peccato che grazie a Renzi tra poco non darete più fastidio ai bracconieri, povere Italia

  2. Scritto da Bracco Baldo

    Mi raccomando, date un’occhiata anche alla moltitudine di pescatori di frodo, che di notte si appostano con le reti sulle rive del Lago di Endine, ma poi di giorno al bar si tradiscono vantandosi degli esemplari catturati.

    1. Scritto da roberta

      Se pescassero quei maledetti siluri andrebbero ringraziati

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Di certo li ringrazieranno tutti i giorni la moglie e il figlio di Lorenzo Canini, morto lo scorso gennaio asfissiato a 39 anni per essere rimasto impigliato in una rete da pesca abusiva a 32 metri di profondità lungo la sponda bergamasca del lago d’Iseo. E l’assassino non si è ancora costituito: forse è troppo occupato a pescare siluri.

  3. Scritto da Timoteo

    Queste sono le notizie(dovrebbero esser molto più numerose,secondo il mio gusto)che mi piace leggere:complimenti agli agenti del Nucleo Ittico Venatorio,ed ai Volontari che fanno un lavoro purtroppo poco conosciuto,e riconosciuto.