BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Soluzione microreti Abb alle energie rinnovabili nelle comunità del Kenya

La tecnologia PowerStoreTM di ABB verrà utilizzata per stabilizzare la fornitura di energia da impianti ibridi eolici/diesel nella città di Marsabit.

Più informazioni su

ABB, Gruppo leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione, si è aggiudicata un ordine da Socabelec East Africa per la progettazione, fornitura e realizzazione di una microrete di stabilizzazione PowerStore a volano per il parco eolico di Marsabit nel Kenya settentrionale.

Il piano strategico del Paese prevede di quadruplicare la produzione di energia entro i prossimi cinque anni con ulteriori 5.000 megawatt di potenza, per fornire accesso all’energia elettrica alla maggior parte dei circa 50 milioni di abitanti entro il 2020.

Il settore dell’energia rinnovabile in Kenya è tra i più attivi in Africa e il Paese possiede alcune tra le più ricche e importanti risorse eoliche del continente. Marsabit è un’oasi al confine con il deserto situata in un’area molto ventilata del Kenya settentrionale.

La città conta circa 5.000 abitanti e non è connessa ad alcuna rete nazionale per soddisfare le sue richieste di energia. Essendo una comunità remota servita solamente da una microrete isolata, Marsabit necessita di una fornitura di energia sicura e stabile basata su fonti facilmente reperibili e preferibilmente pulite come quella eolica. La fornitura attuale di energia dell’area si affida a generatori diesel e a due turbine eoliche da 275 kilowatt (kW).

Il sistema di stabilizzazione da 500 kilowatt PowerStore di ABB, ospitato in un container, sarà integrato nella rete elettrica esistente e si interfaccerà con i controlli delle stazioni elettriche a diesel esistenti.

Ciò consentirà di massimizzare la penetrazione di energia rinnovabile attraverso la stabilizzazione della rete e l’uso dell’eccedenza di energia eolica prodotta.

La messa in servizio del progetto è prevista per il 2016.

“Lo sviluppo sostenibile dell’Africa e la promozione delle microreti sono punti focali della strategia Next Level di ABB, e per questi obiettivi sono stati delineati 1.000 day programs dedicati – ha commentato Claudio Facchin, responsabile della divisione Power Systems di ABB –. La nostra tecnologia per le microreti può significativamente supportare l’integrazione delle rinnovabili, giocando al contempo un ruolo vitale nel sostenere l’accesso all’energia pulita delle comunità remote e isolate come in questo caso”.

PowerStore di ABB è un generatore compatto e versatile per la stabilizzazione della rete. Il suo scopo principale è quello di stabilizzare e proteggere i sistemi elettrici dalle fluttuazioni della frequenza e della tensione. Questo sistema dinamico basato sulla tecnologia a volano può iniettare o assorbire energia fino al suo valore nominale e consente di integrare l’energia rinnovabile intermittente nella rete, così i clienti possono far funzionare al meglio i loro impianti ibridi.

Questi sistemi consolidati sono già utilizzati con ottimi risultati in tutto il mondo, spesso in ambienti remoti e dalle rigide condizioni climatiche. L’offerta di ABB include soluzioni di automazione e controllo intelligente che gestiscono l’integrazione delle energie rinnovabili in reti isolate, assicurando qualità dell’energia e stabilità della rete a livello di utility.

Le soluzioni di ABB consentono di raggiungere altissimi livelli di penetrazione di energia eolica e solare nelle reti alimentate a gasolio, riducendo la dipendenza da combustibili fossili e limitando al contempo le emissioni di CO2.

ABB vanta una comprovata esperienza e oltre 30 progetti per microreti attivi in tutto il mondo per una gamma di diverse applicazioni come le reti elettriche isolate, le comunità remote e i campus di ricerca e industriali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.