BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lovere, nasce il polo archeologico del Sebino e della Val Cavallina

Sabato 5 settembre all'accademia Tadini di Lovere si tiene il convegno di presentazione del progetto "Percorsi archeologici alla scoperta dell'identità culturale del territorio dei laghi bergamaschi". Con l'iniziativa nasce il polo archeologico del Sebino e della Val Cavallina.

Si terrà sabato 5 settembre, alle 9.30, alla sala degli affreschi dell’accademia Tadini di Lovere il convegno per la presentazione al pubblico del progetto "Percorsi archeologici alla scoperta dell’identità culturale del territorio dei laghi bergamaschi".

L’iniziativa, con cui nasce il polo archeologico del Sebino e della Val Cavallina, è messa in atto dai comuni di Lovere, Predore e Casazza con l’Accademia Tadini e la Comunità Montana del Laghi Bergamaschi, con il contributo di Fondazione Cariplo e la collaborazione attiva della Soprintendenza Archeologia della Lombardia.

Il progetto ha permesso di dare un importante impulso ai lavori di recupero, restauro, musealizzazione e messa in rete dei siti archeologici d’epoca romana del territorio dei laghi bergamaschi: la necropoli di Lovere, il villaggio di Cavellas a Casazza e l’impianto termale della villa patrizia di Predore.

Il nuovo polo archeologico, elemento e motore di sviluppo culturale, economico e turistico per il Sebino e la Val Cavallina sarà per le comunità locali l’occasione per riscoprire le proprie origini e rinsaldare il legame con il territorio attraverso la conoscenza delle sue trasformazioni storiche e culturali, ma saprà anche inserirsi a tutti gli effetti nel panorama storico-culturale nazionale sia per estensione sia per la ricchezza e la qualità dei reperti venuti alla luce, richiamando l’attenzione di turisti, studenti e studiosi anche da oltre i confini della provincia bergamasca.

Grazie alla nascita della rete Pad – Percorsi archeologici diffusi – inoltre, le tre aree archeologiche saranno ora connesse tra loro sia dal punto di vista sia territoriale sia gestionale. Infrastrutture multimediali e nuove applicazioni informatiche interattive dedicate, poi, renderanno ancora più stimolante e accattivante la loro fruizione e conoscenza, in un dialogo continuo tra passato, presente e futuro.

Il progetto è stato realizzato con Fondazione Cariplo, tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre mille progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre le parole chiave che ispirano oggi l’attività della fondazione. Il presidente dell’ente, Giuseppe Guzzetti evidenzia: "Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione, perché ciascuno dia il proprio contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato di fondazione Cariplo".

Nel convegno di sabato 5 settembre che si terrà a Lovere saranno presentate le aree rinvenute, recuperate, restaurate e valorizzate dal progetto con esposizioni museali, percorsi tematici, una guida dedicata, l’apposita segnaletica e le moderne applicazioni tecnologiche. Introdurranno l’appuntamento Roberto Forcella, presidente dell’Accademia Tadini e Filippo Maria Gambari, soprintendente per l’archeologia della Lombardia.

Il progetto "Percorsi archeologici alla scoperta dell’identità culturale dei laghi bergamaschi" sarà illustrato da: Giovanni Guizzetti, sindaco di Lovere (ente capofila del progetto), Marco Albertario, direttore della galleria dell’accademia Tadini; Maria Fortunati, archeologo direttore della Soprintendenza Archeologia della Lombardia ed Emiliano Garatti, archeologo; Carmen Zambetti, vicesindaco di Casazza con Mario Suardi, direttore del Museo della Val Cavallina; Paolo Bertazzoli, sindaco di Predore e da Alessandro Bigoni, presidente della comunità montana dei Laghi Bergamaschi.

Il prossimo appuntamento con Pad – Percorsi Archeologici Diffusi e il progetto "Percorsi archeologici alla scoperta dell’identità culturale dei laghi bergamaschi" si terrà venerdì 18 settembre a Casazza nell’area commerciale Migross alle 20.30, quando sarà inaugurata l’area archeologica Cavellas, il villaggio di epoca romana.

Per avere ulteriori informazioni è possibile contattare l’accademia Tadini, chiamando il numero 035 962780.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.